Jeune Afrique, 22 novembre 2017 (trad.ossin)
 
Povertà in Tunisia: sciopero generale a Sejnane, dove una madre si è data fuoco
Jeune Afrique e AFP
 
Una madre di cinque figli si è data fuoco per protestare contro la revoca di un sussidio sociale, la settimana scorsa a Sejnane, nel nord della Tunisia. Un atto di disperazione che ha spinto gli abitanti della città a scendere in piazza mercoledì
 
Una manifestazione in Tunisia contro la povertà
 
Uno sciopero generale contro la povertà ha avuto luogo mercoledì 22 novembre a Sejnane, nel nord della Tunisia, dove una donna si era data fuoco perché le era stato revocato un sussidio sociale. Scuole, negozi e uffici pubblici sono rimasti chiusi tutto il giorno, a eccezione delle farmacie, dei reparti di urgenza negli ospedali e dei negozi di pane, hanno riferito alla  AFP un responsabile sindacale e un militante associativo.
 
Nei video pubblicati nelle reti sociali, si vede una grande folla sfilare. « Lavoro, libertà, dignità nazionale », « Siamo tutti Radhia Mechergui », scandivano i manifestanti.
 
 
 
La piazza si va scaldando
 
Radhia Mechergui è una madre di cinque figli che abita a Sejnane, il cui marito è malato e che riceveva un sussidio sociale di 50 dinari (51 euro). Siccome l'aiuto le era stato revocato, la donna ha fatto vari reclami che sono rimasti senza risposta. Così si è data fuoco la settimana scorsa nel cortile della sottoprefettura, ed è stata subito dopo soccorsa e ricoverata in ospedale.
 
Il sottoprefetto di Sejnane ha riconosciuto « che non v'era alcuna ragione di revocare il sussidio ». « Ha ricevuto questo aiuto fino al 2016, quando l'assistenza sociale regionale ha deciso di revocarlo (…). Non c'era davvero alcuna ragione di negare a questa donna, che si trova in difficili condizioni sociali, questo sussidio » , a dichiarato ad AFP il sottoprefetto, Ali Hamdouni. « L’assistenza sociale dovrà rispondere della sua iniziativa ».
 
Una povertà in crescita
 
Secondo Amor Barhoumi, il segretario generale del sindacato UGTT di Sejnane, « l’atto di disperazione e di rabbia di Radhia Mechergui è stato la scintilla che ha scatenato la collera degli abitanti di Sejnane ». Perché « la piazza si sta scaldando ». 
 
In un rapporto, il FTDES, una ONG tunisina, ha ritenuto che un vero cambiamento in termini di diritti economici e sociali si fa ancora attendere in Tunisia, a sette anni dalla rivoluzione che ha rovesciato la dittatura.
 
In assenza di conquiste democratiche, inoltre, « la disoccupazione, la miseria e le diseguaglianze sociali e regionali si sono aggravate », ha ammonito il FTDES, sottolineando il rischio di instabilità che tutto ciò comporta.
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2017
credits: salernodev