ProfileIntervento, 13 gennaio 2020 - Mentre gli Stati Uniti intensificano le loro guerre ibride, Twitter, Facebook e Instagram sospendono gli account e censurano i contenuti che contraddicono la propaganda di guerra statunitense...        

 

The GrayZone, 12 gennaio 2020 (trad.ossin)
 
Facebook e Twitter dichiarano guerra a chi critica USA e Israele
Ben Norton
 
Mentre gli Stati Uniti intensificano le loro guerre ibride, Twitter, Facebook e Instagram sospendono gli account e censurano i contenuti che contraddicono la propaganda di guerra statunitense. Grayzone ha parlato con molte persone messe a tacere da questa epurazione dei social media
 
 
L'amministrazione di Donald Trump sta intensificando la sua guerra dell’informazione contro Venezuela, Iran e Siria. Ed ha arruolato i social media come armi della sua strategia di regime change.
 
Nelle prime due settimane di gennaio, Twitter ha sospeso decine di account gestiti da persone reali, non robot, in Venezuela, Iran e Siria. Tra essi, capi di Stato, numerose istituzioni statali, media e molte persone qualsiasi che non lavorano per i loro governi.
 
Il leader supremo dell'Iran, il presidente della Siria e il presidente dell'Assemblea nazionale venezuelana si sono tutti visti, negli ultimi giorni, sospendere temporaneamente o sottoporre a restrizioni i loro account Twitter. Numerosi media alternativi hanno ricevuto lo stesso trattamento.
 
Contemporaneamente, Facebook, e la sua sussidiaria Instagram, hanno annunciato che censureranno i contenuti che giudicheranno favorevoli al generale iraniano Qassem Soleimani, assassinato in un atto di guerra statunitense il 3 gennaio.
 
Il colosso della Big Tech ha affermato che questa censura della libertà di espressione sarà fatta per conformarsi alle sanzioni soffocanti di Washington contro l'Iran.
 
Questa repressione draconiana sui social media arriva mentre l'amministrazione Trump sta aggressivamente intensificando la sua guerra economica e diplomatica contro questi paesi indipendenti, nella speranza di riuscire a rovesciarne i loro governi sovrani.
 
The Grayzone ha parlato con alcuni attivisti venezuelani e iraniani che non lavorano per i loro governi, ma che si sono visti sospendere i loro account Twitter. Hanno tutti detto di non aver ricevuto alcun avvertimento, avviso o spiegazione sul perché fossero stati bloccati.
 
Come già detto da Grayzone, le grandi società tecnologiche sono strettamente legate al governo degli Stati Uniti e sempre di più operano come articolazioni di esso, cancellando gli account di esponenti di governi stranieri presi di mira da Washington per un regime change. Tra essi, anche Cina, Russia, Cuba, Palestina e altri.
 
All'inizio del 2020, questa guerra sui social media si è notevolmente intensificata.
 
Twitter elimina gli account del governo e dei media venezuelani 
 
In diverse occasioni Twitter ha sospeso centinaia di account gestiti da venezuelani, non solo profili collegati al governo, ma anche quelli gestiti da attivisti civili del movimento di sinistra Chavista.
 
Il colosso dei social media faceva questo mentre contemporaneamente convalidava e promuoveva gli account degli attivisti dell'opposizione appoggiati dagli USA e dei protagonisti del colpo di Stato, come Juan Guaidó e il suo governo ombra oramai in dissoluzione.
 
The Grayzone ha già scritto in che modo Twitter si affidi ad organizzazioni finanziate dal governo degli Stati Uniti, e dai loro alleati europei, per sorvegliare e censurare i media statali stranieri e sospendere account che non si allineano alla propaganda di Washington.
 
Il 7 gennaio, ha effettuato un’altra serie di sospensioni. E anche quando The Grayzone ha contattato la società per ottenere spiegazioni, Twitter non ha fornito risposte esaurienti.
 
In occasione di quest'ultima purga, Twitter ha sospeso gli account ufficiali della Guardia Nazionale, della Marina Militare, dell'Aeronautica Militare, del Comando Strategico, del Ministero del Petrolio, del Ministero dei Servizi Penitenziari, della Commissione Nazionale di Tecnologia dell'Informazione del Venezuela, nonché del Foundation Engineering Institute.
 
Anche l'ufficio del governo del Distretto della Capitale, l'ufficio del vicepresidente dell'economia e l'ufficio stampa delle forze armate si sono visti rimuovere i loro account da Twitter.
 
Tutti insieme, questi account bloccati contavano milioni di follower.
 
Gli account della Banca centrale e del Ministero dell'economia e delle finanze venezuelani sono stati temporaneamente oscurati, ma poi riattivati.
 
Sono stati censurati anche i media venezuelani che contraddicono la propaganda di destra divulgata dai media mainstream e da Washington. Twitter ha sospeso gli account della principale stazione radio, “Radio del Sur”, del popolare sito di notizie Red Radio Venezuela, e di Ciudad CCS , il giornale del comune di Caracas, la capitale del paese.
 
Twitter, in numerose occasioni, ha persino sospeso gli account del legittimo presidente venezuelano Nicolás Maduro, anche se, di fronte all’indignazione diffusa, li ha poi riattivati.
 
Ma non tutti i venezuelani che sono stati censurati lavorano alle dipendenze di istituzioni statali. Un’attivista chavista come Patricia Dorta, che aveva quasi 40.000 seguaci, e Yepfri Arguello si sono visti anche loro oscurare gli account, senza spiegazioni, nel corso dell’epurazione del 7 gennaio.
 
Sono stati presi di mira anche singoli funzionari governativi. Twitter ha sospeso i conti di Víctor Clark, il governatore dello stato di Falcón, dal Partito socialista unito al potere (PSUV); di Jesús Suárez Chourio, ex comandante generale dell'esercito venezuelano; e di Hugbel Roa, deputato all'Assemblea nazionale, anch’egli del PSUV.
 
Kenny Ossa, un eminente attivista per la difesa dell’educazione tecnologica e della libertà di accesso alle informazioni, presidente del Centro nazionale di tecnologia dell'informazione del Venezuela, si è visto oscurare, per la seconda volta, il suo account.
 
Twitter ha anche sospeso il profilo del famoso attivista venezuelano Freddy Bernal, leader del movimento Chavista impegnato nel programma alimentare del governo CLAP, che distribuisce cibo a circa 7 milioni di famiglie. Il suo account è stato comunque ripristinato successivamente.
 
Nella sua campagna di epurazioni, Twitter ha quasi senza eccezioni preso di mira quei venezuelani del movimento di sinistra chavista, che Washington ha cercato di schiacciare da quando è salito al potere per la prima volta con l’elezione nel 1998 del presidente Hugo Chávez.
 
Ma nella sua campagna censoria del 7 gennaio, e questa è un’assoluta novità, Twitter ha colpito anche un importante esponente politico dell'opposizione venezuelana di destra.
 
La società di social media ha posto delle restrizioni all’account del deputato venezuelano Luis Parra, pochi giorni dopo la sua elezione alla carica di presidente dell'Assemblea nazionale. A differenza di tutte le altre vittime della censura, Parra è di Primero Justicia, un partito di opposizione di destra sostenuto dal governo degli Stati Uniti.
 
Le restrizioni imposte a un leader dell'opposizione venezuelana di destra, nel momento esatto in cui questa persona è stata criticata da Washington, è una prova tangibile dell'influenza esercitata dal governo USA su Twitter.
 
 
The Grayzone ha parlato con Dhaymi Peña, che gestisce la stazione Radio del Sur, il cui account è stato sospeso da Twitter. Ha detto che il dipendente che gestisce l'account ha ricevuto una comunicazione che il loro profilo era stato rimosso, accompagnato da un link alle linee guida di Twitter. "Ma non c'era una motivazione specifica", ha detto Peña, "solo delle regole generali".
 
"È difficile per noi", ha commentato, osservando che anche altri media venezuelani hanno sofferto di analoghe sospensioni.
 
Anche Vanessa Gutiérrez, giornalista venezuelana che ospita uno spettacolo su Radio del Sur, si è vista sospendere due volte il proprio account Twitter personale. Ha detto a The Grayzone che il suo profilo è stato sospeso per la seconda volta nell'ottobre 2019, ma dopo numerose richieste rivolte alla società, è stato successivamente ripristinato.
 
"C'è stato un massiccio attacco contro account gestiti dal governo e dai media", ha detto Gutiérrez. "E’ come se fosse stata una prova generale”.
 
“Quando sospendono gli account, si limitano a mandarti un link alle regole generali. Ma non ti spiegano mai quale infrazione avresti commesso", ha spiegato.
 
La giornalista venezuelano ha aggiunto: "Non cercano nemmeno scuse, ci mettono semplicemente a tacere".
 
 
Twitter sospende i media iraniani e gli attivisti civili
 
Anche l'Iran è stata oggetto di un’offensiva censoria da parte dei social media nello stesso momento in cui il governo statunitense lo aggrediva militarmente. Funzionari, organi di informazione e attivisti iraniani sono stati censurati da Twitter in una purga che è cresciuta di intensità in questo mese.
 
The Grayzone ha già documentato come Google, Facebook e Twitter abbiano oscurato gli account di Iraniani reali, ivi compresi giornalisti.
 
Mentre Trump ordinava, con un chiaro atto di guerra, l’omicidio del generale iraniano Soleimani, Twitter si attivava per imporre restrizioni all'account del leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei.
 
Twitter aveva già in passato oscurato l'account in lingua spagnola di Khamenei. E ha persino bloccato un account che pubblicava video ed estratti di discorsi del leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ruhollah Khomeini.
 
 
Nei giorni successivi all'attacco aereo statunitense che ha ucciso Soleimani, Twitter ha anche sospeso l'account ufficiale di HispanTV, un media in lingua spagnola sostenuto dal governo iraniano, popolare in America Latina.
 
 
Una vivace reazione ha, tuttavia, convinto la società a ripristinare il profilo di HispanTV.
 
Oltre a HispanTV, Twitter ha sospeso l'account del media iraniano Al-Alam News.
 
Anche molti singoli iraniani sono stati presi di mira. Gli utenti hanno pubblicato un elenco di decine di Iraniani i cui account sono stati soppressi. Tra essi, molti militanti, giornalisti, eminenti accademici che hanno contestato la propaganda e la disinformazione occidentale sul loro paese.
 
Ahmad Nozoori, un ricercatore e analista politico iraniano che non lavora per il governo, si è visto sospendere il suo account Twitter dopo aver lavorato per anni a costruirsi un seguito.
 
 
"Non potevo crederci", ha detto Noroozi a The Grayzone. “In effetti, non uso Twitter ogni giorno. Mi limito a seguire alcuni amici e giornalisti. "
 
"Il mondo deve sapere cosa sta realmente succedendo", ha detto Noroozi. “Il segretario Pompeo era convinto che il popolo iraniano e iracheno avrebbero acclamato l'assassinio [di Soleimani]. I media statunitensi stavano divulgando analoghe sciocchezze e presentavano il martirio di Soleimani come una cosa positiva. Cosa può fare il giornalismo non professionista, se non usare i social media per raccontare la realtà? "
 
"Ho cercato di aggiornare i miei follower, tramite Twitter, sulla situazione, attraverso le dichiarazioni dei testimoni oculari - principalmente con le immagini e i video che avevo preso io stesso – e le notizie fornite dai media iraniani sull'attacco di rappresaglia alla base statunitense", ha spiegato. "È chiaro che a questa gente che pretende di controllare le menti non piaceva che i miei post fossero in inglese. Preferiscono nascondere la verità e diffondere la loro propaganda a senso unico. "
 
Twitter sospende l'account del presidente siriano
 
Non sono solo le istituzioni governative, i media e gli attivisti ad essere stati presi di mira dalla purga di Twitter. La Corporation se l’è presa anche coi capi di Stato che Washington intende rovesciare.
 
Anche la Siria è stata presa di mira in questa repressione di Twitter.
 
Il 4 gennaio Twitter ha temporaneamente sospeso l'account ufficiale del presidente siriano Bashar al-Assad. Pochi giorni dopo, a causa delle reazioni suscitate, ha ripristinato l'account.
 
Twitter ha ripetutamente sospeso e limitato il profilo del presidente siriano, costringendo l'ufficio presidenziale del paese a creare più account (nessuno dei quali è stato convalidato).
 
 
Come l'Iran e il Venezuela, anche il governo siriano è riconosciuto a livello internazionale e ha un seggio alle Nazioni Unite. Ma gli Stati Uniti e i suoi alleati si sono impegnati a rovesciare tutti questi governi e a sostituirli con oppositori di destra subalterni agli interessi occidentali. E i social media si sono scrupolosamente allineati all'agenda di Washington, imponendo gravi limitazioni alla libertà di parola.
 
Grayzone ha contattato Twitter con una richiesta dettagliata di spiegazioni a proposito dei casi più su riportati.
 
Un portavoce della società ha risposto con solo due frasi: “Twitter ha sistemi automatici per evitare manipolazioni su larga scala. A volte possono esservi degli errori, contro i quali il titolare dell’account può fare ricorso."
 
Facebook e Instagram si associano a Twitter nel ruolo di Polizia del pensiero al servizio dell'impero statunitense
 
Twitter non è affatto l'unica società di social media che censura i nemici ufficiali del governo degli Stati Uniti. Anche Instagram, e il suo proprietario Facebook, hanno sospeso centinaia di account venezuelani, iraniani e siriani, citando espressamente le sanzioni del governo USA come giustificazione.
 
Qualche giorno dopo Facebook ha censurato un video di The Grayzone che riportava interventi del leader iraniano Khamenei e del segretario generale libanese di Hezbollah Hassan Nasrallah, la società Big Tech ha oscurato il video di un prete siriano cristiano che elogiava il generale iraniano Soleimani per aver sconfitto l'ISIS e altri estremisti takfir.
 
Il ricercatore libanese Hadi Nasrallah ha tradotto e pubblicato un video del reverendo cristiano siriano Ibrahim Naseir, la cui chiesa era stata distrutta dai jihadisti salafiti appoggiati dall'Occidente che occupavano la città di Aleppo.
 
Nel suo post, Hadi Nasrallah ha scritto "Q * ssem S * leim * ni", temendo che l'uso del nome completo del defunto generale avrebbe innescato l'algoritmo di Facebook. Ma i suoi video e post sono stati ugualmente rimossi, dimostrando come la società statunitense intenda deliberatamente censurare l’espressione di persone che vivono in Libano, a migliaia di miglia di distanza.
 
 
Queste forme di repressione sempre più autoritarie dimostrano vieppiù come le società Big Tech agiscano quali strumenti del governo degli Stati Uniti e della sua politica estera.
 
Nel 2018, quando Facebook rimosse le pagine dei media alternativi che contestavano la propaganda di Washington, Jamie Fly, un esponente neoconservatore appoggiato dal governo degli Stati Uniti, promise che era "solo l'inizio". (Fly subito dopo divenne presidente e amministratore delegato dello strumento di propaganda del governo USA, Radio Free Europe / Radio Liberty , o RFE / RL.)
 
La promessa di Fly si è compiuta nelle prime settimane del 2020, quando l'apparato di intelligence militare statunitense ha chiesto ai giganti dei social media di sopprimere il punto di vista di milioni di persone in tutto il mondo, in particolare quelli che vivono in Stati considerati nemici.
 
Si tratta di una censura governativa per procura, che demolisce i diritti civili per nascondere al pubblico fatti scomodi.
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020