ProfileLa guerra in Medio Oriente, 20 gennaio 2021 - E' passato un anno dall'omicidio del Maggiore generale Qassem Soleimani, e gli obiettivi che si proponevano USA e Israele non si sono realizzati. Il sacrificio del Che Guevara mediorientale non è stato vano...     

 

Asia Times, 4 gennaio 2021 (trad. ossin)
 
La Geopolitica di Soleimani un anno dopo
Pepe Escobar
 
Sebbene il Che Guevara del sud-ovest asiatico sia scomparso, l'asse Teheran-Baghdad-Damasco-Hezbollah vive e cresce
 
 
Un anno fa, gli Anni Venti cominciavano con un omicidio.
 
L'assassinio del Magg. Gen. Qassem Soleimani, comandante della Forza Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC), e di Abu Mahdi al-Muhandis,  vice comandante della milizia irachena Hashd al-Sha'abi, con dei missili Hellfire a guida laser, lanciati da due droni MQ-9 Reaper, è stato un atto di guerra.
 
Non solo l'attacco con droni all'aeroporto di Baghdad, ordinato direttamente dal presidente Trump, è stato unilaterale, non provocato e illegale: esso è stato progettato come una provocazione brutale, che doveva far esplodere una reazione iraniana che sarebbe poi stata contrastata dalla "legittima difesa" statunitense, che sarebbe poi stata presentata come "Dissuasiva". Chiamatela una forma perversa di falsa bandiera invertita.
 
Il Mighty Wurlitzer imperiale lo ha definito un "omicidio mirato", un'operazione preventiva mirante a colpire la presunta pianificazione, da parte di Soleimani, di "attacchi imminenti" contro diplomatici e truppe statunitensi.
 
Falso. Nessuna prova di sorta. E poi, il primo ministro iracheno Adil Abdul-Mahdi, davanti al suo Parlamento, ha rivelato l’ultimo dettaglio: Soleimani era in missione diplomatica, a bordo di un volo di linea tra Damasco e Baghdad, impegnato in un complesso negoziato tra Teheran e Riyadh, che vedeva il Primo Ministro iracheno quale mediatore, su richiesta del presidente Trump.
 
Così la macchina imperiale – calpestando il diritto internazionale - ha assassinato un inviato diplomatico de facto.
 
Le tre principali fazioni che hanno spinto per l'assassinio di Soleimani furono i neoconservatori statunitensi - estremamente ignoranti della storia, della cultura e della politica del sud-ovest asiatico - e le lobby israeliana e saudita, che credono appassionatamente che i loro interessi si affermino ogni qualvolta che l'Iran viene attaccato. Trump non era assolutamente in grado di vedere il quadro generale e le sue terribili ramificazioni: egli sa solo quello che il suo principale finanziatore israeliano, Sheldon Adelson, gli detta e ciò che Jared d'Arabia Kushner gli sussurra all'orecchio, controllato a distanza dal suo caro amico Muhammad bin Salman (MbS).
 
L'armatura del "prestigio" statunitense
 
La risposta iraniana misurata all'assassinio di Soleimani è stata accuratamente calibrata per non far esplodere la vendicativa "dissuasione" imperiale: attacchi missilistici di precisione sulla base aerea statunitense di Ain al-Assad in Iraq. Il Pentagono ha ricevuto un preavviso.
 
Com'era prevedibile, l’avvicinarsi del primo anniversario dell'assassinio di Soleimani ha ancora una volta evocato venti di guerra tra USA e Iran.
 
Quindi è illuminante esaminare ciò che il comandante della divisione aerospaziale dell'IRGC, il generale di brigata Amir-Ali Hajizadeh, ha detto alla rete libanese Al Manar: "Gli Stati Uniti e il regime sionista [Israele] non hanno portato sicurezza in nessun luogo e, se succede qualcosa qui (nella regione) e scoppia una guerra, non faremo distinzione tra le basi statunitensi e i paesi che le ospitano ".
 
Hajizadeh, a proposito degli attacchi missilistici di precisione un anno fa, ha aggiunto: “Eravamo preparati ad una risposta statunitense e tutta la nostra potenza missilistica era completamente in allerta. Se avessero dato una risposta, avremmo colpito tutte le loro basi dalla Giordania all'Iraq e al Golfo Persico e persino le loro navi da guerra nell'Oceano Indiano ".
 
Gli attacchi missilistici di precisione su Ain al-Assad, un anno fa, sono stati realizzati da una Potenza di medio rango, indebolita dalle sanzioni e alle prese con un'enorme crisi economico / finanziaria, che ha risposto ad un attacco colpendo beni imperiali situati nelle basi militari. Questa è stata una novità mondiale - inaudita dalla fine della seconda guerra mondiale. È stato chiaramente interpretato in vaste aree del Sud del mondo come un fatale colpo all'armatura egemonica vecchia di decenni del "prestigio" statunitense.
 
Quindi Teheran non è rimasta esattamente impressionata dai due B-52 con capacità nucleare che di recente hanno sorvolato il Golfo Persico; o dalla US Navy che ha annunciato la scorsa settimana l'arrivo della USS Georgia a propulsione nucleare carica di missili nel Golfo Persico.
 
Queste manovre sono state una risposta ad un'affermazione priva di prove, secondo cui Teheran era dietro un attacco di 21 missili contro la tentacolare ambasciata statunitense situata nella Zona Verde di Baghdad.
 
I razzi calibro 107 mm (inesplosi) - segnati in inglese, non in farsi - possono essere facilmente acquistati in qualche souk sotterraneo di Baghdad praticamente da chiunque, come ho visto io stesso in Iraq dalla metà degli anni 2000.
 
Questo certamente non si qualifica come un casus belli - o "legittima difesa" che si coniuga con “dissuasione". La giustificazione di Centcom suona in realtà come uno schizzo di Monty Python: un attacco "... quasi certamente condotto da un gruppo di milizie canaglia appoggiato dall'Iran". Notate che "quasi certamente" vuol dire "non abbiamo idea di chi sia stato".
 
Come combattere la - vera - guerra al terrorismo
 
Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif si è preso la briga (vedi tweet allegato) di avvertire Trump che lo stavano coinvolgendo in un falso casus belli – e che la reazione sarebbe stata inevitabile. Questo è un esempio di diplomazia iraniana perfettamente allineata con l'IRGC: dopotutto, l'intera strategia post-Soleimani è gestita direttamente dall'ayatollah Khamenei.
 
E ciò porta l'Hajizadeh dell'IRGC a fissare ancora una volta la linea rossa iraniana in termini di difesa della Repubblica islamica: "Non negozieremo con nessuno sulla potenza missilistica" - anticipando qualsiasi mossa per includere la riduzione dei missili in un possibile ritorno di Washington all’accordo JCPOA. Hajizadeh ha anche sottolineato che Teheran ha limitato la portata dei suoi missili a 2.000 km.
 
Il mio amico Elijah Magnier, probabilmente il principale corrispondente di guerra in tutta l'Asia sudoccidentale negli ultimi quattro decenni, ha dettagliatamente descritto l'importanza di Soleimani.
 
Tutti, non solo lungo l'Asse della Resistenza - Teheran, Baghdad, Damasco, Hezbollah - ma in vaste aree del Sud del mondo, sono assolutamente consapevoli di come Soleimani abbia guidato la lotta contro ISIS / Daesh in Iraq dal 2014 al 2015, e di come sia stato determinante nel riprendere Tikrit nel 2015.
 
Zeinab Soleimani, la figlia del generale impressionante, ha delineato il profilo dell'uomo e dei sentimenti che ha ispirato. E il segretario generale di Hezbollah Sayed Nasrallah, in una straordinaria intervista, ha sottolineato la "grande umiltà" di Soleimani, anche "con la gente comune, la gente semplice".
 
Nasrallah racconta una storia che è essenziale per contestualizzare il modus operandi di Soleimani nella guerra al terrorismo reale - non fittizia - e merita di essere citato per intero:
 
A quel tempo, Hajj Qassem viaggiò dall'aeroporto di Baghdad all'aeroporto di Damasco, da lì venne (direttamente) a Beirut, nella periferia meridionale. Giunse da me a mezzanotte. Ricordo molto bene quello che mi disse: "All'alba devi fornirmi 120 comandanti operativi (Hezbollah)". Risposi: "Ma Hajj, è mezzanotte, come posso fornirti 120 comandanti?" Mi disse che non c'era altra soluzione se volevamo combattere (efficacemente) contro l'ISIS, per difendere il popolo iracheno, i nostri luoghi sacri [5 dei 12 imam dello Sciismo hanno i loro mausolei in Iraq], i nostri Hawza [Seminari islamici] e tutto ciò che esisteva in Iraq. Non c'era scelta. “Non ho bisogno di combattenti. Ho bisogno di comandanti operativi [per supervisionare le Unità di mobilitazione popolare irachena, PMU] ". Questo è il motivo per cui nel mio discorso [sull'assassinio di Soleimani], ho detto che durante i 22 anni circa della nostra relazione con Hajj Qassem Soleimani, non ci ha mai chiesto nulla. Non ci ha mai chiesto niente, nemmeno per l'Iran. Sì, ce lo ha chiesto solo una volta, ed era per l'Iraq, quando ci ha chiesto di questi (120) comandanti operativi. Quindi è rimasto con me e abbiamo iniziato a contattare i nostri fratelli (Hezbollah) uno per uno. Siamo stati in grado di portare quasi 60 comandanti operativi, inclusi alcuni fratelli che erano in prima linea in Siria, e che abbiamo inviato all'aeroporto di Damasco [ad aspettare Soleimani], e altri che erano in Libano, che abbiamo svegliato e portato [immediatamente] da casa loro perché l'Hajj voleva portarli con sé sull'aereo che lo avrebbe ricondotto a Damasco dopo la preghiera dell'alba. E infatti, dopo aver pregato insieme la preghiera dell'alba, volarono con lui a Damasco e Hajj Qassem viaggiò da Damasco a Baghdad con 50-60 comandanti libanesi di Hezbollah, con i quali si recò in prima linea in Iraq. Ha detto che non aveva bisogno di combattenti, perché grazie a Dio c'erano molti volontari in Iraq. Ma aveva bisogno di comandanti [temprati dalla battaglia] per guidare questi combattenti, addestrarli, trasmettere loro esperienza e competenza, ecc. E non se ne andò finché non accettò la mia promessa che entro due o tre giorni gli avrei mandato i restanti 60 comandanti. "
 
Orientalismo, di nuovo
 
Un ex comandante di Soleimani che ho incontrato in Iran nel 2018 aveva promesso a me e al mio collega Sebastiano Caputo che avrebbe cercato di organizzare un'intervista con il Magg. Generale, che non aveva mai parlato con i media stranieri. Non avevamo motivo di dubitare del nostro interlocutore, quindi fino all'ultimo minuto a Baghdad eravamo in questa selezionata lista d'attesa.
 
Per quanto riguarda Abu Mahdi al-Muhandis, ucciso fianco a fianco con Soleimani nell'attacco con i droni di Baghdad, facevo parte di un piccolo gruppo che ha trascorso un pomeriggio con lui in una casa sicura all'interno - non all'esterno - della Zona Verde di Baghdad nel novembre 2017. Il mio il report completo è qui.
 
Il prof. Mohammad Marandi dell'Università di Teheran, riflettendo sull'assassinio, mi ha detto: “la cosa più importante è che la visione occidentale della situazione è molto orientalista. Presumono che l'Iran non abbia strutture reali e che tutto dipenda dagli individui. In Occidente un assassinio non distrugge un'amministrazione, un'azienda o un'organizzazione. L'ayatollah Khomeini è morto e hanno detto che la rivoluzione era finita. Ma il processo costituzionale ha prodotto un nuovo leader in poche ore. Il resto è storia."
 
Questo potrebbe contribuire molto a spiegare la geopolitica di Soleimani. Potrebbe essere stato una superstar rivoluzionaria - molti in tutto il Sud del mondo lo vedono come il Che Guevara del sud-ovest asiatico - ma era soprattutto un ingranaggio abbastanza articolato di una macchina molto complessa.
 
Il presidente aggiunto del parlamento iraniano, Hossein Amirabdollahian, ha detto all’emittente iraniana Shabake Khabar che Soleimani, due anni prima dell'assassinio, aveva già previsto un'inevitabile "normalizzazione" tra Israele e le monarchie del Golfo Persico.
 
Allo stesso tempo non dimenticava la posizione espressa dalla Lega Araba nel 2002 - condivisa, tra gli altri, da Iraq, Siria e Libano: una "normalizzazione" non può nemmeno iniziare a essere discussa senza uno Stato palestinese indipendente – con le frontiere del 1967 e Gerusalemme Est come capitale.
 
Ora tutti sanno che questo sogno è morto, se non completamente sepolto. Quel che resta è il solito, tetro, tran tran: l'assassinio statunitense di Soleimani, l'assassinio israeliano del famoso scienziato iraniano Mohsen Fakhrizadeh, la guerra israeliana implacabile e di intensità relativamente bassa contro l'Iran, l'occupazione illegale di parti del nord-est della Siria da parte di Washington, per prendersi un po 'di petrolio, i continui tentativi di regime change a Damasco, la demonizzazione continua di Hezbollah.
 
Oltre il fuoco infernale
 
Teheran ha chiarito molto chiaramente che il ritorno ad un livello almeno di rispetto reciproco tra Stati Uniti e Iran implica che Washington aderisca nuovamente al JCPOA, senza precondizioni, e la fine delle sanzioni illegali e unilaterali dell'amministrazione Trump. Questi parametri non sono negoziabili.
 
Nasrallah, da parte sua, in un discorso a Beirut domenica, ha sottolineato che “uno dei principali risultati dell'assassinio del generale Soleimani e di al-Muhandis sono gli appelli all'espulsione delle forze Usa dalla regione. Non se ne registravano prima dell'assassinio. Il martirio dei leader della resistenza ha posto le condizioni per l’espulsione delle truppe statunitensi dall'Iraq ".
 
Questo può essere un pio desiderio, perché il complesso militare-industriale-sicurezza non abbandonerà mai volontariamente un fulcro chiave dell'Impero delle basi.
 
Più importante è il fatto che il contesto post-Soleimani trascende Soleimani.
 
L'Asse della Resistenza - Teheran-Baghdad-Damasco-Hezbollah - invece di crollare, continuerà a rafforzarsi.
 
All’interno, e ancora sotto sanzioni di “massima pressione”, Iran e Russia coopereranno per produrre vaccini Covid-19, e l'Istituto Pasteur dell'Iran co-produrrà un vaccino con una società cubana.
 
L'Iran si conferma sempre di più come un nodo chiave delle Nuove Vie della Seta nel sud-ovest asiatico: la partnership strategica Iran-Cina è costantemente rivitalizzata da Zarif e Wang Yi, ivi compreso l’impegno di Pechino nel South Pars - il più grande giacimento di gas del pianeta.
 
Iran, Russia e Cina saranno coinvolti nella ricostruzione della Siria – compreso un ramo della Nuova Via della Seta: la ferrovia Iran-Iraq-Siria-Mediterraneo orientale.
 
Tutto ciò è un processo interconnesso e continuo che nessun Hellfires è in grado di bruciare.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021