Unz Review, 28 aprile 2020 (trad.ossin)
 
Netanyahu è tornato ancora una volta
Philip Giraldi
 
Rahm Emanuel, fino a poco tempo fa sindaco di Chicago e prima consigliere dei presidenti Bill Clinton e Barack Obama, e ancora prima volontario nell'esercito israeliano, ha detto una volta che una buona crisi non dovrebbe mai andare sprecata. Voleva dire, ovviamente, che una crisi può essere sfruttata per fornire una copertura ad altri imbrogli politici. Era un'osservazione particolarmente appropriata dal momento che lavorava per un predatore sessuale come Bill, che una volta ha attaccato una fabbrica farmaceutica "terroristica" in Sudan, solo per distogliere l'attenzione dallo scandalo di Monica Lewinski.
 
Il candidato democratico alla presidenza USA, Joe Biden, con il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu
 
A dire il vero, il governo degli Stati Uniti sta concentrando la sua attenzione sul coronavirus e usa questa copertura anche per aumentare la pressione sui "nemici" vicini e lontani. Mentre il coronavirus continua a diffondersi, la Casa Bianca di Trump e il Segretario di Stato Mike Pompeo hanno reso ancora più minaccioso il loro tintinnio di sciabole, sembrerebbe per tenere buoni Russia, Cina, Iran e Venezuela. Ironia della sorte, ovviamente nessuno dei paesi intimiditi sta effettivamente minacciando gli Stati Uniti, ma noi statunitensi abbiamo da tempo appreso che le percezioni sono più importanti dei fatti, quando si tratta dell'attuale occupante dell'ufficio ovale e dei suoi due predecessori.
 
L'ultima bella menzogna uscita dalla Casa Bianca è in un tweet presidenziale che prende di mira il solito pungiball, l'Iran. Traendo spunto da un incidente avvenuto due settimane fa, Trump ha minacciato: "Ho incaricato la Marina degli Stati Uniti di abbattere e distruggere qualsiasi cannoniera iraniana che dia fastidio alle nostre navi in mare". Le cannoniere volanti dell'Iran sono chiaramente una forza formidabile, ma è certamente rassicurante notare che viene impegnato il fuoco navale antiaereo per fronteggiarle. Bisognerebbe anche dire che le navi della Marina statunitense in questione si trovano in uno specchio d'acqua generalmente chiamato Golfo Persico, dove effettuano manovre proprio al largo della costa iraniana. Nel frattempo, le cannoniere iraniane volanti non sono state ancora osservate al largo del New Jersey, ma probabilmente stanno aspettando di essere trasportate sulla costa orientale da quegli enormi alianti transoceanici che una volta gli USA dicevano fossero in costruzione da parte di Saddam Hussein.
 
Approfittando della copertura fornita dal virus, non dovrebbe sorprenderci che anche Israele stia giocando lo stesso gioco. Lo Stato ebraico continua i suoi bombardamenti omicidi contro la Siria, senza quasi nessuna attenzione da parte dei media internazionali. Nel corso di un recente attacco missilistico, nove persone sono state uccise vicino alla storica città di Palmyra. Tre di essi erano siriani, mentre altri sei erano presunti sciiti libanesi alleati del governo di Damasco. Israele di fatto considera ogni sciita come un "iraniano" o una "delegazione iraniana" e quindi un "terrorista" che può essere ucciso a vista.
 
Ma la più grande storia legata al coronavirus ha a che fare con la politica interna di Israele. Benjamin Netanyahu e il suo principale avversario Benny Gantz hanno raggiunto un accordo per formare un governo nazionale, dicono per far fronte alla crisi sanitaria. L'astuto Netanyahu, che continuerà a essere il primo ministro nell'ambito di questo accordo, ha quindi mantenuto il controllo sul governo, bloccando anche le richieste della magistratura di poterlo processare con l’accusa di corruzione. Come parte dell'accordo con Gantz, Netanyahu avrà il potere di veto sulla nomina del nuovo procuratore generale e del procuratore del governo, garantendosi la nomina di persone che respingeranno le accuse.
 
E altre cose arriveranno, con l'acquiescenza di Washington. Le elezioni statunitensi sono tra poco più di sei mesi e Donald Trump sa bene di aver bisogno del sostegno politico di Netanyahu per dare la carica ai suoi rabbiosi sostenitori del sionismo cristiano, così come dei soldi provenienti dagli oligarchi ebrei Sheldon Adelson, Bernard Marcus e Paul Singer. Quindi, è tempo di stabilire un quid pro quo, che sarà l’aiuto del governo israeliano per mobilitare i potenti e ricchi ebrei statunitensi a favore di Trump, mentre la Casa Bianca guarderà dall'altra parte mentre Israele si annette la maggior parte della restante Cisgiordania palestinese. Pompeo ha accolto con favore il nuovo governo israeliano e ha confermato che l'annessione della terra palestinese sarà "in definitiva una decisione di Israele", il che equivale a un via libera per Netanyahu.
 
Secondo quanto riferito, la Knesset voterà sull'annessione della Cisgiordania all'inizio di luglio, e seguiranno poi iniziative volte a integrare gli insediamenti ebraici in Israele. Secondo il quotidiano liberal israeliano Haaretz, la prevista annessione ha sollevato qualche preoccupazione tra talune organizzazioni ebraiche liberal statunitensi, perché convincerà molti progressisti negli Stati Uniti che Israele è diventato veramente uno Stato di apartheid. J Street ha avvertito che l'annessione "avrebbe gravemente messo in pericolo il futuro di Israele come patria democratica per il popolo ebraico, insieme al futuro delle relazioni USA-Israele" e ha persino suggerito di tagliare gli aiuti statunitensi se questo passo fosse effettivamente compiuto. La maggior parte degli altri sedicenti gruppi liberal ha adottato il solito sistema sionista delle due fasi, vale a dire che hanno condannato l’iniziativa ma non hanno sostenuto alcuna vera misura efficace per evitarla. E va anche notato che le più grandi e potenti organizzazioni ebraiche come la American Israel Public Affairs Committee (AIPAC) e la Sionist Organization of America (ZOA) non hanno sollevato alcuna obiezione.
 
Singoli ebrei liberal, compresi quelli che si considerano sionisti, hanno generalmente manifestato preoccupazione per l’iniziativa, anche se per motivi piuttosto ipocriti, in base alla loro convinzione che l'annessione provocherebbe la distruzione di ogni possibile soluzione a due Stati, danneggiando sia i diritti dei Palestinesi che la "Democrazia ebraica". Alcuni hanno anche accolto con favore il cambiamento, notando che avrebbe creato un unico Stato, di fatto, che alla fine dovrebbe evolversi in una democrazia moderna con pari diritti per tutti. Tale pensiero è, tuttavia, senza senso. Israele sotto Netanyahu, o sotto qualsiasi altra variante fascista che alla fine gli succederà, si considera uno Stato ebraico e farà tutto il possibile per restarlo, anche espropriando i restanti Arabi della loro terra e dei loro possedimenti, spogliandoli dal loro status legale e costringendoli ad andarsene come rifugiati. Questo è qualcosa che potrebbe essere definito pulizia etnica o addirittura genocidio.
 
E quegli statunitensi di buona volontà che sperano in un cambiamento se qualcuno di nome Joe Biden sconfiggerà Trump possono anche dimenticarsi di questa opzione. Biden ha dichiarato al New York Times che “credo che una soluzione a due Stati rimanga l'unico modo per garantire la sicurezza a lungo termine di Israele, sostenendo al contempo la sua identità ebraica e democratica. È anche l'unico modo per garantire la dignità palestinese e il loro legittimo interesse all'autodeterminazione nazionale. Ed è una condizione necessaria per sfruttare appieno l'apertura che esiste per una maggiore cooperazione tra Israele e i suoi vicini arabi. Per tutti questi motivi, incoraggiare una soluzione a due Stati rimane nell'interesse critico degli Stati Uniti ".
 
Sfortunatamente, qualcuno dovrebbe dire a Joe che quel particolare treno ha già lasciato la stazione a causa dell'espansione degli insediamenti dello Stato ebraico. Ma, a parte le belle parole dell'uomo che si candida a fare il presidente, va ricordato che Biden è legato alla lobby israeliana dalla quale riceve sostegno politico e denaro, e si piegherà davanti all'AIPAC e compagnia come un abito a buon mercato. Ha dichiarato che "Non devi essere ebreo per essere sionista, io sono un sionista" e "Il mio nome è Joe Biden, e tutti sanno che amo Israele". Il dibattito dei candidati alla vicepresidenza con Sarah Palin nel 2008 è diventato imbarazzante quando lui e Palin si sono entrambi impegnati in lunghi soliloqui su quanto hanno a cuore Israele. E in effetti è così. Ogni politico in competizione elettorale ama Israele.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020