Ha'aretz, 31 agosto 2020 (trad.ossin)
 
Le proteste anti-Netanyahu continuano a crescere, ma fino a quando?
Nir Hasson
 
Le manifestazioni popolari che chiedono le dimissioni del primo ministro israeliano potrebbero esaurirsi con l'inizio dell'anno scolastico. Ma se continueranno anche a settembre, i politici non potranno più ignorare il movimento
 
La manifestazione contro Netanuahu a Gerusalemme del 29 agosto 2020 - Ohad Zwigenberg
 
L'ultima delle manifestazioni di sabato sera contro il primo ministro Benjamin Netanyahu, di fronte alla sua residenza ufficiale a Gerusalemme, è stata la più grande finora.
 
Secondo gli organizzatori, 39.000 persone hanno riempito Paris Square, vicino alla residenza del Premier. Una fonte ufficiale della polizia ha stimato la folla in 12.000, mentre il numero reale sembra poter essere stimato in una via di mezzo. Chi scrive ha calcolato che, al suo apice, la protesta di sabato ha attirato una folla di circa 20.000 persone, in base alle dimensioni della piazza e alla densità della folla.
 
La polizia ha ampliato l'area riservata ai manifestanti e rimosso diverse barriere poste per controllo. Al culmine della protesta, le persone erano in piedi, spalla a spalla, e altre centinaia erano fuori dall'area riservata di 7.500 metri quadrati (81.000 piedi quadrati). Calcolando una media di due persone e mezzo per metro quadro, si avrebbe un totale di quasi 20.000 persone.
 
La decisione di allargare l'area riservata ai manifestanti dimostra la maggiore flessibilità e l'approccio più indulgente che la polizia ha adottato sabato, rispetto a una settimana prima. Le forze di polizia erano agli ordini del comandante del distretto di Gerusalemme, Doron Yadid, che ha scelto di ridurre al minimo la possibilità di attriti con i manifestanti.
 
Questa scelta, hanno detto fonti della polizia, è stata fatta prima della protesta di giovedì sera a Tel Aviv, il che significa che non è stata influenzata dalla relativa indulgenza mostrata dalla polizia il giovedì precedente. In ogni caso, la polizia ha rimosso le barriere di controllo della folla, ha aspettato fino alle 24:30 prima di disperdere la folla e ha arrestato relativamente pochi manifestanti.
 
Sembrava che anche gli ufficiali avessero ricevuto disposizioni di mostrare sensibilità. Questo giornalista non era mai stato chiamato "signore" così tante volte in una sola sera come sabato, quando la polizia cercava di spostarlo da un luogo all'altro.
 
Manifestanti a Gerusalemme il 29 agosto 2020 - Ohad Zwigenberg 

 
Tuttavia la polizia, nonostante tre tentativi in questo senso, non è riuscita a fermare, o almeno a controllare, circa 2.000 manifestanti che hanno marciato dal ponte posto all'ingresso occidentale di Gerusalemme fino a Paris Square. Era la seconda volta in due settimane che in città veniva organizzata la cosiddetta Marcia della Speranza. La settimana prima era stata segnata da scontri con la polizia, che ha usato la forza per disperderla, e il sovrintendente capo Niso Guetta della polizia distrettuale di Gerusalemme è stato filmato mentre colpiva diversi manifestanti.
 
Quando i manifestanti anti- Netanyahu sono arrivati in Paris Square questo sabato, si sono incrociati con un nuovo gruppo di manifestanti – elementi del Bratslav Hasidic che protestavano per il fatto che era stato loro impedito di volare per il tradizionale pellegrinaggio di Rosh Hashanah a Uman, la città ucraina dove il fondatore del chassidismo di Bratslav, Rabbi Nachman, è sepolto.
 
I manifestanti, di destra e di sinistra, contro la presunta corruzione del Primo Ministro non hanno molto in comune con quelli che protestano per il diritto di recarsi ad Uman. Ma i manifestanti ultraortodossi di Bratslav sono stati accolti con applausi dai manifestanti anti-corruzione, poco dopo i due gruppi hanno però litigato. Più tardi un piccolo gruppo di chassidim ha bloccato la principale arteria stradale di Gerusalemme, Jaffa Road, ed è stato disperso con grande forza dalla polizia.
 
Vacanze autunnali
 
L'attuale ondata di proteste anti-Netanyahu è iniziata con quella del il 14 luglio a Gerusalemme, seguita da altre sette grandi proteste del sabato sera, oltre a innumerevoli proteste minori in tutto il paese. Le proteste per la giustizia sociale del 2011 iniziarono a Tel Aviv, sempre il 14 luglio. Meno di due mesi dopo, il 3 settembre 2011, raggiunsero il picco di centinaia di migliaia di partecipanti, poi sono svanite.
 
Finora, le proteste di questa estate hanno continuato a crescere di settimana in settimana, con più manifestanti, insieme ad ulteriori proteste sui cavalcavia autostradali e una più ampia presenza dei media. A questo punto, i partecipanti hanno mantenuto il loro slogan di non mollare fino alle dimissioni del Primo Ministro.
 
Questo movimento di protesta è concentrato, spontaneo e giovane, contando su migliaia di persone che hanno pagato 25 shekel (7,40 dollari) per il trasporto a Paris Square, dove molti di loro inalberano cartelli scritti con un pennarello su pezzi di cartone attaccati ai manici di scopa. La rabbia è autentica, l'energia tanta. Ma a partire dalla prossima settimana, i manifestanti dovranno affrontare una nuova sfida.
 
L' anno scolastico inizia martedì, il che significa un ritorno, più o meno, alla routine. E le festività ebraiche autunnali iniziano a metà settembre. Anche se la maggior parte dei manifestanti a Gerusalemme non ha l’età di chi deve mandare i bambini a scuola, dovrà comunque confrontarsi col sentimento diffuso che il paese stia riprendendo una normale routine, e quindi c’è meno tempo ed energia per protestare.
 
Fino ad ora, il cinico sistema politico israeliano ha dimostrato una capacità impressionante di resistere alle proteste popolari. Non c'è nulla che sembri minacciare una disconnessione tra la leadership del Paese e i manifestanti, o che indichi che le proteste stanno portando a qualsiasi tipo di cambiamento politico. Se le proteste sopravvivranno alla sfida delle vacanze di settembre, la sfida di ottobre dovrà essere affrontata dai politici e richiederà uno sforzo maggiore da parte loro per continuare a ignorare ciò che sta accadendo sotto le loro finestre.
 
Leggi anche:
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020