The Saker, 11 novembre 2020 (trad. ossin)
 
Come si è chiusa la guerra per il Nagorno-Karabakh
the saker
 
Molte cose sono accadute assai rapidamente negli ultimi due giorni e inizierò questa analisi con alcuni punti che riassumono ciò che è appena accaduto (non secondo un qualche ordine, nemmeno cronologico):
 
Manifestanti contro il cessate il fuoco occupano il Parlamento armeno
 
- La guerra che si è appena conclusa è stata un vero bagno di sangue e ha fatto registrare più vittime (da entrambe le parti) di quante ne abbia subito l'Unione Sovietica in 10 anni di guerra in Afghanistan
 
- Questa guerra ora è finita, le forze di pace russe sono già state schierate lungo la linea di contatto. Finora, nessuna delle due parti ha avuto il coraggio di riprendere le ostilità (ne parleremo più avanti).
 
- Ci sono stati due giorni di celebrazioni a Baku, durante i quali il presidente Aliev ha dichiarato che la guerra è stata un trionfo per le forze azere e che Pashinian non ha ottenuto nulla. Ha ragione.
 
- Gli Azeri ora pretendono un risarcimento dall'Armenia.
 
- Attualmente forze turche sono presenti in Azerbaigian e forze russe e turche hanno creato un comitato congiunto per coordinare le azioni.
 
- Erdogan ha insistito che voleva la presenza anche di caschi blu turchi, ma Putin ha categoricamente respinto questa richiesta: come ogni altro Stato, l'Azerbaigian ha il diritto indiscusso di invitare forze straniere sul suo territorio, ma le forze turche non avranno lo status e i diritti di una forza di mantenimento della pace.
 
- Violente rivolte sono scoppiate a Erevan, dove folle infuriate hanno preso d'assalto edifici governativi, picchiato funzionari e saccheggiato il Parlamento.
 
- Diciassette partiti armeni dell'opposizione hanno dichiarato di volere un comitato di salvezza nazionale e le dimissioni di Pashinian.
 
- Nessuno sa dove si nasconda Pashinian, ma sembra si trovi ancora da qualche parte in Armenia.
 
- Queste folle hanno anche distrutto gli uffici di Soros a Erevan e ora stanno cercando Pashinian "il traditore" per linciarlo.
 
- Pashinian si è lamentato su Twitter che i suoi uffici sono stati saccheggiati, che un computer, la sua patente di guida e, non scherzo, una bottiglia di profumo (povero bambino profumato!) sono stati rubati.
 
- La forza russa di mantenimento della pace sarà costituita da sub-unità della 15a Brigata Indipendente di Fucilieri Motorizzati, che a sua volta fa parte della 2a Armata di Armi Combinate delle Guardie del Distretto Militare Centrale. Comprenderà circa 2000 soldati armati, APC e IFV, veicoli specializzati (EW, C3I, ecc.), droni e sistemi di difesa aerea.
 
- I caschi blu russi rimarranno dispiegati in quest'area per non meno di 5 anni.
 
- La Russia ora controllerà sia il corridoio del Nagorno-Karabakh (NK) che il corridoio del Nakhichevan.
 
Ora mettiamo a confronto la posizione delle parti alla fine di questa guerra.
 
Armenia: non c'è dubbio che l'Armenia è la più grande sconfitta in questa guerra. Pashinian e la sua banda di Sorositi russofobi sono stati una vera calamità per il loro popolo. Da quando è salito al potere, le sue iniziative anti-russe comprendevano l'eliminazione quasi totale di qualsiasi partecipazione armena alla CSTO, ha cessato completamente qualsiasi collaborazione con la Russia (inclusi i campi dell'intelligence e della sicurezza), ha epurato le forze armate e di sicurezza da tutti i presunti elementi "filo-russi", ha bandito le scuole di lingua russa. Al contrario, l'Armenia ha un'ambasciata statunitense assolutamente enorme con un personale di circa 2000 persone (tanto quanto l'intera forza russa di mantenimento della pace!) E quando gli Azeri hanno attaccato, Pashinin ha rifiutato di chiedere aiuto alla Russia per un mese intero. Ha invece chiesto aiuto a Trump, Merkel e Macron. Ovviamente.
 
A dire il vero, gli Armeni non avevano altra scelta se non quella di accettare le condizioni poste dagli Azeri. Gli Armeni hanno subito enormi perdite mentre gli Azeri hanno preso Shushi, la città-chiave strategica che controlla sia la capitale del Nagorno-Karabakh, Stepanakert, che il corridoio tra il NK e l'Armenia. Se Pashinian non avesse sottoscritto l’accordo di pace, gli Armeni circondati sarebbero stati massacrati dagli Azeri (in questa guerra, entrambe le parti hanno dichiarato di non avere fatto quasi nessun prigioniero. Perché? Perché sono stati quasi tutti ammazzati, spesso dopo orribili torture in entrambi i campi). Gli analisti russi dicono anche che all’Armenia sono rapidamente venute a mancare le forniture (qualcosa cui ha fatto cenno anche Pashinian)
 
In poche parole: il piano di Aliev ha funzionato, la cieca arroganza dei leader armeni, insieme alle loro politiche suicide, sono quasi costate all'Armenia la completa perdita del NK e, forse, hanno persino messo a rischio l'esistenza stessa del paese. Con tutti i migliori ufficiali armeni rimossi (inclusi gli eroi della prima guerra del Karabakh, che l'Armenia vinse), sono rimasti solo i pagliacci deliranti che hanno promesso che l'Armenia, senza alcun aiuto, anche senza l'aiuto russo, avrebbe vinto la guerra e avanzare fino a Baku (sì, sembravano deliranti come certi leader britannici).
 
Tacchino: il prossimo grande perdente di questa guerra è la Turchia il cui proposito di riunire tutte le nazioni turche sotto un unico impero neo-ottomano è, conformemente alle previsioni, crollato. Ancora. Erdogan è un megalomane e piantagrane di livello mondiale, e ha coinvolto la Turchia in guerre (o quasi) con Siria, Israele, Iraq, Grecia, Libia, Iran, Russia e persino (in una certa misura) la NATO. E non dimentichiamo le sanguinose operazioni contro i Curdi ovunque. È un vero megalomane e questo lo rende molto, molto pericoloso. La Russia è intervenuta militarmente in Siria, Libia e ora in Azerbaigian per negare alla Turchia il suo aspirante status di impero e ogni volta abbiamo potuto constatare che la Turchia, come paese, semplicemente non ha le risorse per costruire un impero, soprattutto perché Erdogan semplicemente non capisce che aprire contemporaneamente conflitti su più fronti è una ricetta per il disastro.
 
C'è anche una forte probabilità che siano stati i Turchi ad abbattere il Mi-24 russo proprio all'interno dello spazio aereo armeno: il loro obiettivo era costringere la Russia a smettere di cercare una soluzione negoziata e imporre la prosecuzione delle ostilità. Grazie a Dio per le superbe capacità strategiche di Aliev, che gli hanno permesso di fare qualcosa di molto intelligente: si è preso la colpa di quello che ha definito un tragico errore e ha offerto ogni sorta di compensazioni e scuse. La decisione di Aliev di prendersi la colpa probabilmente è arrivata dopo che lui e Putin (che sono amici intimi) hanno avuto quello che i diplomatici chiamano un "franco scambio di opinioni".
 
I Turchi stanno molto enfatizzando il fatto che gli Azeri avevano invitato le forze turche in Azerbaigian. Ma siamo onesti: Azeri e Turchi sono stati sempre vicini e non c’era nessuna ragione perché gli Azeri non dovessero chiedere l’aiuto della Turchia. Il vero problema è cosa possano fare queste forze turche presenti nel paese. Affermo che, sebbene non dovremmo mai sottovalutare il potenziale tossico sempre intrinseco alla presenza di forze turche, c'è ben poco che esse possano fare se non 1) monitorare la situazione e 2) coordinarsi con i Russi per tenersi lontani l'uno dall'altro. Ma ciò che queste forze non saranno in grado di fare è attaccare, o addirittura minacciare di attaccare, le forze armene e / o russe (vedi sotto perché).
 
Russia: la Russia è l'unico vero vincitore di questa guerra. Lo so, c'è una potente lobby armena negli Stati Uniti, in Europa e in Russia, e sta cercando di presentare la sconfitta dell’Armenia come una sconfitta della Russia. Francamente, capisco la loro amarezza e mi dispiace per loro, ma si sbagliano assolutamente. Ecco perché:
 
In primo luogo, la Russia si è ora affermata come l'unica potenza nel Caucaso che può portare la pace. 2000 unità di personale statunitense a Erevan per anni non hanno fatto assolutamente nulla per aiutare veramente l'Armenia, tutto ciò che hanno fatto è stato di imporre all'Armenia politiche russofobiche suicide, questo è tutto. La stessa quantità di soldati russi ha letteralmente portato la pace dall'oggi al domani. Qui devo spiegare qualcosa sulle unità che sono state inviate in Azerbaigian: la 15a Brigata Indipendente di Fucilieri Motorizzati (15IMRB).
 
La 15IMRB non è una forza di mantenimento della pace nel significato occidentale del termine. E’ piuttosto una forza di combattimento d'élite specializzata in missioni di mantenimento della pace e pacificazione ("coercizione alla pace" nella terminologia russa). Il suo personale è composto al 100% da professionisti, la maggior parte dei quali ha una vasta esperienza di combattimento: hanno partecipato all'operazione di pace contro la Georgia l'8 agosto 2008 e in Siria. Si tratta di forze di punta, ben addestrate, superbamente equipaggiate che, oltre alle proprie capacità, possono contare pienamente sul sostegno delle forze russe in Armenia e sul pieno appoggio dell'intero esercito russo. Coloro che dicono che questa forza è una forza simbolica leggermente armata semplicemente non capiscono niente di questi problemi.
 
L'intero teatro delle operazioni di questa guerra è situato all'interno dello spazio di 1000 chilometri dal confine russo nell’ambito del quale l'esercito russo intende mantenere una capacità di escalation in caso di guerra. Per ripetere, l'esercito russo non è organizzato come l'esercito statunitense: la dottrina militare russa è puramente difensiva - questa non è propaganda - e fa affidamento per questa difesa sulla sua capacità di dispiegare molto rapidamente forze meccanizzate ovunque all'interno della Russia e entro circa 1000 km dal confine russo, e sulla sua capacità di distruggere qualsiasi forza che entri in questa zona. La Russia si affida anche a sistemi d'arma avanzati in grado di scatenare molta potenza di fuoco in difesa delle sue task force. In altre parole, nonostante il 15IMRB sia solo una forza di spedizione delle dimensioni di una brigata, esso è addestrato a rintanarsi ed a mantenere una posizione fino a quando i rinforzi (soldati e / o potenza di fuoco) riescano a giungere dalla Russia. Potete paragonarlo in qualche misura alla task force russa presente in Siria, solo molto più vicina alla Russia e, quindi, molto più facile da supportare se necessario.
 
Tornando all'abbattimento di un Mi-24 russo, questa azione non passerà inosservata o dimenticata, di questo potete star certi. Il fatto che Putin (e l'esercito russo) non si comportino come farebbero gli Stati Uniti scatenando subito rappresaglie, non significa che i Russi non si preoccupino, abbiano dimenticato o abbiano paura. C'è un proverbio ebraico che dice " una buona vita è la migliore vendetta ". Parafraserei questo dicendo che il motto di Putin potrebbe essere “ un risultato vantaggioso è la miglior rappresaglia ”: questo è quello che abbiamo visto in Siria ed è quello che accadrà in Azerbaigian.
 
Un altro punto di forza per la Russia è che ora può (sinceramente) dichiarare che le rivoluzioni colorate si traducono inevitabilmente in perdite territoriali (Ucraina, Georgia e ora Armenia) e caos politico (ovunque).
 
Quindi, guardate la seguente mappa (è in russo, ma non è un problema):
 
 
Si prega di guardare le due spesse linee blu: mostrano i corridoi tra l'Azerbaigian e la provincia azera di Nakhichevan e il corridoio tra l'Armenia e il Nagorno-Karabakh. Questi due corridoi sono assolutamente vitali per entrambi questi paesi e ora saranno sotto il controllo delle guardie di frontiera del FSB (le guardie di frontiera russe sono unità leggere, mobili e d'élite, paragonabili in termini di addestramento e capacità ai loro colleghi delle forze aviotrasportate, non crediate che siano qualcosa come i funzionari doganali o di frontiera degli Stati Uniti o dell'UE). Sono unità d'élite molto resistenti che sono addestrate a combattere contro una forza molto superiore fino all'arrivo dei rinforzi.
 
Ciò che questo significa in termini strategici è che la Russia ora ha una presa di ferro su quella che è un'arteria strategica vitale sia per l'Azerbaigian che per l'Armenia. Nessuna delle parti in causa intende enfatizzare molto questo punto, non c'è bisogno di umiliare nessuno, ma quelli che sanno si rendono conto di quale fantastica capacità di pressione Putin ha appena dotato la Russia nel Caucaso. Potete pensare a questi due corridoi come ad un'ancora di salvezza per entrambi gli Stati purché si tenga presente che questi corridoi sono anche pugnali strategici nelle mani dei Russi puntati sugli organi vitali di entrambi gli Stati.
 
Il solito coro di odiatori di Putin che ha cantato il mantra "Putin ha perso il controllo sui paesi vicini" dovrebbe ora vergognarsi della sua incapacità di comprendere e infuriarsi per il colpo che "Putin" ha inferto alle sue speranze, ma quel tipo di pensiero magico non cambierà la realtà sul campo: lungi dal perdere qualcosa, Putin si è assicurato un'immensa vittoria strategica della Russia al costo di 2 soldati morti, un ferito e un elicottero.
 
D'ora in poi, la Russia avrà forze militari permanenti sia in Armenia che in Azerbaigian. La Georgia è stata effettivamente castrata. Il Caucaso russo è per lo più pacifico e prospero, sia il Mar Nero che il Caspio sono de facto "laghi russi" e il "ventre" russo è ora molto più forte di quanto non fosse mai stato prima.
 
Ci piacerebbe vedere quando mai una qualsiasi potenza occidentale riesce ad ottenere un risultato simile ????
 
Conclusione:
 
Questa guerra è ora solo congelata e, come in Siria, ci saranno provocazioni, attacchi sotto falsa bandiera, battute d'arresto ed innocenti uccisi. Ma, come in Siria, Putin preferirà sempre una strategia tranquilla con perdite minime rispetto a una che si affidi alle minacce, all’ostilità e alle rappresaglie istantanee. Ci sono anche quelle che io chiamo le "regole dell'uso della forza da parte di Putin": non usare mai la forza dove previsto, usare sempre la forza quando meno se lo aspettano e usare sempre la forza in un modo che i nemici non riescano a prevedere. Eppure non sono tutte rose e fiori, ci saranno sicuramente dei contrattempi, Erdogan è arrabbiato e ha ancora voglia di interpretare un ruolo. Putin, in un tipico modo russo, gli riconoscerà quel "ruolo", ma quel ruolo sarà minimo e principalmente utilizzabile a fini promozionali interni. Erdogan, lungi dall'essere un nuovo Mehmed The Conqueror e "The Great Eagle", passerà alla storia come Erdogan The Loser e il "Pollo sconfitto". La megalomania potrebbe essere un prerequisito per un costruttore di impero ma, da sola, non è chiaramente sufficiente.
 
Che cosa succederà dopo?
 
Pashinian sarà rovesciato. Importante, per l'Armenia, è sapere chi lo sostituirà. Ahimè, ci sono nazionalisti anti-Pashinian là che sono russofobi quanto lui e la sua banda. Inoltre, considerando l’isterismo dilagante in Armenia, c'è una reale possibilità che un nuovo governo possa annullare il cessate il fuoco e impegnarsi in una “lotta fino alla fine”. Questo potrebbe essere un grosso problema, anche per le forze russe in Armenia e le forze di pace, ma è anche probabile che, nel momento in cui il popolo armeno capirà davvero che 1) gli hanno mentito e 2) ha subito una sconfitta schiacciante, gli appelli alla guerra saranno soffocati da voci più sensate (comprese quelle dei leader attualmente incarcerati prima del 2018).
 
C'è anche un'enorme immigrazione armena in Russia che leggerà le notizie e le analisi pubblicate in Russia, e potrà avere piena consapevolezza della realtà dei fatti. Questi immigrati rappresentano un'enorme risorsa per l'Armenia, perché saranno loro a spingere per una forte collaborazione con la Russia di cui, francamente, l'Armenia ora ha bisogno più di ogni altra cosa. In questo momento, a giudicare da ciò che dicono gli analisti russi filo-armeni, gli Armeni e i loro sostenitori sono assolutamente inorriditi da questo risultato e ipotizzano che i Turchi siano ormai penetrati in profondità nella sfera di influenza russa. Voci sensate rispondono che questo presunto "inserimento" nella sfera di influenza russa sarà utilizzato solo a fini di propaganda interna e che è molto meglio che qualche forza turca operi all'interno della sfera di influenza russa piuttosto che il contrario. In altre parole, quando questi sostenitori dell'Armenia affermano che Erdogan si è oramai inserito nella sfera di influenza russa, ammettono anche che si tratta di una sfera di influenza russa, non turca. Semplicemente non si rendono conto di quello dicono, tutto qui.
 
Francamente, le diaspore armene in Russia, nell'UE e negli Stati Uniti sono organizzate in modo superbo, hanno molti soldi e attualmente controllano la narrativa nella UE e negli Stati Uniti (in Russia ci hanno provato, ma hanno miseramente fallito). Aggiungete a questo il fatto che Aliev è stato colui che ha iniziato quella guerra e che è un forte alleato della Turchia di Erdogan e capirete perché l'entità della sconfitta armena sia sistematicamente sottovalutata dai media occidentali. Va bene, lasciate che passino alcuni mesi e la realtà della situazione alla fine convincerà anche coloro che attualmente la negano.
 
In questo momento, questo è esattamente il processo (violentemente) in atto a Erevan. Ma prima o poi, ai saccheggi subentrerà una sorta di governo di unità nazionale e, se questo governo vorrà porre fine alle orrende perdite e vorrà ricostruire ciò che è rimasto in piedi, dovrà chiamare il Cremlino e offrire alla Russia una specie di accordo. E’ inutile che oggi l'immensa ambasciata degli Stati Uniti e le centinaia di "ONG" sponsorizzate da Soros si oppongano con tutte le loro forze. Ma con gli Stati Uniti stessi che lottano per la sopravvivenza, l'UE nel caos totale e i Turchi che falliscono in tutto ciò che tentano, questa semplicemente non è un'opzione praticabile.
 
I Russi dicono scherzando che ci vogliono 2 ebrei per imbrogliare 1 armeno, il che significa che gli Armeni sono forse anche più intelligenti degli Ebrei (che, in tutta onestà, non sono affatto intelligenti, questa è per lo più la loro propaganda egocentrica e autoadoratrice). Tendo a condividere questa ammirazione verso il popolo armeno: gli Armeni hanno una nazione e una cultura antiche, veramente nobili e belle, e meritano di vivere in pace e sicurezza dopo avere subito molti orrori nella loro storia. Si meritano molto di più di un Pashinian, tirapiedi della CIA / MI6! In questo momento, la nazione armena vive decisamente un momento negativo della storia, paragonabile agli anni '90 "democratici" in Russia o all'attuale orrore "liberal" in atto negli Stati Uniti. Ma, come amava dire Dostoevskij, "non si dovrebbe mai giudicare una nazione da quanto in basso può affondare, ma da quanto in alto può salire ".
 
La cosa migliore per l'Armenia, oggettivamente, sarebbe entrare a far parte della Russia (come nel suo recente passato). Ma questo non accadrà: in primo luogo, il nazionalismo armeno è più cieco e ottuso che mai e, inoltre, la Russia non accetterebbe mai l'Armenia nella Federazione Russa, e perché dovrebbe? L'Armenia non ha esattamente nulla da offrire alla Russia, tranne un territorio difficile da proteggere con vicini potenzialmente pericolosi. No, la Russia non ha mai perso l'Armenia: è stata l'Armenia a perdere la Russia. Ora il massimo che il Cremlino offrirà all'Armenia è 1) protezione contro tutti i vicini e 2) aiuto economico.
 
Per quanto riguarda il resto, vediamo se il prossimo governo armeno rientrerà nella CSTO, non solo a parole (come è avvenuto negli ultimi due anni), ma nei fatti (come riprendere scambi di informazioni, collaborazione militare, operazioni di sicurezza congiunte, eccetera.). Sarebbe un ottimo primo passo per l'Armenia.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020