Moon of Alabama, 27 febbraio 2019 (trad.ossin)
 
I bombardamenti ritorsivi di India e Pakistan potrebbero degenerare in una guerra nucleare
Moon of Alabama
 
Due potenze nucleari sono attualmente impegnate in uno scontro militare che potrebbe facilmente degenerare in una guerra nucleare
 
 
Il 14 febbraio un'autobomba suicida ha colpito un convoglio di poliziotti a Pulwama, nel Kashmir sotto controllo indiano. L'attentatore suicida era un uomo del posto. Il gruppo terroristico con base in Pakistan, Jaish-e-Mohammed (JeM), ha rivendicato la responsabilità e caricato un video dell'attaccante.
 
Le elezioni generali in India sono previste a maggio e il governo indù-fascista indiano del primo ministro Narendra Modi è sotto pressione. L'incidente in Kashmir ha provocato atti di violenza dei seguaci di Modi contro la popolazione del Kashmir. Il Pakistan ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'incidente e ha chiesto un'indagine congiunta.
 
Dopo l'attacco suicida, Modi ha subito minacciato di rappresaglia il Pakistan. Ieri sono seguiti i fatti. Nel corso di un’operazione complessa, aerei da combattimento indiani hanno rilasciato bombe di provenienza israeliana contro un presunto campo di addestramento JeM vicino a Balakot. L'India ha chiarito di aver colpito obiettivi "non militari".
 
Benché i jet indiani non siano sconfinati nello spazio aereo del Pakistan, l'obiettivo si trovava tuttavia all'interno dei confini indiscussi del Pakistan. Il combattimento di terra su piccola scala tra indiani e pakistani lungo la linea di confine del Kashmir non è inconsueto, ma l'attacco aereo va oltre il limite fino ad oggi rispettato dalle parti.
 
Il Pakistan ha considerato l'incidente come un fallimento della sua capacità di deterrenza. L'India ha circa 140 armi nucleari mentre il Pakistan ne ha circa 100. L'esercito convenzionale del Pakistan è meno potente di quello indiano. Si fa strada quindi una dottrina di escalation asimmetrica che consenta attacchi nucleari in risposta agli attacchi militari convenzionali.
 
Il Pakistan non poteva lasciare l’attacco all’interno dei propri confini senza risposta. Non rispondere avrebbe costituito un precedente e favorito ulteriori attacchi indiani. Stamattina due aerei J-17a pakistani hanno trasvolato lo spazio aereo del Kashmir controllato dall'India e hanno rilasciato bombe contro ciò che l’esercito pakistano ha affermato essere un "obiettivo non militare":
 
" Non vogliamo una escalation, ma siamo pienamente preparati a farlo se saremo costretti. Questo è il motivo per cui abbiamo realizzato l'azione con un chiaro avvertimento e in pieno giorno "
 
Due obsoleti jet MIG-21 indiani sono decollati per allontanare i caccia pachistani. Sono stati attirati nello spazio aereo controllato dal Pakistan ed entrambi sono stati abbattuti. Il Pakistan ha pubblicato le foto di uno dei jet abbattuti e ha affermato che l'altro è caduto in un'area controllata dall'India. Un pilota indiano è riuscito a paracadutarsi in territorio pakistano ed è stato catturato da militari pakistani che hanno faticato (vid) a impedire agli abitanti del luogo di linciarlo. Il pilota catturato è stato bendato e interrogato (vid). Identificato come il comandante di squadra Abhi Nandan, numero di servizio: 27981, non ha risposto ad alcuna domanda. Pare che il padre sia uno stimato maresciallo delle forze aeree indiane. Il pilota sembra versare in buone condizioni (vid). Ha ringraziato l'esercito pakistano per averlo salvato dalla folla.
 
Il traffico aereo sul Pakistan e sull'India occidentale è stato chiuso.
 
 
In un discorso televisivo, il primo ministro pakistano Imran Khan ha proposto di avviare colloqui con l'India e sollecitato una deescalation:
 
" L'unico scopo della nostra azione [oggi] è stato quello di far capire che, se altri attaccano il nostro paese, noi siamo in grado di attaccare il loro. Questa è l’unica ragione di quanto abbiamo fatto", ha detto, sottolineando che erano stati colpiti obiettivi non militari. 
... 
"È importante partire da queste considerazioni, è imperativo usare la testa e agire con saggezza", ha continuato.
 
"Tutte le guerre sono sbagliate, e nessuno sa dove conducono. La prima guerra mondiale doveva durare solo qualche settimana, ma ci sono voluti sei anni prima di concluderla. Allo stesso modo, gli Stati Uniti non si aspettavano che la guerra al terrorismo durasse 17 anni.
 
"Chiedo all'India: con le armi che possedete e le armi che abbiamo, possiamo davvero permetterci un tale errore di calcolo? Se le cose peggiorano, sfuggiranno al controllo mio o di Modi ", ha continuato il primo ministro.
 
"Vi invito ancora una volta: noi siamo pronti. Comprendiamo il dolore che l'India ha sofferto a Pulwama e siamo pronti a qualsiasi tipo di dialogo sul terrorismo, ribadisco che dovrebbe prevalere il buonsenso.
 
"Sediamoci insieme e sistemiamo tutto con il dialogo", ha concluso il primo ministro "
 
La Cina, la Russia e gli Stati Uniti hanno invitato entrambe le parti a ritirarsi e ad appianare i contrasti.
 
Nel frattempo l'India ha falsamente affermato di aver abbattuto un jet F-16 pakistano.
 
Spetterà a Modi fare il passo successivo. Il pilota catturato complicherà la questione per il governo indiano. Deve trovare un modo per farlo rilasciare.
 
Il fatto che l’aeronautica militare indiana utilizzi ancora l’obsoleto MIG-21, un modello che risale al 1956, contro il F-17 pakistano-cinese, all’avanguardia della tecnologia, pone nuove domande sull’accordo corruttivo di Modi per l’acquisto di jet Rafale dalla Francia. Come abbiamo scritto lo scorso settembre:
 
" In breve: il precedente governo ha firmato un contratto con France Dassault per l'acquisto di 126 jet Rafale per $ 10,6 miliardi. Il 30% del prezzo avrebbe dovuto essere girato da Dassault al produttore indiano di aerei HAL, di proprietà dello stato indiano, per l’assemblaggio della maggior parte degli aerei. Modi è volato a Parigi e ha modificato l'accordo all’insaputa del suo gabinetto e dell'esercito del paese. L'India avrà solo 36 Rafales ma li pagherà $ 8,7 miliardi. Il 30% andrebbe a una società indiana privata appartenente al Gruppo Reliance, mezzo in bancarotta, per progetti non correlati e senza alcun trasferimento di know-how. Non si sa ancora in che modo Reliance, di proprietà della famiglia Ambani, un tempo ricchissima, si colleghi a Modi e al suo partito. Si levano appelli alle dimissioni di Modi, ma è assai improbabile che lo faccia. Il problema si aggraverà "
 
Non rispondere all'attacco di oggi farà apparire Modi debole e rischia di costargli la rielezione. Rispondere con un nuovo attacco contro il Pakistan metterà seriamente in pericolo entrambi i paesi.
 
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2019