ProfileLe schede di ossin, 9 maggio 2020 - La prima parte di un lungo articolo di Ron Unz sui tantissimi omicidi del Mossad, da quelli contro i militanti palestinesi ai più gravi contro leader di paesi stranieri, come il presidente Kennedy...   

 

Unz Review, 27 gennaio 2020 (trad.ossin)
 
Pravda statunitense. Gli omicidi del Mossad – parte prima
Ron Unz
 
Dalla pace della Vestfalia alla Legge della giungla
 
L'assassinio statunitense del generale iraniano Qassem Soleimani il 2 gennaio è stato un evento di enorme importanza.
 
Il generale Soleimani era il militare di più alto rango della sua nazione di 80 milioni di persone, con una lunga carriera di 30 anni, uno dei più universalmente popolari e apprezzati. La maggior parte degli analisti lo classificava al secondo posto per influenza, solo dopo l'Ayatollah Ali Khamenei, l'anziano leader supremo dell'Iran, e si diceva con insistenza che sarebbe stato candidato alla presidenza nelle elezioni del 2021.
 
Anche le circostanze della sua morte in tempo di pace sono piuttosto notevoli. Il suo veicolo è stato incenerito dal missile di un drone Reaper statunitense vicino all'aeroporto internazionale iracheno di Baghdad, subito dopo il suo arrivo a bordo di un regolare volo commerciale, mentre era impegnato in negoziati di pace che erano stati sollecitati proprio dal governo USA.
 
I nostri principali media non hanno ignorato la gravità di questa improvvisa e inaspettata uccisione di una figura politica e militare di così alto rango, e hanno riservato ad essa un'enorme attenzione. Il giorno dopo, la prima pagina del mio quotidiano del mattino, il New York Times, era quasi interamente dedicata alla copertura dell'evento e delle sue implicazioni, e anche diverse pagine interne erano dedicate allo stesso argomento. E ancora, per tutta la settimana, il quotidiano nazionale statunitense ha assegnato più di un terzo della prima pagina alla stessa storia scioccante.
 
Ma anche una copertura così copiosa da parte di squadre di giornalisti veterani non è riuscita a chiarire del tutto il contesto e le implicazioni di quell’episodio. L'anno scorso, l'amministrazione Trump aveva dichiarato la Guardia rivoluzionaria iraniana "un'organizzazione terroristica", suscitando diffuse critiche e persino sarcasmi da parte di esperti della sicurezza nazionale, allarmati all'idea di classificare un "grande ramo" delle forze armate iraniane come "terroriste". Il generale Soleimani era un comandante di spicco di quel corpo, e questo sembra avere fornito la cornice legale per il suo assassinio, in pieno giorno, durante una missione diplomatica di pace.
 
Ma si noti che il Congresso potrebbe votare una legge che dichiara la Russia uno sponsor ufficiale del terrorismo di Stato, e Stephen Cohen, eminente studioso della Russia, ha sostenuto che nessun leader straniero dalla fine della Seconda Guerra mondiale è stato così massicciamente demonizzato dai media statunitensi come il Presidente russo Vladimir Putin. Per anni, numerosi esperti agitati hanno denunciato Putin come "il nuovo Hitler" e alcune figure di spicco ne hanno persino chiesto il rovesciamento, o addirittura la morte. Potremmo presto assistere a un tentativo statale di assassinare il leader di un paese il cui arsenale nucleare è in grado di annientare in poco tempo la maggior parte della popolazione statunitense. Cohen ha ripetutamente messo in guardia sul fatto che l'attuale pericolo di una guerra nucleare globale potrebbe essere ben maggiore di quello che abbiamo dovuto affrontare durante i giorni della crisi dei missili cubani del 1962, e possiamo respingere del tutto le sue preoccupazioni?
 
 
 
Anche se ci concentriamo sul fatto specifico della uccisione del Gen. Solemaini, trascurando le sue pericolose conseguenze, sembrano esserci pochi precedenti moderni di assassinio ufficiale di una figura politica molto importante da parte delle forze di un altro grande paese. Cercando esempi passati, gli unici che mi sono venuti in mente risalgono a quasi tre generazioni fa, durante la Seconda Guerra mondiale, quando agenti cechi assistiti dagli alleati assassinarono Reinhard Heydrich a Praga nel 1941, e quando l'esercito statunitense abbatté l'aereo dell'ammiraglio giapponese Isoroku Yamamoto nel 1943. Ma questi eventi si sono verificati nel pieno di una brutale guerra globale, e gli Alleati li hanno solo a mezza voce riconosciuti come omicidi ufficiali del governo. Lo storico David Irving rivela che quando uno degli aiutanti di Adolf Hitler suggerì di tentare di assassinare i leader sovietici in quello stesso conflitto, il Führer tedesco vietò immediatamente simili pratiche quali evidenti violazioni delle leggi di guerra.
 
L'assassinio terroristico, nel 1914, dell'arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono di Austria-Ungheria, fu certamente organizzato da elementi fanatici dell'intelligence serba, ma il governo serbo negò risolutamente ogni propria complicità, e nessuna grande potenza europea fu mai direttamente coinvolta nella trama. Le conseguenze dell'omicidio portarono presto allo scoppio della Prima Guerra mondiale e, sebbene molti milioni di persone morirono nelle trincee negli anni seguenti, sarebbe stato completamente impensabile per uno dei maggiori belligeranti prendere in considerazione l'assassinio di un leader nemico.
 
Un secolo prima, le guerre napoleoniche avevano sconvolto tutto il continente europeo per gran parte di una generazione, ma non ricordo di aver letto di alcun complotto omicida governativo durante quell'epoca, figuriamoci nelle guerre abbastanza gentili del precedente XVIII secolo, quando Federico il Grande e Maria Teresa si disputarono la ricca provincia della Slesia con mezzi militari. Non sono affatto uno specialista della storia europea moderna ma, dopo che la Pace di Vestfalia del 1648 ebbe posto termine alla Guerra dei Trent'anni e statuito precise regole di guerra, non mi viene in mente nessun assassinio di alto profilo come quello del Gen. Soleimani.
 
Le sanguinose Guerre di Religione dei secoli precedenti avevano invece registrato vari complotti omicidi. Ad esempio, penso che Filippo II di Spagna abbia presumibilmente incoraggiato vari tentativi di assassinare la regina Elisabetta I d'Inghilterra, sulla base del fatto che era un'eretica omicida, e solo il loro ripetuto fallimento lo spinse a lanciare la sfortunata Armada spagnola; ma essendo un pio cattolico, probabilmente avrebbe esitato a usare lo stratagemma di un negoziato di pace per attirare Elisabetta nella trappola. In ogni caso, ciò è avvenuto più di quattro secoli fa, quindi gli USA si sono ora collocati in acque piuttosto inesplorate.
 
 
 
Popoli diversi possiedono tradizioni politiche diverse e questo può svolgere un ruolo importante nell'influenzare il comportamento dei loro paesi. La Bolivia e il Paraguay sono stati creati all'inizio del XVIII secolo come frammenti del decadente impero spagnolo e, secondo Wikipedia, hanno sperimentato quasi tre dozzine di colpi di Stato riusciti nel corso della loro storia, per la maggior parte prima del 1950, mentre il Messico ne vanta una mezza dozzina. Al contrario, gli Stati Uniti e il Canada sono stati fondati come colonie anglosassoni e la loro storia non registra neppure un tentativo fallito.
 
Durante la nostra guerra rivoluzionaria, George Washington, Thomas Jefferson e gli altri nostri padri fondatori sapevano perfettamente che, se fossero stati battuti, sarebbero stati tutti impiccati come ribelli dagli inglesi. Tuttavia, non ho mai sentito dire che temessero di essere colpiti dalla lama di un sicario, né che il re Giorgio III avesse mai preso in considerazione mezzi così subdoli. Nel primo secolo e più della storia della nostra nazione, quasi tutti i nostri presidenti, e altri importanti leader politici, seguirono l’esempio dei loro antenati delle isole britanniche e gli omicidi politici erano eccezionalmente rari, uno dei pochi che mi viene in mente è quello di Abraham Lincoln.
 
Al culmine della guerra fredda, la nostra CIA si è impegnata in vari complotti segreti per assassinare il leader comunista cubano Fidel Castro e altri leader stranieri considerati ostili agli interessi degli Stati Uniti. Ma, quando questi fatti in seguito emersero negli anni '70, suscitarono un tale scandalo del pubblico e dei media, che tre presidenti statunitensi consecutivi - Gerald R. Ford, Jimmy Carter e Ronald Reagan - hanno emesso successivi ordini esecutivi che proibivano assolutamente gli omicidi da parte della CIA o di qualsiasi altro agente del governo degli Stati Uniti.
 
Anche se alcuni cinici potrebbero affermare che queste dichiarazioni pubbliche siano solo di facciata, una recensione del marzo 2018 sul New York Times suggerisce fortemente il contrario. Kenneth M. Pollack ha trascorso anni come analista della CIA e membro dello staff del Consiglio di sicurezza nazionale, quindi ha pubblicato numerosi libri influenti sulla politica estera e sulla strategia militare negli ultimi due decenni. Era entrato a far parte della CIA nel 1988 e ha aperto la sua recensione dichiarando:
 
Una delle primissime cose che mi hanno insegnato quando sono entrato alla CIA è stata quella di non commettere omicidi. Lo hanno ripetuto fino alla nausea alle nuove reclute.
 
Eppure Pollack osserva con sgomento che nell'ultimo quarto di secolo questi divieti, un tempo vincolanti, sono stati costantemente eliminati, con un’accelerazione dopo gli attacchi dell'11 settembre del 2001. Le leggi sui nostri libri potrebbero non essere cambiate, ma
 
Oggi sembra che tutto ciò che resta di questa politica sia un eufemismo.
Non li chiamiamo più omicidi. Ora, sono "uccisioni mirate", il più delle volte eseguite a mezzo di un attacco di droni, e sono diventate l'arma principale degli USA nella guerra al terrore.
 
L'amministrazione Bush ha commesso 47 di questi omicidi con un altro nome, mentre il suo successore Barack Obama, professore di diritto costituzionale e premio Nobel per la pace, ha aumentato il suo totale a 542. Non senza giustificazione, Pollack si chiede se l'assassinio sia diventato " un farmaco molto efficace, ma [del tipo che] tratta solo il sintomo e quindi non offre rimedi".
 
Così negli ultimi due decenni la politica statunitense ha seguito una traiettoria inquietante, ricorrendo all'assassinio come strumento di politica estera, in un primo tempo limitatamente a casi particolari, passando poi a prendere di mira un piccolo numero di "terroristi" di alto profilo nascosti in territori accidentati, infine portando il numero di queste uccisioni al livello di centinaia. E ora, col presidente Trump, gli USA hanno compiuto un fatidico passo, rivendicando il diritto di assassinare qualsiasi leader mondiale non di nostro gradimento che dichiariamo unilateralmente degno di morte.
 
Pollack aveva fatto carriera come democratico di Clinton, ed è meglio conosciuto per il suo libro del 2002 The Threatening Storm che sosteneva fortemente l'invasione del presidente Bush in Iraq ed era in grado, per la sua grande influenza, di fornire supporto bipartisan a quella politica perniciosa. Non ho dubbi sul fatto che sia un convinto sostenitore di Israele, e probabilmente rientra in una categoria che definirei vagamente "Sinistra Neocon".
 
Ma, nell’esaminare il prolungato uso da parte di Israele dell'assassinio come pilastro della sua politica di sicurezza nazionale, sembra profondamente turbato dal fatto che gli USA possano seguire lo stesso terribile percorso. Meno di due anni dopo, l’improvviso assassinio di un leader iraniano dimostra che le sue paure potrebbero essere state addirittura sottostimate.
 
"Alzati e uccidi per primo"
 
Il libro recensito era Rise and Kill First, del reporter del New York Times Ronen Bergman, un approfondito studio sul Mossad, il servizio di intelligence estero di Israele, e sulle altre agenzie consorelle. L'autore ha dedicato sei anni di ricerca al progetto, basato su un migliaio di interviste personali e sull'accesso a un numero enorme di documenti ufficiali precedentemente non disponibili. Come suggerito dal titolo, il suo obiettivo principale era la lunga storia di omicidi di Israele, e nelle sue 750 pagine e le migliaia di note, racconta i dettagli di un numero enorme di assassinii.
 
Questo tipo di argomento è ovviamente assai controverso, ma il volume di Bergman può contare su di un’entusiastica fascetta pubblicitaria di autori vincitori del Premio Pulitzer in materia di spionaggio, e su una cooperazione ufficiale che gli è valsa favorevoli menzioni da parte di un ex capo del Mossad e di Ehud Barak, ex Primo Ministro d'Israele e capo un tempo di squadre di assassini. Negli ultimi due decenni, l'ex ufficiale della CIA Robert Baer è diventato uno dei nostri autori più importanti in questo stesso campo, ed egli elogia il libro come "senza dubbio" il migliore che abbia mai letto su intelligence, Israele o Medio Oriente. Le recensioni sui nostri media d'élite sono state altrettanto elogiative.
 
Anche se avevo seguito alcune discussioni sul libro quando è apparso, sono riuscito a leggerlo solo pochi mesi fa. E, se sono rimasto profondamente impressionato dal metodo giornalistico accurato e meticoloso, ho trovato le sue pagine piuttosto cupe e deprimenti da leggere, con i loro resoconti infiniti di agenti israeliani che uccidono i loro nemici reali o percepiti in operazioni che a volte comportano rapimenti e brutali torture, o provocano notevoli perdite della vita di persone innocenti. Sebbene la stragrande maggioranza degli attacchi descritti sia avvenuta nei vari paesi del Medio Oriente o nei territori palestinesi occupati della Cisgiordania e di Gaza, altri si collocano nel resto del mondo, compresa l'Europa. La storia narrativa inizia negli anni '20, decenni prima dell'effettiva creazione dell'Israele ebrea e del Mossad, e prosegue fino ai giorni nostri.
 
L'enorme quantità di tali omicidi all’estero è stata davvero notevole, e l’avvertito critico del New York Times ha suggerito che il totale israeliano nell'ultimo mezzo secolo, o giù di lì, sembra molto superiore a quello di qualsiasi altra nazione. Potrei anche andare oltre: escludendo le uccisioni in patria, non sarei sorpreso se il conteggio dei corpi superasse il totale combinato di tutti gli altri principali paesi del mondo. Penso che tutte le lugubre rivelazioni sui complotti omicidi della CIA o del KGB della Guerra Fredda, di cui ho letto negli articoli dei giornali, potrebbero comodamente rientrare in soli uno o due capitoli del libro estremamente lungo di Bergman.
 
I militari nazionali sono sempre stati preoccupati all’idea di ricorrere ad armi biologiche, sapendo benissimo che, una volta rilasciati, i microrganismi mortali potrebbero facilmente rientrare attraversare il confine e infliggere grandi sofferenze ai civili del loro paese. Allo stesso modo, gli agenti dell'intelligence che hanno trascorso le loro lunghe carriere a pianificare, organizzare ed attuare omicidi possono sviluppare modi di pensare che diventano un pericolo per se stessi e per la società nel suo complesso, e alcuni esempi di ciò emergono qua e là nella narrativa completa di Bergman.
 
Nel cosiddetto "incidente di Askelon" del 1984, un paio di Palestinesi presi prigionieri furono picchiati a morte in pubblico dal capo notoriamente spietato dell'agenzia di sicurezza interna Shin Bet e dai suoi subordinati. In circostanze normali, questa azione non avrebbe comportato conseguenze, ma l'incidente venne ripreso dalla telecamera di un giornalista israeliano, che riuscì a evitare la confisca del suo film. Lo scoop ha scatenato uno scandalo mediatico internazionale, arrivando persino alle pagine del New York Times, e ciò ha reso doverosa un’indagine governativa di natura penale. Per proteggersi, la leadership di Shin Bet si è infiltrata nell'inchiesta e ha fabbricato prove che scaricavano gli omicidi su alcuni soldati ordinari e un importante generale, tutti completamente innocenti. Un ufficiale di Shin Bet che aveva espresso dubbi sembra avere rischiato di essere assassinato dai suoi colleghi, fino a quando non ha accettato di falsificare la sua testimonianza ufficiale. Le organizzazioni che operano sempre più come famiglie criminali mafiose possono eventualmente adottare norme culturali simili.
 
Gli agenti israeliani hanno talvolta perfino preso in considerazione l'eliminazione dei loro leader di più alto rango, quando ne ritenevano controproducente la linea politica. Per decenni, il generale Ariel Sharon è stato considerato uno dei più grandi eroi militari di Israele e una persona di estrema destra. Come ministro della Difesa, nel 1982, organizzò l'invasione israeliana del Libano, che presto si è trasformata in un grande disastro politico, che ha danneggiato gravemente la posizione internazionale di Israele e inflitto una grande distruzione a quel paese vicino e alla sua capitale, Beirut. Mentre Sharon continuava ostinatamente la sua strategia militare e i problemi si facevano più gravi, un gruppo di ufficiali scontenti decise che il modo migliore per ridurre le perdite di Israele era di assassinare Sharon, sebbene la proposta non si sia mai concretizzata.
 
Un esempio ancora più significativo si è verificato un decennio più tardi. Per molti anni, il leader palestinese Yasir Arafat è stato il principale bersaglio dell'antipatia israeliana, a tal punto che ad un certo punto Israele aveva perfino previsto di abbattere un aereo di linea civile internazionale al fine di assassinarlo. Ma, con la fine della guerra fredda, le pressioni degli USA e dell'Europa hanno portato il primo ministro Yitzhak Rabin a firmare gli accordi di pace di Oslo del 1993 con il suo nemico palestinese. Sebbene il leader israeliano abbia ricevuto elogi in tutto il mondo e abbia condiviso (con Arafat) un premio Nobel per la pace per i suoi sforzi di pace, potenti segmenti del pubblico israeliano e la sua classe politica considerarono quell'atto come un tradimento, tanto che alcuni nazionalisti estremi e fanatici religiosi chiesero che venisse ucciso per il suo tradimento. Un paio d'anni dopo, fu davvero ucciso da un sicario solitario di quei circoli ideologici, diventando il primo leader mediorientale dopo decenni a subire quel destino. Sebbene il suo assassino fosse squilibrato mentalmente e abbia sempre testardamente insistito di aver agito da solo, aveva avuto una lunga storia di contatti con i servizi di intelligence, e Bergman nota discretamente che l'uomo armato era riuscito a scivolare attraverso le numerose guardie del corpo di Rabin "con sorprendente facilità", per poi sparare i suoi tre colpi mortali a distanza ravvicinata.
 
Molti osservatori hanno tracciato parallelismi tra l'assassinio di Rabin e quello del nostro presidente a Dallas tre decenni prima, e l'erede e omonimo di quest'ultimo, John F. Kennedy, Jr., ha sviluppato un forte interesse personale per il tragico evento. Nel marzo 1997, la sua lucida rivista politica “George” ha pubblicato un articolo della madre dell'assassino israeliano, che accusava i servizi di sicurezza del suo paese di essere coinvolti nel crimine, una teoria promossa anche dallo scrittore canadese israeliano Barry Chamish. Queste accuse scatenarono un furioso dibattito internazionale ma, dopo che lo stesso Kennedy morì in un insolito incidente aereo un paio di anni dopo e la sua rivista si chiuse rapidamente, la controversia presto si placò. Gli archivi di The George non sono online né facilmente disponibili, quindi non posso giudicare facilmente la credibilità delle accuse.
 
Avendo egli stesso evitato per un pelo l'assassinio da parte di agenti israeliani, Sharon riacquistò gradualmente la sua influenza politica, e lo fece senza attenuare la sua linea dura, giungendo a descriversi persino con orgoglio come un "giudeo-nazista" dinanzi ad un giornalista sconvolto. Pochi anni dopo la morte di Rabin, Sharon provocò importanti proteste palestinesi, quindi approfittò della violenza che ne seguì per essere nuovamente eletto Primo Ministro e, una volta ottenuta tale carica, i suoi metodi molto duri portarono a una rivolta diffusa nella Palestina occupata. Ma Sharon ha semplicemente raddoppiato la sua repressione e, quando l’attenzione mondiale è stata distratta dagli attacchi dell'11 settembre e dall'invasione statunitense dell'Iraq, ha iniziato a assassinare numerosi leader politici e religiosi palestinesi in attacchi che a volte causavano anche pesanti vittime civili.
 
Il bersaglio principale della rabbia di Sharon era il presidente della Palestina Yasir Arafat, che improvvisamente si ammalò e morì, unendosi così al suo ex compagno di negoziazione Rabin nel riposo eterno. La moglie di Arafat affermò che era stato avvelenato e produsse alcune prove mediche a supporto di questa accusa, mentre la figura politica israeliana di lunga data Uri Avnery pubblicò numerosi articoli a sostegno di tali accuse. Bergman riporta semplicemente le categoriche smentite israeliane osservando che "i tempi della morte di Arafat erano piuttosto peculiari", quindi sottolinea che, anche se avesse saputo la verità, non avrebbe potuto pubblicarla dal momento che il suo intero libro era stato scritto sotto la rigorosa censura israeliana.
 
 
 
Quest'ultimo punto sembra estremamente importante e, sebbene appaia solo una volta nel corpo del testo, la dichiarazione di non responsabilità si applica ovviamente all'intero volume e dovrebbe essere sempre tenuta a mente quando leggiamo il libro. Esso contiene circa 350.000 parole e, anche se ogni singola frase fosse scritta con la più scrupolosa onestà, dobbiamo riconoscere l'enorme differenza che corre tra "la Verità" e "Tutta la Verità".
 
Un altro elemento ha contribuito ad accendere i miei sospetti. Trenta anni fa, un ufficiale scontento del Mossad di nome Victor Ostrovsky lasciò quell'organizzazione e scrisse “By Way of Deception”, un libro molto critico che raccontava numerose presunte operazioni a lui note, in particolare quelle contrarie agli interessi statunitensi e occidentali. Il governo israeliano e i suoi sostenitori pro-Israele hanno lanciato una campagna legale senza precedenti per bloccarne la pubblicazione, ma ciò ha prodotto un grande contraccolpo e una grande attenzione mediatica che lo ha portato al primo posto nella classifica delle vendite del New York Times. Alla fine ho iniziato a leggere il suo libro circa un decennio fa e sono rimasto scioccato da molte delle affermazioni straordinarie, pur essendo stato informato in modo affidabile che il personale della CIA aveva giudicato il suo materiale probabilmente accurato quando lo hanno esaminato.
 
Sebbene gran parte delle informazioni di Ostrovsky fosse impossibile da confermare in modo indipendente, per più di un quarto di secolo il suo bestseller internazionale e il sequel del 1994 The Other Side of Deception ha fortemente influenzato la nostra comprensione del Mossad e delle sue attività, quindi mi aspettavo naturalmente di vedere una discussione dettagliata, che fosse di supporto ovvero critica, nell'esaustivo lavoro parallelo di Bergman. Invece, c'era un solo riferimento a Ostrovsky sepolto in una nota a piè di pagina 684. In essa si parla dell’orrore assoluto del Mossad per i numerosi segreti profondi che Ostrovsky si stava preparando a rivelare, il che portò la sua massima leadership a formulare un piano per assassinarlo. Ostrovsky è sopravvissuto solo perché il primo ministro Yitzhak Shamir, che in passato aveva trascorso decenni come capo del settore omicidi del Mossad, ha posto il veto alla proposta sulla base del fatto che "Non uccidiamo gli ebrei". Sebbene questo riferimento sia breve e quasi nascosto, lo considero un supporto considerevole per la credibilità generale di Ostrovsky.
 
Avendo così acquisito seri dubbi sulla completezza della storia narrativa apparentemente esauriente di Bergman, ho notato un fatto curioso. Non ho competenze specialistiche in operazioni di intelligence in generale né in quelle del Mossad in particolare, quindi ho trovato abbastanza notevole che la stragrande maggioranza di tutti gli incidenti di più alto profilo raccontati da Bergman mi fosse già familiare avendone già letto sul New York Times. È davvero plausibile che sei anni di ricerca approfondita e così tante interviste personali abbiano consentito la scoperta di così poche operazioni importanti che non erano già state conosciute e riportate sui media internazionali? Bergman ovviamente fornisce una ricchezza di dettagli precedentemente limitata agli addetti ai lavori, insieme a numerosi omicidi non segnalati di individui relativamente minori, ma sembra strano che abbia avuto così poche rivelazioni sorprendenti.
 
In effetti, alcune importanti lacune nella sua copertura sono abbastanza evidenti per chiunque abbia anche solo un poco investigato l'argomento, ed esse appaiono già nei primi capitoli del suo volume, che includono la copertura della preistoria sionista in Palestina prima dell'istituzione dello Stato ebraico.
 
Bergman avrebbe gravemente danneggiato la sua credibilità se non avesse incluso i famigerati assassini sionisti degli anni '40 del britannico Lord Moyne e del negoziatore di pace delle Nazioni Unite, il conte Folke Bernadotte. Ma inspiegabilmente non dice che, nel 1937, la fazione sionista più di destra - i cui eredi politici hanno dominato Israele negli ultimi decenni - ha assassinato Chaim Arlosoroff, la figura sionista di più alto livello in Palestina. Inoltre, omette una serie di incidenti simili, inclusi alcuni di quelli che hanno preso di mira i principali leader occidentali. Come ho scritto l'anno scorso:
 
"
In effetti la propensione delle fazioni sioniste più a destra per l’assassinio, il terrorismo e altre forme di comportamenti criminali era davvero notevole. Per esempio, nel 1943, Shamir organizzò l’omicidio del suo rivale, un anno dopo che i due uomini erano fuggiti insieme di prigione dove erano detenuti per una rapina in banca durante la quale erano rimasti uccisi dei passanti, ed ha affermato di avere agito per impedire l’assassinio programmato di David Ben Gourion, il più importante leader sionista e futuro Primo Ministro fondatore dello Stato di Israele. Shamir e la sua fazione hanno poi mantenuto tale attitudine criminale nel corso degli anni 1940, assassinando Lord Moyne, il ministro britannico per il Medio Oriente, e il conte Folke Bernadotte, negoziatore di pace delle Nazioni Unite, per quanto abbiano fallito nei loro tentativi di assassinare il presidente USA Harry Truman e il ministro britannico degli Affari esteri Ernest Bevin; quanto al progetto di assassinio di Winston Churchill, sembra non sia mai andato oltre la fase della discussione. Il suo gruppo è stato anche il primo ad utilizzare delle autobombe terroriste e altri attacchi con esplosivi contro bersagli civili innocenti, molto prima che qualsiasi Arabo o musulmano abbia mai pensato di ricorrere a tattiche simili; e la fazione sionista più grande e «moderata» di Begin ha fatto lo stesso. 
 
"
 
Per quanto ne so, i primi sionisti hanno toccato record di terrorismo politico quasi ineguagliati nella storia del mondo e, nel 1974, il Primo Ministro Menachem Begin si vantava persino con un intervistatore televisivo di essere stato il padre fondatore del terrorismo in tutto il mondo.
 
All'indomani della Seconda Guerra mondiale, i sionisti erano assai ostili nei confronti di tutti i tedeschi, e Bergman racconta la campagna di rapimenti e omicidi che presto scatenarono, sia in alcune zone d'Europa che in Palestina, che costò la vita a duecento persone. Una piccola comunità etnica tedesca aveva vissuto pacificamente in Terra Santa per molte generazioni, ma quando alcune delle sue figure di spicco furono uccise, gli altri fuggirono definitivamente dal paese e le loro proprietà abbandonate furono sequestrate dalle organizzazioni sioniste, un modello che presto sarebbe stato replicato su scala molto più ampia contro agli arabi palestinesi.
 
Questi fatti erano per me nuovi, e Bergman sembra trattare questa ondata di omicidi per vendetta con notevole simpatia, sottolineando che molte delle vittime avevano attivamente sostenuto lo sforzo bellico tedesco. Ma, stranamente, non menziona il fatto che, nel corso degli anni '30, il principale movimento sionista aveva esso stesso mantenuto un forte partenariato economico con la Germania di Hitler, il cui sostegno finanziario era cruciale per l'istituzione dello Stato ebraico. Inoltre, iniziata la guerra, una piccola fazione sionista di destra guidata da un futuro primo ministro israeliano tentò di arruolarsi nell'alleanza militare dell'Asse, offrendo di intraprendere una campagna di spionaggio e terrorismo contro l'esercito britannico a sostegno dello sforzo bellico nazista. Questi innegabili fatti storici sono stati ovviamente fonte di immenso imbarazzo per i partigiani sionisti, e negli ultimi decenni hanno fatto di tutto per tenerlo nascosto alla pubblica opinione. Dunque, in quanto nativo israeliano oggi sulla quarantina, Bergman può effettivamente ignorare questa realtà.
 
"Chi ha ucciso Zia?"
 
Il lungo libro di Bergman contiene trentacinque capitoli di cui solo i primi due coprono il periodo precedente alla creazione di Israele e, se le sue notevoli omissioni fossero limitate a questo, costituirebbero semplicemente il difetto di una narrazione storica per il resto affidabile. Ma un numero considerevole di lacune importanti riguarda anche i decenni seguenti, sebbene sia possibile che esse dipendano meno da colpa dell'autore, che dalla stretta censura israeliana o dell'industria editoriale statunitense. Nel 2018, l'influenza filo-israeliana negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali aveva raggiunto proporzioni così enormi che Israele non correva rischi ad ammettere numerosi omicidi illegali di varie figure di spicco nel mondo arabo o in Medio Oriente. Ma quelli in danno di altri soggetti erano considerati ancora troppo pericolosi da ammettere.
 
Nel 1991 il noto giornalista investigativo Seymour Hersh pubblicò The Samson Option, che parlava del programma segreto israeliano di sviluppo di armi nucleari dei primi anni '60, che era considerato una priorità nazionale assoluta dal Primo Ministro David Ben-Gurion. E’ diffusa la convinzione che Israele abbia ricattato l’amministrazione Nixon con la minaccia di usare quell’arsenale, costringendola a salvarla dalla sconfitta militare durante la guerra del 1973, una decisione che provocò l'embargo arabo sul petrolio e causò molti anni di difficoltà economiche per l'Occidente.
 
Il mondo islamico si rese rapidamente conto dello squilibrio strategico prodotto dalla propria mancanza di capacità dissuasive nucleari e mise in campo vari tentativi di ristabilire tale equilibrio, che Tel Aviv ha fatto del suo meglio per frustrare. Bergman racconta dettagliatamente le ampie campagne di spionaggio, sabotaggio e assassinio con cui gli Israeliani sono riusciti a bloccare il programma nucleare iracheno di Saddam Hussein, culminate nel raid aereo a distanza del 1981 che distrusse il complesso di reattori di Osirik. L'autore parla anche della distruzione di un reattore nucleare siriano nel 2007 e della campagna di assassinio del Mossad che ha provocato la morte di alcuni importanti fisici iraniani, qualche anno dopo. Ma tutti questi fatti sono stati riportati a suo tempo dai principali quotidiani, quindi non costituiscono novità. Nel frattempo, tuttavia, si è consumata un’altra storia, poco conosciuta, che l’autore omette di raccontare.
 
Circa sette mesi fa, il mio quotidiano del mattino New York Times ha reso un sorprendente omaggio di 1.500 parole all'ex ambasciatore statunitense John Gunther Dean, morto all'età di 93 anni, dedicando a quell'eminente diplomatico il tipo di lungo necrologio solitamente riservato, di questi tempi, ad una star del rap rimasta uccisa in un conflitto col suo spacciatore. Il padre di Dean era stato un leader della sua comunità ebraica locale in Germania e, quando la famiglia si trasferì negli Stati Uniti alla vigilia della Seconda Guerra mondiale, Dean divenne un cittadino naturalizzato nel 1944. Intraprese poi una brillante carriera diplomatica, in particolare svolgendo le proprie funzioni in occasione della caduta della Cambogia, e, in circostanze normali, l’articolo non avrebbe avuto per me un significato diverso da quasi tutti gli altri suoi lettori. Ma avevo trascorso gran parte del primo decennio degli anni 2000 a digitalizzare gli archivi completi di centinaia dei nostri principali periodici, e ogni tanto un titolo particolarmente intrigante mi portava a leggere l'articolo in questione. Tale fu il caso di "Who Killed Zia?" (Chi ha ucciso Zia?), apparso nel 2005.
 
Lungo tutti gli anni 1980, il Pakistan era stato il fulcro dell'iniziativa statunitense contro l'occupazione sovietica dell’Afghanistan, con il suo dittatore militare Zia ul-Haq, considerato uno dei nostri più importanti alleati regionali. Poi, nel 1988, lui e gran parte dei massimi dirigenti pakistani morirono in un misterioso incidente aereo, che causò anche la morte dell'ambasciatore statunitense e di un generale statunitense.
 
Sebbene queste morti possano essere state accidentali, l'ampio assortimento di nemici giurati di Zia ha indotto la maggior parte degli osservatori a sospettare che fosse stato un atto criminale, e c'erano alcune prove che fosse stato del gas nervino, probabilmente rilasciato da una cassa di manghi, a neutralizzare l'equipaggio e quindi causare l'incidente.
 
All'epoca, Dean aveva raggiunto l'apice della sua carriera, prestando servizio come nostro ambasciatore nella vicina India, mentre l'ambasciatore statunitense ucciso nell'incidente, Arnold Raphel, anch’egli ebreo, era stato il suo più intimo amico personale. Nel 2005, Dean era anziano e in pensione da tempo, e alla fine decise di rompere i suoi diciassette anni di silenzio e rivelare le strane circostanze che circondavano l'evento, dicendo che era convinto che ne fosse stato responsabile il Mossad israeliano.
 
Pochi anni prima della sua morte, Zia aveva arditamente dichiarato che la produzione di una "bomba atomica islamica" era una priorità assoluta per il Pakistan. Sebbene il motivo principale fosse la necessità di bilanciare il piccolo arsenale nucleare indiano, si impegnò a condividere armi così potenti con altri paesi musulmani, ivi compresi quelli in Medio Oriente. Dean ha raccontato il terribile allarme che suscitò in Israele questa prospettiva, e come i membri del Congresso filo-israeliani iniziarono una fortissima campagna di pressioni per bloccare il progetto di Zia. Secondo il giornalista di lunga data Eric Margolis, uno dei maggiori esperti di Asia meridionale, Israele ha ripetutamente cercato di coinvolgere l'India in un attacco comune contro le strutture nucleari del Pakistan. Ma, dopo averne attentamente valutato la possibilità, il governo indiano rifiutò.
 
Ciò lasciò Israele in un dilemma. Zia era un dittatore militare orgoglioso e potente e i suoi legami molto stretti con gli Stati Uniti rafforzavano notevolmente rafforzato la sua forza diplomatica. Inoltre il Pakistan si trovava a 2000 miglia da Israele e possedeva un forte esercito, quindi era impossibile qualsiasi tipo di raid di bombardamento a lunga distanza simile a quello usato contro il programma nucleare iracheno. Questo rese l'assassinio l’unica possibile opzione.
 
Data la conoscenza di Dean dell'atmosfera diplomatica esistente prima della morte di Zia, egli sospettò immediatamente una mano israeliana e le sue esperienze personali passate supportarono quella possibilità. Otto anni prima, quando era in servizio in Libano, gli Israeliani avevano cercato di ottenere il suo appoggio personale ai loro progetti locali, facendo leva sulla fatto che era ebreo. Ma quando egli respinse quelle aperture e dichiarò che la sua principale lealtà era verso gli USA, fu fatto un tentativo di assassinarlo, e le munizioni usate risultarono infine provenienti da Israele.
 
Sebbene Dean fosse tentato di rivelare immediatamente i suoi forti sospetti sull'annientamento del governo pakistano ai media internazionali, decise invece di seguire gli appropriati canali diplomatici, e partì immediatamente per Washington dove condivise le sue opinioni con i suoi superiori del Dipartimento di Stato e altri alti funzionari dell'amministrazione. Ma, a quel punto, venne immediatamente dichiarato incapace di intendere, gli fu impedito di tornare al suo incarico in India e presto fu costretto a dimettersi. La sua lunga carriera di quattro decadi al servizio del governo terminò così sommariamente. Nel frattempo, il governo degli Stati Uniti non accoglieva le richieste di aiuto del Pakistan per un’inchiesta efficace sull'incidente fatale e cercava invece di convincere un mondo scettico che l'intera leadership del Pakistan era morta a causa di un semplice guasto meccanico del suo aereo statunitense.
 
Tutto questo assomiglia alla trama di un inverosimile film di Hollywood, ma le fonti sono estremamente affidabili. L'autore dell'articolo di 5.000 parole era Barbara Crossette, ex capo ufficio del New York Times per l'Asia meridionale, che ricopriva quel posto al momento della morte di Zia, mentre il pezzo è apparso sul World Policy Journal, il prestigioso trimestrale di The New School a New York City. L'editore era l'accademico Stephen Schlesinger, figlio del famoso storico Arthur J. Schlesinger, Jr.
 
C’era da aspettarsi che tali accuse esplosive, provenienti da una fonte così solida, suscitassero una notevole attenzione da parte della stampa, ma Margolis ha notato che la storia è stata invece totalmente ignorata e boicottata da tutti i media nordamericani. Schlesinger aveva trascorso un decennio al timone del suo periodico, ma un paio di problemi dopo scompariva dalla direzione e veniva licenziato dalla New School. Il testo non è più disponibile sul sito Web del World Policy Journal, ma è ancora possibile accedervi tramite Archive.org, consentendo a chi è così interessato di leggerlo e valutarlo autonomamente.
 
Il completo blackout storico di quell'incidente è continuato fino ai giorni nostri. Il necrologio dettagliato di Dean apparso sul Times racconta della sua lunga e distinta carriera in termini altamente lusinghieri, ma non dice una parola delle bizzarre circostanze in essa terminò.
 
All'epoca in cui avevo letto quell'articolo, circa una dozzina di anni fa, provavo sentimenti contrastanti sulla fondatezza dell'ipotesi provocatoria di Dean. I principali leader nazionali dell'Asia meridionale muoiono per omicidio piuttosto frequentemente, ma i mezzi impiegati sono quasi sempre piuttosto rozzi, di solito uno o più uomini armati che sparano a distanza ravvicinata, o anche un attentatore kamikaze. Al contrario, i metodi altamente sofisticati che sembrano essere stati usati per eliminare il governo pakistano suggerirebbero un tipo molto diverso di killer di Stato. Il libro di Bergman cataloga l'enorme numero e varietà delle tecnologie di assassinio del Mossad.
 
Data la natura importante delle accuse di Dean e l’autorevolissima sede in cui erano apparse, Bergman doveva sicuramente essere a conoscenza della storia, quindi mi chiedevo quali argomenti le sue fonti del Mossad avrebbero potuto utilizzare per confutare o smentire. Invece, ho scoperto che l'incidente non viene minimamente menzionato nell'esaustivo volume di Bergman, forse per la riluttanza dell’autore a ingannare i suoi lettori.
 
Ho anche notato che Bergman non ha fatto alcun cenno neppure del precedente tentativo di omicidio contro Dean, quando era nostro ambasciatore in Libano, anche se i numeri di serie dei missili anticarro lanciati contro la sua limousine blindata si sono rivelati appartenere ad un lotto venduto a Israele. Tuttavia, lo smaliziato giornalista Philip Weiss ha notato che l'oscura organizzazione che ha rivendicato ufficialmente l'attacco è stata indicata da Bergman come un gruppo di facciata creato da Israele e utilizzato per numerosi attentati automobilistici e altri attacchi terroristici. Ciò sembra confermare la responsabilità di Israele nel complotto per l'assassinio.
 
Supponiamo che questa analisi sia corretta e che ci sia una buona probabilità che il Mossad fosse davvero dietro la morte di Zia. La cosa è suscettibile di considerevoli implicazioni.
 
Il Pakistan, nel 1988, era uno dei paesi più grandi del mondo, con una popolazione che era già oltre 100 milioni di abitanti e in rapida crescita, e dotato di un potente esercito. Uno dei principali progetti statunitensi della Guerra Fredda era stato quello di sconfiggere i sovietici in Afghanistan, e il Pakistan aveva svolto un ruolo centrale in tale sforzo, classificando la sua leadership come uno dei nostri più importanti alleati globali. L'improvviso assassinio del presidente Zia e della maggior parte del suo governo filo-statunitense, insieme al nostro ambasciatore, rappresentò quindi un enorme colpo potenziale per gli interessi degli Stati Uniti. Tuttavia, quando uno dei nostri migliori diplomatici ha segnalato il Mossad come probabile colpevole, il denunciante è stato immediatamente rimosso dall’incarico e ha avuto inizio un grande insabbiamento, senza che nemmeno un sussurro di questa storia abbia mai raggiunto i nostri media o i nostri concittadini, nonostante le accuse fossero state ripetute anni dopo in una pubblicazione prestigiosa. Il libro di Bergman non contiene alcun accenno a questa storia e nessuno dei suoi critici esperti sembra essersene accorto.
 
Se un evento di tale portata ha potuto essere totalmente ignorato da tutti i nostri media e ignorato dal libro di Bergman, molti altri incidenti potrebbero anch’essi essere del tutto sconosciuti.
 
"Attraverso l'inganno"
 
Un buon punto di partenza per una simile indagine potrebbe essere l'opera di Ostrovsky, data la disperata preoccupazione della leadership del Mossad per i segreti che il suo manoscritto rivelava e i progetti di chiudergli la bocca uccidendolo. Così ho deciso di rileggere il suo lavoro dopo circa un decennio e con il materiale di Bergman ora ragionevolmente fresco nella mia mente.
 
Il libro di Ostrovsky del 1990 è molto meno monumentale del volume di Bergman ed è scritto in uno stile molto più casual, con molte meno note a piè di pagina. Gran parte del testo è semplicemente una narrazione personale e, sebbene anch’egli – come Bergman – parli del Mossad, la sua specifica attenzione è più rivolta alle questioni di spionaggio e alle sue tecniche, piuttosto che ai dettagli di particolari omicidi, di alcuni dei quali pure si parla. Al livello di impressione, lo stile delle operazioni del Mossad descritte sembra abbastanza simile a quello presentato da Bergman, al punto che se parti del racconto fossero scambiate tra i due libri, dubito che qualcuno potrebbe accorgersene con facilità.
 
Nel valutare la credibilità di Ostrovsky, un paio di elementi minori hanno attirato la mia attenzione. All'inizio, afferma che all'età di 14 anni si era piazzato secondo in Israele per tiro a segno e che, a 18 anni, è diventato il più giovane ufficiale dell'esercito israeliano. Sembrano affermazioni significative e concrete che, se fossero vere, spiegherebbero i ripetuti sforzi del Mossad per reclutarlo, mentre se fossero false avrebbero sicuramente potute essere denunciate dagli israeliani per screditarlo come un bugiardo. Non ho visto alcuna indicazione che le sue dichiarazioni siano mai state contestate.
 
Gli omicidi del Mossad sono stati un argomento relativamente minore del libro di Ostrovsky del 1990, ma è interessante confrontare i pochi di cui egli parla con i centinaia di cui parla Bergman. Alcune delle differenze nei dettagli e nella copertura sembrano seguire uno schema.
 
Ad esempio, il capitolo iniziale di Ostrovsky descrive i mezzi sottili con cui Israele è riuscita penetrare oltre il circuito di sicurezza del progetto di armi nucleari di Saddam Hussein alla fine degli anni '70, sabotando con successo le sue attrezzature, assassinando i suoi scienziati e infine distruggendo il reattore completato in un audace raid del 1981. Nell’ambito di questi tentativi, essi attirarono uno dei suoi migliori fisici a Parigi e, dopo avere inutilmente tentato di assoldarlo, lo uccisero. Bergman dedica una o due pagine alla stessa vicenda, ma non menziona il fatto che anche la prostituta francese che era stata involontariamente parte del loro piano venne poi uccisa il mese successivo, quando impaurita di quanto era accaduto aveva contattato la polizia. C’è da chiedersi se molti altri omicidi collaterali di cittadini statunitensi o europei possano essere stati accuratamente censurati nel racconto di Bergman, da parte del Mossad. 
 
Un esempio ancora più ovvio arriva molto più tardi nel libro di Ostrovsky, quando descrive come il Mossad si sia allarmato nello scoprire che Arafat stava tentando di aprire negoziati di pace con Israele nel 1981, e immediatamente assassinò il funzionario dell'OLP assegnato all'incarico. Questo incidente non è presente nel libro di Bergman, nonostante il suo ampio catalogo di vittime del Mossad molto meno significative.
 
Uno degli omicidi più famosi sul suolo statunitense avvenne nel 1976, quando un'esplosione di un'autobomba nel cuore di Washington DC uccise l'ex ministro degli Esteri cileno in esilio Orlando Letelier e il suo giovane assistente statunitense. I servizi segreti cileni furono presto ritenuti responsabili e scoppiò un grande scandalo internazionale, specialmente perché i cileni avevano già iniziato a liquidare numerosi altri oppositori in tutta l'America Latina. Ostrovsky spiega come il Mossad abbia addestrato i cileni a tali tecniche di assassinio nell'ambito di un complesso accordo di vendita di armi, ma Bergman non fa menzione di questa storia.
 
Una delle figure di spicco del Mossad nel racconto di Bergman è Mike Harari, che ha ricoperto per circa quindici anni posizioni di responsabilità nella divisione omicidi, e l'indice collega al suo nome più di 50 pagine diverse. L'autore in genere descrive Harari sotto una luce soffusa, pur ammettendo il suo ruolo centrale nel famigerato affare Lillehammer, in cui i suoi agenti uccisero un cameriere marocchino totalmente innocente che viveva in una città norvegese a causa di un errore di identificazione, un omicidio che ha portato alla condanna e alla detenzione di numerosi agenti del Mossad e prodotto gravi danni alla reputazione internazionale di Israele. Al contrario, Ostrovsky interpreta Harari come un individuo profondamente corrotto che, quando è andato in pensione, si è occupato di traffico internazionale di droga ed è stato uno dei principali scagnozzi del noto dittatore panamense Manuel Noriega. Quando Noriega venne deposto, il nuovo governo sostenuto dagli Stati Uniti annunciò gioiosamente l’arresto di Harari, ma l’ex agente del Mossad riuscì a scappare in Israele, mentre il suo ex capobanda è stato condannato a trenta anni di reclusione da scontare in una prigione federale statunitense.
 
L’avidità finanziaria e gli eccessi sessuali all'interno della gerarchia del Mossad sono un tema ricorrente in tutta la narrativa di Ostrovsky, e le sue storie sembrano abbastanza credibili. Israele è stato fondato su rigidi principi socialisti e questi erano ancora dominati durante gli anni '80, cosicché i dipendenti pubblici venivano pagati una miseria. Ad esempio, gli ufficiali del Mossad guadagnavano tra $ 500 e $ 1,500 al mese a seconda del loro grado, controllando budget operativi molto più grandi e prendendo decisioni che potevano valere milioni per le parti interessate, una situazione che ovviamente può indurre in serie tentazioni. Ostrovsky osserva che, sebbene uno dei suoi superiori avesse trascorso tutta la sua carriera lavorando per il governo con quel tipo di misero stipendio, in qualche modo era riuscito ad acquisire un enorme patrimonio personale, possedendo perfino una foresta personale. La mia impressione è che, anche se gli agenti dei servizi negli Stati Uniti possano intraprendere carriere assai ben pagate quando vanno in pensione, tutti coloro che, lavorando per la CIA, sono diventati ricchi, meriterebbero di essere oggetto di inchieste giudiziarie.
 
Ostrovsky rimase anche colpito da un altro tipo di eccessi di cui ebbe conoscenza. Lui e i suoi compagni tirocinanti avrebbero scoperto che i loro capi più alti in grado a volte organizzavano orge sessuali a tarda notte nelle aree messe in sicurezza delle strutture di addestramento ufficiali, mentre l'adulterio dilagava nel Mossad, coinvolgendo in particolare gli ufficiali di supervisione e le mogli degli agenti operativi. L'ex primo ministro moderato Yitzhak Rabin era ampiamente detestato dall'organizzazione e un ufficiale del Mossad si vantava costantemente di aver fatto cadere personalmente il governo di Rabin nel 1976, rendendo pubbliche alcune modeste irregolarità finanziarie. Questo clima suggerisce in termini molto più precisi di quanto non faccia Bergman sospetti rilevanti sull'assassinio di Rabin, avvenuto due decenni dopo.
 
 
 
Ostrovsky ha sottolineato la straordinarietà del Mossad, soprattutto se paragonato ai suoi omologhi delle due superpotenze alla fine della Guerra Fredda. Il KGB contava 250.000 dipendenti in tutto il mondo, e la CIA decine di migliaia di dipendenti, mentre il totale del personale del Mossad toccava appena i 1.200 dipendenti, inclusi segretari e addetti alle pulizie. Mentre il KGB ha schierato un esercito di 15.000 ufficiali, il Mossad ha operato con solo 30 o 35.
 
Questa straordinaria efficienza è stata resa possibile dalla forte dipendenza del Mossad da un'enorme rete di leali "aiutanti" o sayanim, vale a dire una rete di volontari ebrei sparsi in tutto il mondo, che in qualunque momento possono essere chiamati per dare una mano in un'operazione di spionaggio o omicidio, prestare immediatamente ingenti somme di denaro o fornire case, uffici o attrezzature sicure. La sola Londra contiene circa 7.000 di questi individui, mentre in tutto il mondo si può contare su molte decine o addirittura centinaia di migliaia. Solo gli ebrei a sangue pieno sono accettati per questo tipo di servizio, e Ostrovsky esprime notevoli dubbi su un sistema che sembra così fortemente confermare le accuse tradizionali secondo cui gli ebrei funzionano come uno "Stato all'interno di uno Stato", e molti di loro sono sleali verso il paese di cui sono cittadini. Per contro, il termine sayanim non compare in alcuna parte dell’indice di 27 pagine di Bergman, e nel libro non vi è quasi alcuna menzione del loro uso, sebbene Ostrovsky sostenga plausibilmente che il sistema era assolutamente centrale per l'efficienza operativa del Mossad.
 
Ostrovsky racconta anche del disprezzo assoluto che molti ufficiali del Mossad nutrono nei confronti dei colleghi degli altri servizi di intelligence occidentali, che tentano sempre di imbrogliare e dai quali cercano di ottenere il massimo possibile, dando il minimo. Racconta di quello che sembra un livello altissimo di vero e proprio odio, quasi di xenofobia, nei confronti di tutti i non ebrei e dei loro leader, anche se alleati. Ad esempio, Margaret Thatcher è stata sempre considerata come uno dei primi ministri più filo-ebrei e filo-Israele della storia britannica, tanto da aver riempito il suo gabinetto di esponenti di quella esigua minoranza dello 0,5% e tessuto continuamente le lodi del piccolo e coraggioso Israele come uno dei rari Stati democratici del Medio Oriente. Eppure i membri del Mossad la odiavano profondamente, di solito la chiamavano "la puttana", ed erano convinti che fosse un'antisemita.
 
Se i gentili europei erano oggetto di odio costante, i popoli di altre parti del mondo meno sviluppate venivano spesso ridicolizzati in termini duramente razzisti, con gli alleati israeliani del Terzo mondo descritti a volte descritti come "scimmie" e "non da molto tempo scesi dagli alberi".
 
Talvolta un'arroganza così estrema ha rischiato di provocare un disastro diplomatico, come suggerisce una vignetta divertente. Negli anni 1980, ci fu un'aspra guerra civile nello Sri Lanka tra singalesi e tamil, che coinvolse anche un contingente militare dalla vicina India. Ad un certo punto, il Mossad stava addestrando contemporaneamente contingenti delle forze speciali di tutte e tre queste entità reciprocamente ostili, allo stesso tempo e nella stessa struttura, rischiando di farli incontrare, il che avrebbe sicuramente prodotto un enorme smacco diplomatico per Israele.
 
L'autore confessa la sua crescente disillusione nei confronti di un'organizzazione che, a sua detta, era divisa in fazioni e si comportava in modo disonesto. Era anche sempre più preoccupato per i sentimenti di estrema destra che sembravano pervadere il Mossad, tanto da chiedersi se non stesse diventando una seria minaccia per la democrazia israeliana e per la stessa sopravvivenza del Paese. Secondo il suo resoconto, egli diventò ingiustamente il capro espiatorio di una missione fallita e, credendo che la sua vita fosse in pericolo, fuggì da Israele con sua moglie e tornò nella sua città natale del Canada.
 
Quando decise di scrivere il libro, Ostrovsky scelse come co-autore Claire Hoy, un'importante giornalista politico canadese e, nonostante l'enorme pressione da parte di Israele e dei suoi amici, il loro progetto andò a buon fine, il libro diventò un enorme best-seller internazionale, rimasto nove settimane al primo posto nella classifica del New York Times, e venne rapidamente stampato in oltre un milione di esemplari.
 
Sebbene Hoy sia stato per 25 anni uno scrittore di grande successo e sebbene questo libro sia stato di gran lunga il suo più grande trionfo editoriale, non molto tempo dopo ebbe un tracollo finanziario e fu vittima di una stroncatura ampiamente mediatizzata, insomma il tipo di sventura personale che così spesso sembra toccare coloro che sono critici nei confronti di Israele o delle attività ebraiche. Forse per questo, quando Ostrovsky pubblicò il suo sequel del 1994, “L'altro lato dell'inganno”, non c’era nessun coautore.
 
"L'altro lato dell'inganno"
 
Il contenuto del primo libro di Ostrovsky era stato per lo più piuttosto banale, privo di rivelazioni scioccanti. Descriveva semplicemente il funzionamento interno del Mossad e raccontava alcune delle sue principali operazioni, sollevando in tal modo il velo di segretezza che aveva a lungo avvolto uno dei servizi di intelligence più efficaci al mondo. Essendosi tuttavia guadagnato una solida reputazione con un bestseller internazionale, l'autore si sentì abbastanza sicuro di sé per includere nel suo sequel del 1994 numerose bombe, la decisione circa la loro veridicità o meno era affidata al giudizio dei soli lettori. La bibliografia completa di Bergman elenca circa 350 titoli, include anche il primo libro di Ostrovsky, non il secondo.
 
Alcune parti del primo libro di Ostrovsky mi erano sembrate piuttosto vaghe e strane. Perché era stato, come afferma egli stesso, il capro espiatorio di una missione fallita ed era stato messo fuori servizio? E, avendo lasciato il Mossad all'inizio del 1986, ma avendo iniziato a lavorare al suo libro solo due anni dopo, mi chiedevo cosa avesse fatto durante il periodo intermedio. Ho anche trovato difficile capire come un ufficiale subalterno avesse ottenuto una tale quantità di informazioni dettagliate sulle operazioni del Mossad in cui lui stesso non era stato coinvolto personalmente. Mi sembrava vi fossero molti pezzi mancanti nella storia.
 
Queste spiegazioni sono state tutte fornite nelle parti iniziali del suo sequel, sebbene siano ovviamente impossibili da verificare. Secondo l'autore, le sue dimissioni erano il frutto di una lotta interna in corso al Mossad, una fazione del quale, dissidente e moderata, intendeva usarlo per minare la credibilità dell'organizzazione e quindi indebolire la sua attuale leadership, cui si opponevano.
 
Leggendo questo secondo libro, otto o nove anni fa, una delle prime affermazioni sembrava totalmente stravagante. Sembra che il direttore del Mossad sia tradizionalmente stato un estraneo alla struttura, nominato dal primo ministro, e quella politica da tempo non piaceva a molte delle sue figure di spicco, che avrebbero preferito che il direttore fosse scelto tra uno di loro. Nel 1982, la loro furiosa attività di lobbying in questa direzione venne del tutto ignorata, e venne invece nominato un famoso generale israeliano, che ben presto fece piani per fare pulizia in casa. Ma, invece di accettare questa situazione, alcuni elementi scontenti del Mossad organizzarono il suo assassinio in Libano poco prima che entrasse in carica. Alcune prove del successo del complotto sono venute immediatamente alla luce e sono state successivamente confermate, scatenando un conflitto sotterraneo tra elementi del Mossad e elementi dell’esercito, un conflitto che alla fine ha coinvolto anche Ostrovsky.
 
Questa storia scritta all'inizio del libro mi è sembrata tanto poco plausibile che lessi con grande sospetto tutto il resto del libro. Ma, dopo aver letto l’autorevole volume di Bergman, adesso non ne sono più sicuro. Dopotutto sappiamo che, più o meno nello stesso periodo, una diversa fazione dell'intelligence aveva preso seriamente in considerazione l'assassinio del ministro della Difesa israeliano, e vi sono forti sospetti che siano stati proprio agenti della sicurezza a organizzare il successivo assassinio del Primo Ministro Rabin. Quindi forse l'eliminazione di uno sventurato direttore del Mossad non è così totalmente assurda. E Wikipedia conferma che davvero il gen. Yekutiel Adam, vice capo di stato maggiore israeliano, è stato nominato direttore del Mossad a metà del 1982, ma poi è stato ucciso in Libano solo un paio di settimane prima di entrare in carica, diventando così il militare israeliano più alto grado morto sul campo di battaglia.
 
Secondo Ostrovsky e gli amici della sua fazione, potenti elementi all'interno del Mossad stavano trasformandolo in una pericolosa organizzazione canaglia, che minacciava la democrazia israeliana e bloccava ogni possibilità di pace con i Palestinesi. Questi individui non esitavano ad agire persino in opposizione diretta alla massima leadership del Mossad, che spesso consideravano eccessivamente debole e compromissoria.
 
All'inizio del 1982 alcuni degli elementi più moderati del Mossad, sostenuti dal direttore uscente, avevano incaricato uno dei loro ufficiali a Parigi di aprire canali diplomatici con i Palestinesi, cosa che quest’ultimo ha fatto attraverso un addetto diplomatico statunitense, coinvolto nel tentativo. Ma quando la fazione della linea più dura ha scoperto questo piano, ha frustrato il progetto assassinando sia l'agente del Mossad che il suo sfortunato collaboratore statunitense e dando la colpa a un gruppo palestinese estremista. Ovviamente non posso verificare la verità di questa straordinaria storia, ma l'archivio del New York Times conferma il resoconto di Ostrovsky sui misteriosi omicidi del 1982 di Yakov Barsimantov e Charles Robert Ray, fatti enigmatici dei quali gli esperti non sono riusciti ad accertare i motivi.
 
Ostrovsky afferma di essere rimasto profondamente scioccato ed incredulo appena venne informato di questa storia. Quindi, come cittadino privato che ora vive in Canada, decise di intraprendere una campagna per interrompere le operazioni di intelligence del Mossad, sperando di screditare sufficientemente l'organizzazione affinché le fazioni dominanti perdessero influenza o, almeno, che le loro attività pericolose venissero limitate dal governo israeliano. Sebbene potesse contare sull’aiuto degli elementi moderati che lo avevano reclutato, il progetto era ovviamente estremamente pericoloso, e poneva la sua vita molto a rischio.
 
Presentandosi come un ex ufficiale scontento del Mossad che cercava vendetta contro il suo precedente datore di lavoro, trascorse gran parte dell'anno successivo avvicinandosi ai servizi di intelligence di Gran Bretagna, Francia, Giordania ed Egitto, offrendo di aiutarli a scoprire le reti israeliane di spionaggio nei loro paesi in cambio di ingenti pagamenti finanziari. Nessun disertore del Mossad altrettanto ben informato si era mai fatto avanti in precedenza, e sebbene alcuni di questi servizi fossero inizialmente sospettosi, alla fine ottenne la loro fiducia, mentre le informazioni che fornì furono piuttosto preziose nel rompere vari anelli di spionaggio israeliani locali, la maggior parte dei quali non avevano mai destato prima alcun sospetto. Nel frattempo, i suoi amici del Mossad lo tenevano informato di qualsiasi segno che potesse far pensare che le sue attività fossero state rilevate.
 
 
 
Il resoconto dettagliato della campagna di controspionaggio anti-Mossad di Ostrovsky occupa ben oltre la metà del libro, e non ho modo di stabilire se le sue storie siano reali o fantastiche, o magari tutte e due. L'autore fornisce copie dei suoi biglietti aerei del 1986 per Amman, Giordania e Il Cairo, in Egitto, dove sarebbe stato a lungo interrogato dai servizi di sicurezza locali e, nel 1988, scoppiò un grande scandalo internazionale quando gli inglesi chiusero tutt’altro che riservatamente un grande numero di case sicure del Mossad ed espulsero numerosi agenti israeliani. Personalmente, ho trovato la maggior parte delle testimonianze di Ostrovsky ragionevolmente credibili, ma forse le persone che possiedono una reale esperienza professionale nelle operazioni di intelligence potrebbero giungere a una conclusione diversa.
 
Sebbene due anni di questi attacchi contro le reti di intelligence del Mossad abbiano causato gravi danni, i risultati politici complessivi sono stati molto inferiori a quanto desiderato. La leadership del Mossad ha mantenuto uno stretto controllo sull'organizzazione e il governo israeliano non ha dato alcun segno di agire. Così Ostrovsky alla fine concluse che un approccio diverso poteva essere più efficace e decise di scrivere un libro sul Mossad e sui suoi meccanismi interni.
 
I suoi alleati interni erano inizialmente piuttosto scettici, ma alla fine egli li convinse ed essi parteciparono pienamente al progetto di scrittura. Alcuni di questi individui avevano trascorso molti anni nel Mossad, arrivando persino ai gradi superiori, ed erano loro la fonte del materiale estremamente dettagliato su particolari operazioni contenuto nel libro del 1990, che era sembrato molto più preciso di quanto potesse essere nelle conoscenze di un ufficiale molto giovane come Ostrovsky.
 
Il tentativo del Mossad di impedire legalmente la circolazione del libro è stato un terribile errore e ha prodotto l'enorme pubblicità che lo ha reso un bestseller internazionale. Gli osservatori esterni erano sconcertati dal fatto che gli israeliani avessero adottato una strategia mediatica controproducente ma, secondo Ostrovsky, erano stati i suoi alleati interni a convincere la leadership del Mossad ad adottare questo approccio. Lo tenevano anche al corrente dei piani del Mossad di rapirlo o assassinarlo.
 
Durante la produzione del libro del 1990, Ostrovsky e i suoi alleati avevano discusso di numerose operazioni passate, ma solo una minima parte di esse venne infine inclusa nel testo. Quindi, quando l'autore ha deciso di produrre il suo sequel, ha avuto una ricchezza di materiale storico cui attingere, che includeva diversi fatti esplosivi.
 
Il primo di questi era il ruolo primario svolto da Israele nella vendita illegale di materiale militare statunitense all'Iran durante la sanguinosa guerra Iran-Iraq degli anni '80, una storia che alla fine è esplosa nei titoli come il noto scandalo "Iran-Contra", sebbene i nostri media abbiano fatto tutto il possibile per nascondere il coinvolgimento centrale di Israele nella vicenda.
 
Il commercio di armi con l'Iran fu estremamente redditizio per Israele, e si passò presto anche all'addestramento dei piloti militari. La profonda antipatia ideologica che la Repubblica islamica nutriva per lo Stato ebraico richiedeva che questa attività venisse condotta da terzi, così fu stabilita una via di contrabbando attraverso il piccolo stato tedesco dello Schleswig-Holstein. Tuttavia, quando in seguito si cercò di ottenere l’appoggio del massimo rappresentante di questo Stato, questi respinse la proposta. I leader del Mossad temevano che potesse interferire con gli affari, quindi fabbricarono con successo uno scandalo per ottenerne le dimissioni a favore di un politico tedesco più flessibile. Sfortunatamente, il funzionario disonorato sollevò un polverone e chiese audizioni pubbliche per potersi discolpare, così gli agenti del Mossad lo attirarono a Ginevra, e dopo che ebbe rifiutato una grossa bustarella per tacere, lo uccisero facendo credere che si fosse suicidato.
 
Appena letto, questo episodio molto lungo e dettagliato, che ha impiegato più di 4.000 parole, mi ha lasciato abbastanza dubbioso. In precedenza non avevo mai sentito parlare di Uwe Barschel, ma veniva descritto come un intimo amico personale del cancelliere tedesco Helmut Kohl, e ho trovato totalmente implausibile che il Mossad potesse avere con tale disinvoltura eliminato, e poi addirittura ucciso, un politico europeo popolare e influente. I miei dubbi circa la veridicità dei fatti raccontati nel libro di Ostrovsky crebbero ulteriormente.
 
Tuttavia, tornando di recente ad occuparmi di quell’incidente, ho scoperto che, sette mesi dopo la pubblicazione del libro, il Washington Post riferì che il caso Barschel era stato riaperto, con indagini di polizia tedesche, spagnole e svizzere che avevano trovato rilevanti indizi di un omicidio commesso proprio come raccontato da Ostrovsky. Ancora una volta, le affermazioni sorprendenti del disertore del Mossad sembravano trovare conferma, e adesso sono diventato molto più disposto a credere che almeno la maggior parte delle sue successive rivelazioni siano probabilmente vere. E ce n'è un lungo elenco.
 
(En passant, Ostrovsky ha evidenziato una delle fonti cruciali della crescente influenza del Mossad in Germania. La minaccia del terrorismo tedesco interno ha portato il governo tedesco a inviare un gran numero dei suoi addetti alla sicurezza e alla polizia ad addestrarsi in Israele e questi individui sono diventati obiettivi privilegiati per il reclutamento, continuando a collaborare con gli Israeliani per molto tempo dopo essere rientrati e avere ripreso le loro carriere. Pertanto, sebbene i ranghi più alti siano generalmente fedeli al loro paese, i ranghi medi sono gradualmente diventati una sola cosa con gli elementi del Mossad, e disponibili ad essere utilizzati per vari progetti. Ciò solleva evidenti preoccupazioni per l’iniziativa statunitense post 11 settembre di inviare un numero elevato di nostri funzionari di polizia in Israele per un addestramento simile, così come la tendenza di quasi tutti i nuovi membri eletti del Congresso a recarsi in Israele),
 
Ho un vago ricordo delle polemiche dei primi anni '80 che hanno riguardato il segretario generale delle Nazioni Unite Kurt Waldheim, del quale si disse che aveva mentito sul suo servizio militare della Seconda Guerra Mondiale, e fu costretto a lasciare con vergogna il suo ufficio e il suo nome divenne sinonimo di crimini di guerra nazisti a lungo nascosti. Eppure, secondo Ostrovsky, l'intero scandalo venne fabbricato dal Mossad, che inserì i documenti incriminanti ottenuti da altri file nel dossier di Waldheim. Il leader delle Nazioni Unite era diventato sempre più critico nei confronti degli attacchi militari di Israele contro il Libano meridionale, quindi le prove falsificate furono usate per lanciare una campagna mediatica diffamatoria che lo distrusse.
 
E se Ostrovsky è affidabile, ciò vuol dire che per molti decenni Israele ha commesso fatti che avrebbero potuto essere oggetto del processo di Norimberga. Secondo quanto racconta, dalla fine degli anni '60 in poi, il Mossad aveva mantenuto una piccola struttura di laboratorio a Nes Ziyyona, a sud di Tel Aviv, per i test letali di composti nucleari, chimici e batteriologici su sfortunati palestinesi selezionati per l'eliminazione. Questo continuo processo di test mortali ha permesso a Israele di perfezionare le sue tecnologie di assassinio, migliorando al contempo il suo potente arsenale di armi non convenzionali che sarebbero disponibili in caso di guerra. Sebbene durante gli anni '70, i media statunitensi si siano concentrati all'infinito sulle cose terribili fatte dalla CIA, pure non ricordo di aver mai sentito parlare di cose tanto atroci.
 
Ad un certo punto, Ostrovsky aveva scoperto con sorpresa che agenti del Mossad stavano accompagnando i medici israeliani nelle loro missioni mediche in Sudafrica, dove curavano africani poveri in una clinica ambulatoriale a Soweto. La spiegazione che ricevette fu sinistra, vale a dire che le compagnie private israeliane usavano i neri inconsapevoli come cavie umane per testare composti medici in modi che non avrebbero potuto essere legalmente fatti in Israele stesso. Ovviamente non ho modo di verificare questa affermazione, ma a volte mi ero chiesto come alla fine Israele fosse arrivata a dominare così tanto l'industria farmaceutica generica del mondo, che naturalmente si basa sui mezzi più economici ed efficienti di test e produzione.
 
Altrettanto interessante è stata la storia che ha raccontato dell'ascesa e della caduta del magnate della stampa britannica Robert Maxwell, un immigrato ceco di origine ebraica. Secondo il suo resoconto, Maxwell aveva collaborato da vicino con il Mossad durante la sua carriera e il servizio di intelligence era stato fondamentale nel facilitare la sua ascesa, prestandogli denaro in anticipo e dispiegando i loro alleati nei sindacati e nel settore bancario per mettere in difficoltà i media che intendeva acquistare. Una volta creato l'impero, Maxwell ha rimborsato i suoi benefattori in modi sia legali che illegali, sostenendo le politiche di Israele nei suoi giornali e fornendo anche al Mossad fondi neri, finanziando segretamente le loro operazioni europee ufficiose con denaro prelevato dal conto pensionistico aziendale. Questi ultimi esborsi erano normalmente intesi come prestiti temporanei, ma nel 1991 il Mossad fu lento nel restituire i fondi e lui ebbe gravi difficoltà finanziarie e il suo fragile impero vacillava. Quando egli fece cenno ai segreti pericolosi che avrebbe potuto essere costretto a rivelare se non fosse pagato, il Mossad invece lo uccise camuffandolo da suicidio.
 
Ancora una volta, le affermazioni di Ostrovsky non possono essere verificate, ma l'editore morto ha ricevuto funerali da eroe in Israele, con il Primo Ministro che ha elogiato gli importanti servizi resi allo Stato ebraico, alla presenza anche di tre dei suoi predecessori, e Maxwell è stato seppellito con tutti gli onori nel Monte degli Ulivi. Più di recente, sua figlia Ghislaine è comparsa nelle prime pagine come la persona più vicina al famigerato ricattatore Jeffrey Epstein, e si ritiene che la donna fosse un agente del Mossad, attualmente nascosta in Israele.
 
 
 
Ma la storia più drammatica raccontata da Ostrovsky è avvenuta alla fine del 1991 e copre uno degli ultimi brevi capitoli. All'indomani della grande vittoria militare statunitense sull'Iraq nella Guerra del Golfo, il presidente George HW Bush decise di investire parte del suo considerevole capitale politico nell’imporre finalmente la pace in Medio Oriente tra arabi e israeliani. Il primo ministro di destra Yitzhak Shamir si oppose duramente a tutte le concessioni proposte, e allora Bush iniziò a esercitare pressioni finanziarie sullo Stato ebraico, bloccando le garanzie sui prestiti nonostante gli sforzi della potente lobby israeliana statunitense. All'interno di certi ambienti, fu presto diffamato come un diabolico nemico degli ebrei.
 
Ostrovsky spiega che, quando si è manifestata una forte opposizione da parte di un presidente USA, i gruppi filo-israeliani hanno tradizionalmente coltivato il suo vice presidente come porta secondaria per riguadagnare influenza. Ad esempio, quando il presidente Kennedy si oppose fortemente al programma di sviluppo di armi nucleari di Israele nei primi anni '60, la lobby israeliana concentrò le proprie attenzioni sul vicepresidente Lyndon Johnson, e questa strategia fu premiata quando quest'ultimo raddoppiò gli aiuti a Israele subito dopo l'entrata in carica. Allo stesso modo, nel 1991, accentuarono la loro amicizia con il vicepresidente Dan Quayle, un compito facile dal momento che il suo capo-staff e principale consigliere era William Kristol, uno dei principali neocon ebrei.
 
Tuttavia, una fazione estrema nel Mossad optò per un modo molto più diretto di risolvere i problemi politici di Israele, decidendo di assassinare il presidente Bush nel corso della Conferenza internazionale sulla pace che si sarebbe tenuta a Madrid, dando la colpa a tre militanti palestinesi. Il 1 ° ottobre 1991, Ostrovsky ricevette una telefonata agitatissima dal suo principale collaboratore del Mossad, che lo informava del piano e cercava disperatamente il suo aiuto per contrastarlo. All'inizio non ci credette, trovando difficile accettare l’idea che anche i più fanatici del Mossad potessero aver preso in considerazione un atto così imprudente, ma presto accettò di fare tutto il possibile per pubblicizzare la trama e portarla in qualche modo all'attenzione dell'amministrazione Bush senza essere liquidato come un semplice "teorico della cospirazione".
 
Dato che Ostrovsky era ormai un autore di spicco, veniva spesso invitato a parlare di questioni relative al Medio Oriente a gruppi d'élite e, alla prima occasione, egli parlò della intensa ostilità nutrita dagli Israeliani di destra nei confronti delle proposte di Bush, suggerendo con vigore che la vita del presidente fosse in pericolo. Come sperato, uno del pubblico ne parlò con l'ex deputato Pete McCloskey, un vecchio amico del presidente, che subito volle discuterne al telefono con Ostrovsky, poi volò ad Ottawa per un lungo incontro personale diretto a valutare la credibilità della minaccia. Concludendo che il pericolo era serio e reale, McCloskey iniziò immediatamente a usare le sue amicizie a Washington DC per convincere elementi del Servizio Segreto a contattare Ostrovsky, che spiegò le sue fonti interne di informazioni. La storia venne subito divulgata dai media, e soprattutto ne scrisse l’influente cronista Jack Anderson e anche altri, e la pubblicità che ne venne fatta consigliò di rinunciare al complotto
 
Ancora una volta ero piuttosto scettico dopo aver letto questo racconto, quindi ho deciso di contattare alcune persone che conoscevo ed esse mi hanno informato che l'amministrazione Bush aveva effettivamente preso molto sul serio gli avvertimenti di Ostrovsky sul presunto complotto del Mossad, e questo sembra confermare la maggior parte di questa storia.
 
 
 
Dopo il trionfo editoriale e il successo nello sventare la presunta trama contro la vita del presidente Bush alla fine del 1991, Ostrovsky perse i contatti coi suoi amici del Mossad, concentrandosi invece sulla propria vita privata e sulla nuova carriera di scrittore in Canada. Inoltre, le elezioni israeliane del giugno 1992 portarono alla formazione del governo molto più moderato del Primo Ministro Rabin, che sembrava ridurre notevolmente la necessità di ulteriori sforzi anti-Mossad. Ma i cambiamenti di governo a volte possono avere conseguenze inaspettate, specialmente nel letale mondo delle operazioni di intelligence, dove le relazioni personali sono spesso sacrificate all'opportunità.
 
Dopo la pubblicazione del suo libro del 1990, Ostrovsky aveva paura di essere rapito o ucciso, e di conseguenza aveva evitato di attraversare l'Atlantico e visitare l'Europa. Ma nel 1993, i suoi ex alleati del Mossad insistettero perché si recasse in Olanda e Belgio per promuovere alcune traduzioni del suo bestseller internazionale. Gli assicurarono che i cambiamenti politici in Israele significavano che ora sarebbe stato perfettamente al sicuro, e alla fine egli accettò, nonostante i dubbi. Ma sebbene avesse preso alcune ragionevoli precauzioni, uno strano incidente a Bruxelles lo convinse di essere sfuggito per poco a un rapimento del Mossad. Allarmato, chiamò il suo contatto del Mossad a casa, ma invece di ottenere rassicurazioni, ricevette una risposta stranamente fredda e ostile, che evocava il caso noto di un individuo che aveva tradito il Mossad ed era stato poi ucciso con sua moglie e i suoi tre figli.
 
A torto o ragione, Ostrovsky si convinse che la caduta del governo di linea dura di Israele sembrava aver dato alla fazione più moderata del Mossad la possibilità di ottenere il controllo dell’organizzazione. Tentati da tale eventualità, lo consideravano adesso come una pericolosa e sacrificabile questione in sospeso, qualcuno che avrebbe potuto finire col rivelare il loro stesso coinvolgimento passato nelle attività di intelligence anti-Mossad e nel progetto di un libro davvero dannoso.
 
Convinto che i suoi ex alleati ora volessero eliminarlo, iniziò rapidamente a lavorare al suo sequel, che avrebbe reso pubblica tutta la storia, riducendo così notevolmente i benefici del chiudergli la bocca. Ho anche notato che il suo nuovo testo menziona ripetutamente il fatto ch’egli era in possesso di una raccolta completa di nomi e foto degli agenti internazionali del Mossad, un'affermazione che – vera o falsa che fosse - poteva servire come polizza di assicurazione sulla vita aumentando notevolmente il rischio di un’azione contro di lui.
 
Questa breve descrizione degli eventi ha chiuso il secondo libro di Ostrovsky, spiegando perché il volume era stato scritto e conteneva tanti documenti sensibili che erano rimasti esclusi dal precedente.
 
"Giudizio finale" sull'assassinio di JFK
 
Il sequel di Ostrovsky è stato pubblicato alla fine del 1994 da HarperCollins, un editore importante. Ma, nonostante il suo contenuto esplosivo, questa volta Israele e i suoi amici avevano appreso la lezione e hanno accolto l'opera con un silenzio quasi totale piuttosto che con attacchi isterici, quindi essa ha ricevuto relativamente poca attenzione e ha venduto solo una piccola parte di quanto aveva venduto il primo libro. Tra le pubblicazioni mainstream, ho trovato solo una breve e piuttosto negativa recensione in Foreign Affairs.
 
Tuttavia, un altro libro pubblicato all'inizio dello stesso anno su questioni correlate ha subito un blackout pubblico molto più totale che dura ancora da oltre un quarto di secolo, e tutto questo non solo a causa delle sue oscure origini. Nonostante il grave handicap di un boicottaggio mediatico pressoché totale, il lavoro è diventato un bestseller sotterraneo, che ha finito con l’essere stampato in oltre 40.000 copie, ampiamente lette e discusse in alcuni ambienti, ma quasi mai menzionate pubblicamente. Il “Giudizio finale” del defunto Michael Collins Piper espose l'ipotesi esplosiva secondo cui il Mossad aveva avuto un ruolo centrale nell'omicidio più famoso del ventesimo secolo, l'uccisione del presidente John F. Kennedy del 1963.
 
Mentre i libri di Ostrovsky si fondavano sulla conoscenza personale del servizio segreto d'intelligence israeliano da parte dell’autore, Piper era invece un giornalista e ricercatore la cui carriera si esauriva nell’attività svolta per la Liberty Lobby, una piccola organizzazione di attivisti con sede a Washington DC. Essendo fortemente critico nei confronti delle politiche israeliane e dell'influenza sionista in USA, il gruppo era di solito rappresentato dai media come parte della frangia populista antisemita di estrema destra, e quasi del tutto ignorato da tutti i media tradizionali. Il suo tabloid settimanale Spotlight, che di solito si occupava di argomenti controversi, aveva già raggiunto la notevole tiratura di 300.000 copie nel periodo instabile della fine degli anni '70, ma poi ha visto ridursi di molto i suoi lettori nell’era Reagan, più placida e ottimista, che seguì.
 
La Lobby Liberty non aveva mai approfondito le questioni relative all'assassinio di JFK ma, nel 1978, pubblicò un articolo sull'argomento di Victor Marchetti, un ex importante funzionario della CIA, e venne subito dopo citato in giudizio per diffamazione da E. Howard Hunt, reso famoso dallo scandalo del Watergate, e il processo minacciava la sua sopravvivenza. Nel 1982 nel processo entrò anche Mark Lane, un avvocato esperto di origini ebraiche di sinistra che si era già occupato delle indagini sulla cospirazione contro JFK. Lane riuscì a vincere il processo nel 1985 e in seguito rimase uno stretto alleato dell'organizzazione.
 
Piper si legò progressivamente di amicizia con Lane e, all'inizio degli anni '90, cominciò anche a interessarsi dell'assassinio di JFK. Nel gennaio 1994, pubblicò il suo lavoro principale, Final Judgment, che presentava un enorme corpus di prove circostanziali a sostegno della sua teoria secondo cui il Mossad era stato pesantemente coinvolto nell'assassinio di JFK. Ho riassunto e discusso l'ipotesi di Piper nel mio articolo del 2018 :
 
"
Per decenni dopo l'assassinio del 1963, praticamente nessun sospetto aveva mai sfiorato Israele, e di conseguenza nessuna delle centinaia o migliaia di libri pubblicati negli anni '60, '70 e '80 sui complotti assassini ha lasciato intendere un qualche ruolo del Mossad, anche se sono state fatte tutte le altre possibili ipotesi, dal Vaticano agli Illuminati. Kennedy aveva ricevuto oltre l'80% del voto ebraico nelle elezioni del 1960, ebrei statunitensi avevano ruoli di primo piano nella sua Casa Bianca, e il presidente era molto incensato da personalità mediatiche, celebrità e intellettuali ebrei che andavano da New York a Hollywood alla Ivy League. Inoltre, individui di origine ebraica come Mark Lane ed Edward Epstein erano stati tra i primi a denunciare che l’omicidio di JFK era frutto di un complotto, e le loro teorie controverse erano sostenute da influenti celebrità culturali ebraiche come Mort Sahl e Norman Mailer. Dato che l'amministrazione Kennedy era ampiamente percepita come filo-israeliana, non sembrava esserci alcun motivo per un qualsiasi coinvolgimento del Mossad, e accuse bizzarre e totalmente prive di fondamento di tal genere dirette contro lo Stato ebraico non erano per nulla suscettibili di creare interesse in una industria editoriale massicciamente filo-israeliana.
 
Tuttavia, all'inizio degli anni '90, giornalisti e ricercatori molto apprezzati iniziarono a raccontare le circostanze relative allo sviluppo dell'arsenale israeliano di armi nucleari. Il libro di Seymour Hersh del 1991 “The Samson Option: Israel’s Nuclear Arsenal and American Foreign Policy” parla degli sforzi estremi dell'amministrazione Kennedy per costringere Israele a consentire ispezioni internazionali del suo presunto reattore nucleare non militare a Dimona, impedendone in tal modo la sua utilizzazione per la produzione di armi nucleari. “Dangerous Liaisons : The Inside Story of the U.S.-Israeli Covert Relationship”, di Andrew e Leslie Cockburn è apparsa nello stesso anno, e ha trattato lo stesso tema.
 
Benché completamente sconosciuto al pubblico, il conflitto politico degli anni '60 tra i governi statunitensi e israeliano sullo sviluppo delle armi nucleari rappresentava una delle principali priorità della politica estera dell'amministrazione Kennedy, che aveva fatto della non proliferazione nucleare una delle sue iniziative centrali di politica internazionale. È degno di nota il fatto che John McCone, scelto da Kennedy come direttore della CIA, fosse stato in precedenza membro della Commissione per l'energia atomica sotto Eisenhower, e fu proprio lui a far trapelare il fatto che Israele stava costruendo un reattore nucleare per produrre plutonio.
 
 

Le pressioni e le minacce di carattere finanziario segretamente applicate a Israele dall'amministrazione Kennedy alla fine divennero così gravi da portare alle dimissioni del primo ministro israeliano David Ben-Gurion nel giugno 1963. Ma questa forte pressione si interruppe quasi del tutto quando Kennedy venne sostituito da Johnson nel novembre dello stesso anno. Piper fa notare che il libro di Stephen Green del 1984 “Taking Sides : America’s Secret Relations With a Militant Israel” aveva già documentato che la politica mediorientale degli Stati Uniti si era completamente invertita dopo l'assassinio di Kennedy, ma questa importante scoperta aveva attirato poca attenzione all'epoca.
 
Gli scettici verso l’ipotesi di un complotto di natura istituzionale nella vicenda dell’assassinio di JFK hanno spesso sottolineato l'estrema continuità nelle politiche sia estere che interne tra le Amministrazioni Kennedy e Johnson, sostenendo che questo solleva gravi dubbi circa la fondatezza di una simile ipotesi. Se questo è vero in termini generali, l’atteggiamento degli USA nei confronti di Israele e del suo programma di armi nucleari rappresenta un'eccezione molto notevole a questo schema.
 
I tentativi dell’amministrazione Kennedy di limitare fortemente l’influenza delle lobby politiche filo-israeliane potrebbe essere stata un'ulteriore importante preoccupazione per i funzionari israeliani. Durante la sua campagna presidenziale del 1960, Kennedy si era incontrato a New York con un gruppo di ricchi sostenitori di Israele, guidati dal finanziere Abraham Feinberg, che gli avevano offerto un enorme sostegno finanziario in cambio di un'influenza dominante nella politica mediorientale. Kennedy riuscì a coinvolgerli con vaghe assicurazioni, ma considerò l'incidente così inquietante che il mattino dopo cercò il giornalista Charles Bartlett, uno dei suoi più cari amici, e espresse il suo sdegno per il fatto che la politica estera statunitense potesse cadere sotto il controllo dei partigiani di una potenza straniera, promettendo che, se fosse diventato presidente, avrebbe cambiato le cose. E senza dubbio, una volta insediato suo fratello Robert come Procuratore generale, quest'ultimo promosse un importante iniziativa legale per costringere i gruppi filo-israeliani a registrarsi come agenti stranieri, il che avrebbe drasticamente ridotto il loro potere e la loro influenza. Ma dopo la morte di JFK, questo progetto è stato rapidamente abbandonato e, risultato dell’accordo, fu solo l’accettazione della principale lobby pro-Israele di ricostituirsi come AIPAC.
 
 
Il libro “Final Judgment” ha avuto una serie di ristampe dopo la sua apparizione originale del 1994, e alla sesta edizione pubblicata nel 2004, è giunto a oltre 650 pagine, incluse numerose lunghe appendici e oltre 1100 note a piè di pagina, la stragrande maggioranza delle quali tratte da fonti interamente mainstream. Il testo è liberamente riproducibile, conseguenza del totale boicottaggio di tutti gli editori, mainstream o alternativi, ma io l’ho trovato notevole e, in generale, abbastanza convincente. Nonostante il blackout più estremo da parte di tutti i media, il libro ha venduto più di 40.000 copie nel corso degli anni, rendendolo una specie di best-seller sotterraneo, e sicuramente è stato letto da tutti coloro che si sono occupati dell’assassinio di JFK, anche se quasi nessuno di essi lo ha mai menzionato. Sospetto che questi scrittori abbiano compreso che anche solo il semplice riconoscimento dell'esistenza del libro, se non altro per metterlo in ridicolo o respingerlo, avrebbe potuto rivelarsi fatale per la loro carriera nei media e nell'editoria. Piper è morto nel 2015, a 54 anni, per quei problemi di salute e di alcolismo che sono spesso associati ad una triste povertà, e altri giornalisti potrebbero essere stati riluttanti a rischiare lo stesso triste destino.
 
Come esempio di questa strana situazione, la bibliografia del libro di Talbot del 2005 contiene circa 140 voci, alcune piuttosto oscure, ma non contiene “Final Judgment”, né il suo ricco indice include alcuna voce per "ebrei" o "Israele". In effetti, ad un certo punto, menziona molto delicatamente che i dirigenti dello staff del senatore Robert Kennedy erano tutti ebrei, affermando "Non c'era un cattolico tra loro". Il seguito del libro del 2015 è altrettanto circospetto, e sebbene l'indice contenga numerose voci relative agli ebrei, tutti questi riferimenti sono in relazione alla seconda guerra mondiale e ai nazisti, compresa la sua discussione sui presunti legami nazisti di Allen Dulles, la sua principale bestia nera. Il libro di Stone, mentre condanna senza timore il presidente Lyndon Johnson per l'assassinio di JFK, esclude stranamente "ebrei" e "Israele" dal lungo indice e “Final Judgment” dalla bibliografia, e il libro di Douglass segue lo stesso schema.
 
Inoltre, le inquietudini estreme che l’ipotesi di Piper sembra aver suscitato tra i ricercatori dell'assassinio di JFK possono spiegare una strana anomalia. Sebbene Mark Lane fosse egli stesso di origini ebraiche e con radici di sinistra, dopo la sua vittoria per Liberty Lobby nel processo per diffamazione di Hunt, lavorò per molti anni con quella organizzazione e sembra essere diventato piuttosto amico di Piper, uno dei suoi principali scrittori. Secondo Piper, Lane gli disse che “Final Judgment” era un "un solido dossier" sul ruolo importante svolto dal Mossad nell'assassinio, e che egli considerava la teoria di Piper come pienamente complementare alla sua focalizzazione sul ruolo della CIA. Sospetto che proprio queste possibili associazioni tra le teorie di Mark Lane e di Piper spieghino perché Lane sia stato quasi completamente eliminato dai libri di Douglass e di Talbot del 2007, e citato nel secondo libro di Talbot solo quando la cosa era assolutamente imprescindibile. Per contro, i redattori del New York Times non sono altrettanto interessati agli aspetti nascosti dell’omicidio di JFK e, ignorando questa polemica nascosta, hanno concesso a Lane il lungo e brillante necrologio che la sua carriera meritava pienamente.
 
L’analisi dei soggetti sospettati di un crimine comprende anche la valutazione dei precedenti. Come ho già detto, non mi viene in mente alcun precedente in cui il crimine organizzato abbia tentato di assassinare una figura politica statunitense, anche solo moderatamente nota sul piano nazionale. E, nonostante alcuni casi sospetti, lo stesso vale per la CIA.
 
Al contrario, il Mossad israeliano e i gruppi sionisti che hanno preceduto l'istituzione dello stato ebraico sembrano aver avuto un lungo curriculum di omicidi, compresi quelli di personalità politiche di alto rango che normalmente potrebbero essere considerati intoccabili. Lord Moyne, ministro di Stato britannico per il Medio Oriente, fu assassinato nel 1944 e il conte Folke Bernadotte, il negoziatore della pace delle Nazioni Unite inviato per aiutare a risolvere la prima guerra arabo-israeliana, subì lo stesso destino nel settembre 1948. Neanche un presidente statunitense poteva considerarsi totalmente al sicuro da tali rischi, e Piper nota che le memorie della figlia di Harry Truman, Margaret, rivelano che i militanti sionisti avevano tentato di assassinare suo padre usando una lettera con sostanze chimiche tossiche nel 1947, quando credevano che non fosse troppo solerte nel sostenere  Israele, sebbene quel tentativo fallito non sia mai stato reso pubblico. La fazione sionista responsabile di tutti questi assassini era guidata da Yitzhak Shamir, che in seguito divenne un leader del Mossad e direttore del suo programma di assassini durante gli anni '60, prima di diventare infine Primo Ministro di Israele nel 1986.
 
"
Ci sono altri elementi degni di nota che tendono a supportare l'ipotesi di Piper. Una volta accettata l’idea che JFK sia stato assassinato da una cospirazione, l'unico individuo di cui si conosca con certezza la partecipazione al complotto è Jack Ruby, e i suoi rapporti con il crimine organizzato erano quasi esclusivamente con quell’ala ebraica poco menzionata, comandata da Meyer Lansky, un sostenitore estremamente fervido di Israele. Lo stesso Ruby aveva legami particolarmente forti con il luogotenente di Lansky, Mickey Cohen, che dominava la malavita di Los Angeles e che era stato personalmente coinvolto nella vendita di armi a Israele prima della guerra del 1948. Infatti, secondo il rabbino di Dallas Hillel Silverman, Ruby aveva in privato spiegato la sua uccisione di Oswald dicendo "L'ho fatto per il popolo ebraico".
 
Va inoltre menzionato un aspetto intrigante del film JFK di Oliver Stone. Arnon Milchan, il ricco produttore di Hollywood che sostenne il progetto, non era solo un cittadino israeliano, ma avrebbe anche giocato un ruolo centrale nell'enorme progetto di spionaggio finalizzato a fornire tecnologia e materiali statunitensi al progetto israeliano di armi nucleari, proprio quella impresa che l’amministrazione Kennedy aveva tentato di bloccare. Milchan è stato a volte descritto come "il James Bond israeliano". E sebbene il film abbia una durata di ben tre ore, evita scrupolosamente di citare alcuni dei dettagli che Piper in seguito considerò come indizi di un coinvolgimento israeliano, sembrando invece puntare il dito contro il fanatico movimento anticomunista statunitense e la direzione del complesso militare – industriale durante la Guerra Fredda.
 
Riassumere oltre 300.000 parole della storia e dell'analisi di Piper in pochi paragrafi è ovviamente un'impresa impossibile, ma quanto più sopra detto fornisce un assaggio ragionevole dell'enorme massa di prove circostanziali raccolte a favore dell'ipotesi di Piper.
 
 
Sotto molti aspetti, gli studi sull'assassinio di JFK sono diventati una disciplina accademica e le mie credenziali sono piuttosto limitate. Ho letto forse una dozzina di libri sull'argomento, e ho anche provato ad affrontare i problemi con la tabula rasa e gli occhi innocenti di un neofita, ma qualsiasi esperto serio avrebbe certamente digerito decine o addirittura centinaia di volumi sull’argomento. Mentre l'analisi generale del libro di Piper mi ha colpito come abbastanza persuasiva, una buona parte dei nomi e dei riferimenti non erano familiari, e semplicemente non ho le basi per valutare la loro credibilità, né se la descrizione del materiale presentato sia accurata.
 
In circostanze normali, avrei esaminato le recensioni o le critiche prodotte da altri autori. Ma, per quanto  “Final Judgment” sia stato pubblicato un quarto di secolo fa, la quasi-assoluta coltre di silenzio che circonda le tesi di Piper, in particolare da parte dei ricercatori più influenti e credibili, rende questo impossibile.
 
Tuttavia, il fatto che Piper non sia riuscito a trovare un editore regolare e gli sforzi diffusi posti in atto per impedire la divulgazione della sua teoria, hanno prodotto ironicamente un risultato positivo. Da quando il libro è andato fuori stampa, anni fa, ho facilmente ottenuto il diritto di includerlo nella mia raccolta di libri controversi in HTML, e ora lo ho fatto, consentendo così a chiunque su Internet di leggere comodamente l'intero testo e decidere da solo, controllando facilmente la moltitudine di riferimenti o cercando particolari parole o frasi.
 
 
Questa edizione comprende in realtà molte opere più brevi, originariamente pubblicate separatamente. Uno di questi, composto da una lunga sessione di domande e risposte, descrive la genesi dell'idea, e risponde a numerose domande che la concernono, e per alcuni lettori potrebbe rappresentare un punto di partenza migliore.
 
 
Ci sono anche numerose interviste a Piper o presentazioni facilmente reperibili su YouTube, e quando ho guardato due o tre di esse un paio di anni fa, ho pensato che riassumessero efficacemente molti degli argomenti principali, ma non riesco a ricordare quali fossero.
 
 
Leggi anche
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020