ProfileIran, 9 gennaio 2020 - Questo è un vecchio trucco statunitense chiamato "dichiararsi vincitori e andarsene". Hanno detto di avere vinto. Bene. Ora vediamo quanto tempo impiegheranno per andarsene dall'Iraq e dalla Siria...   
Off White X Max 90

 

The saker, 8 gennaio 2020 (trad. ossin)
 
L’attacco missilistico iraniano, una prima valutazione 
the saker
 
 
Innanzitutto, come sempre, un riepilogo degli avvenimenti.
 
Si scopre che l’attacco iraniano è stato di estrema precisione, date un'occhiata a queste foto:
 
 
Questo è interessante, perché nel frattempo c’era un ex-colonnello degli Stati Uniti in una trasmissione idiota che diceva che la maggior parte dei missili iraniani o mancavano il bersaglio o finivano nel deserto. Urrà! Urrà! Urrà! Gli Stati Uniti hanno i MIGLIORI militari della GALAXY !! Riportiamo queste teste col turbante alla loro realtà medievale, bla-bla-bla.
 
La realtà è che questa è stata una "dimostrazione di verifica teorica" molto efficace. Basta considerare questo: gli Iraniani dispongono di coordinate super accurate per ogni singolo edificio della Green Zone. Secondo voi, quale impatto avrebbe un attacco missilistico risoluto - non simbolico – sulle principali strutture statunitensi della zona verde? E le forze statunitensi in Kuwait e / o in Arabia Saudita?
 
Tenete presente che il tipo di missili usati dall'Iran è una generazione molto più vecchia, meno performante. Ad esempio, per quanto ne so, questi missili non hanno una capacità di guida finale (magari ricontrollate / verificate accuratamente questa informazione). Altri lo faranno (di questo sono sicuro).
 
Inoltre, sta diventando evidente che l'Iran non aveva intenzione di colpire il personale statunitense, almeno non deliberatamente. Quindi, quando l'idiota in capo twitta "finora, tutto bene" ha ragione, ma per ragioni tutte sbagliate.
 
Considero questo primo colpo come un AVVERTIMENTO molto serio che ha due finalità.
 
Innanzitutto, per dimostrare che la minaccia dei "54 bersagli in Iran" è priva di contenuti: gli Iraniani non se ne preoccupano (per certo) e non la prendono in considerazione nemmeno i pianificatori del Pentagono (molto probabilmente). Quindi, a parte l'aria calda, l'idiota in capo non ha prodotto nulla.
 
In secondo luogo, per dimostrare a quelli degli Stati Uniti che credono davvero nella loro stupida propaganda sul fatto che gli USA abbiano I MIGLIORI militari nella storia della Galassia che, quanto a missili, l'Iran se la cava bene, grazie.
 
Ora, in tutta onestà, darò SEMPRE il benvenuto a QUALSIASI gesto che possa evitare una grande guerra totale. Non ho dubbi che questi eventi segnino l'inizio della fine per l'Impero. L'unica vera domanda è: con quali costi per il resto dell'umanità? Quindi, sebbene sia un idiota narcisista di sicuro, e per quanto abbia accompagnato la parte fondamentale del suo discorso dando in escandescenze in modo stupido e delirante e sventolando la bandiera, devo ammettere che Trump ha fatto di nuovo la cosa giusta. Distruggere 54 (o anche uno solo) obiettivo iraniano avrebbe provocato un attacco iraniano contro Israele (ora sappiamo con certezza che sarebbe stato anche molto preciso!) Che avrebbe scatenato una massiccia guerra regionale. Non siamo ancora a questo punto e, anche se molti mi diranno che sono ingenuo o stupido, sono grato per TUTTO quanto possa ritardare o evitare qualsiasi grande guerra (o anche piccola). E anche se continuo a pensare che Trump sia un idiota narcisista, riconoscerò SEMPRE quando fa qualcosa di giusto o addirittura "meno cattivo di quello che avrebbe potuto fare".
 
Aggiungerò anche questo: considero i militari statunitensi in Iraq (e nel resto del mondo) come colpevoli di essersi arruolati volontariamente in un esercito che non ha mai combattuto e mai combatterà una guerra giusta. Ma non per questo meritano di essere uccisi in un’immensa palla di fuoco, scusate. In combattimento, sì, i soldati statunitensi sono un obiettivo legittimo e, legalmente parlando (dal punto di vista delle Convenzioni di Ginevra e del Diritto internazionale di guerra), gli obiettivi colpiti dall'Iran erano legittimi al 100%, perché il diritto internazionale NON vieta i danni collaterali, vieta solo i danni collaterali INTENZIONALI. I militari statunitensi sono, per definizione, bersagli legali, legittimi, ma a livello umano mi dispiace per loro e non desidero che paghino per i crimini dei loro comandanti (per i quali ho simpatia o compassione ZERO).
 
In realtà sono abbastanza felice che nessuno sia morto in questi attacchi.
 
Se ci fossero state numerose vittime (come riportano alcune fonti), non avrei problemi ad ammettere che questo attacco era sia legale che etico, ma mi sentirei triste per ogni persona uccisa (USA o Iraq).
 
I musulmani sciiti si preoccupano della vita dei loro nemici? Sì! Lo fanno davvero. La prova? Guardate come Hezbollah ha trattato quei libanesi che erano collaboratori della famigerata forza proxy di Israele chiamata “SLA" (Esercito del Libano del Sud) e lo capirete da voi stessi. Gli sciiti, dal canto loro, hanno commesso atrocità in passato? Sicuro! A partire dall'Iraq, diverse milizie sciite hanno commesso molte orribili atrocità. Ma questo è quello che fa QUALUNQUE parte di un conflitto brutale, e IN PARTICOLARE quando c’è una guerra civile (basta guardare alla macelleria delle guerre civili russe o statunitensi!). Ma il fatto è che i leader sciiti spesso pongono l’accento sulla misericordia, la compassione e la giustizia (Hassan Nasrallah ha dichiarato specificamente che Hezbollah non avrebbe preso di mira i civili degli Stati Uniti; ciò in contrasto con le affermazioni dell'idiota in capo).
 
Quindi, che “punteggio” dare? Chi ha vinto e chi ha perso”?
 
Tutto dipende dai criteri che si scelgono.
 
Ecco il mio punto di vista: tutto ciò che rende più facile agli Stati Uniti restare in Medio Oriente è una vittoria per l'Impero e tutto ciò che rende più difficile agli Stati Uniti restare in Medio Oriente è una vittoria per il resto del pianeta.
 
Penso che questo criterio renda abbastanza facile segnare i punti di quest’ultimo attacco, vero?
 
Ancora una cosa: altri due razzi sembrano essere atterrati vicino alla Green Zone. Dalle informazioni (piuttosto minime) che ho, questi erano missili di tipo MRLS e sono stati lanciati dalle forze locali irachene, NON dall'Iran. Questo è interessante e rivelatore, perché?
 
Perché possiamo aspettarci un drammatico aumento di questo tipo di mini-attacchi "mordi e fuggi", che non assicurano reali vantaggi tattici, ma che sono devastanti per il morale e riducono enormemente la mobilità e la capacità di operare delle forze prese di mira. Ancora una volta, vi invito a riapplicare i miei criteri per valutare l'utilità (o l’inutilità) di questi avvertimenti.
 
Cantando per qualche ora. Cordiali saluti
 
PS: un'altra cosa: l'idiota in capo ha detto che "l'Iran è accomodante". Basta ricordare che un altro non meno idiota in capo ha annunciato nel 2006 che "Israele aveva sconfitto Hezbollah". Questo è un vecchio trucco statunitense chiamato "dichiararsi vincitori e andarsene". Hanno detto di avere vinto. Bene. Ora vediamo quanto tempo impiegheranno per andarsene dall'Iraq e dalla Siria e, molto più oltre, dall'intero Medio Oriente.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020