ProfileAnalisi, 11 aprile 2020 - Era già abbastanza evidente da molti anni che l'Impero anglo-sionista non è in grado di sopravvivere, che prima o poi si rivelerà un fiasco (nella foto: centinaia di poveri, morti di Coronavirus, seppelliti in fosse comuni a New York)   

 

saker.is, 7 aprile 2020 (trad.ossin)
 
La crisi del coronavirus precipita il crollo dell’egemonia USA 
the saker
 
" E i non credenti hanno complottato e pianificato, e anche Dio ha pianificato, e il migliore dei pianificatori è Dio "
Corano, Sura Al-Imran (La famiglia di Imran) - 3:54
 
A New York i poveri che muoiono di Coronavirus vengono seppelliti in fosse comuni a Hart Island, nel Bronx
 
Era già abbastanza evidente da molti anni che l'Impero anglo-sionista non è in grado di sopravvivere, che prima o poi si rivelerà un fiasco. Due scenari principali venivano presi in considerazione come causa del crollo: una crisi esterna (in linea di massima, una grande sconfitta militare) o una interna (collasso economico). Personalmente, ho sempre preferito il primo scenario (come descritto qui). Avevo anche un luogo "preferito" per una disastrosa sconfitta militare (degli Stati Uniti): l'Iran e il Medio Oriente. Indipendentemente comunque dallo scenario preferito, appariva da tempo assolutamente evidente che:
 
1. L'Impero non è in grado di sopravvivere
2. L’Impero non è riformabile
 
Lo stesso vale per il sistema politico statunitense, sia detto en passant.
 
C'era però un grosso problema. La qualità e la vastità della macchina di propaganda anglo-sionista hanno avuto molto successo nel nascondere questa realtà alla maggior parte delle persone in Occidente. Più velocemente l'Impero stava collassando, più Obama o Trump disseminavano le loro cerimonie patriottiche con sventolio di bandiere (alias "conferenze stampa") di riferimenti a una "nazione indispensabile" che assicura una "leadership vitale", grazie alla "migliore economia della storia", ai "migliori militari della storia" e persino ad "amministratori delegati incredibili", "politici incredibili" e addirittura a "conversazioni incredibili". Il messaggio era semplice: siamo i migliori, migliori di tutti e siamo invincibili.
 
Poi è arrivato COVID19.
 
Negli Stati Uniti, la reazione iniziale alla pandemia è stata di rimozione totale, o di darne la colpa ai cinesi. Un'altra teoria eccezionalmente stupida era che il virus colpiva solo gli asiatici. Questa è tramontata abbastanza rapidamente. Altri miti, e persino menzogne, si sono dimostrati molto più resistenti, almeno per un po'.
 
Poi è stata colpita l’Italia. Presto seguita da Spagna e Francia.
 
Alcune persone hanno iniziato a cambiare atteggiamento. Altri pensavano ancora che nell'UE il contagio non fosse "inverosimile" come negli Stati Uniti.
 
Poi è successo "New York" e si è scatenato l'inferno per la "nazione indispensabile" e il "parassita imperiale" che questa nazione ospitava. Perfino l'idiota in capo è passato dal "sarà finita entro Pasqua", al parlare del salvataggio di "milioni" di (statunitensi) "americani" (gli Stati Uniti non si preoccupano degli americani non statunitensi).
 
Prevedo che questo processo ora accelererà.
 
Ecco per quali motivi:
 
Innanzitutto, la macchina della propaganda imperiale semplicemente non è in grado di nascondere l'entità del disastro, anche in paesi come gli Stati Uniti o il Regno Unito. Oh certo, inizialmente dei medici, e perfino comandanti delle navi USN, sono stati sbrigativamente rimossi per aver detto la verità, ma anche questi casi si sono dimostrati impossibili da nascondere, e l'opinione pubblica è diventata ancora più sospettosa verso le rassicurazioni e le dichiarazioni ufficiali. La verità è che la maggior parte del pianeta ha già capito che si tratta di una crisi enorme e che paesi come la Russia o la Cina hanno risposto quasi infinitamente meglio degli Stati Uniti. Il pianeta sa anche che il sistema sanitario degli Stati Uniti è inadeguato, corrotto e per lo più disfunzionale, e che l'ottimismo iniziale di Trump non si basava su nulla. A proposito, i nemici di Trump hanno immediatamente strumentalizzato la crisi per colpire Trump. La cosa triste è che, sebbene non siano migliori (e sicuramente non lo è quel deficiente di zio Joe - Bilden), hanno ragione sul fatto che Trump sia completamente sconnesso dalla realtà. Nell'era di Internet questa è una realtà che nemmeno la macchina propagandistica statunitense è in grado di nascondere per sempre al pubblico statunitense.
 
In secondo luogo, e questo è adesso abbastanza evidente, sta diventando chiaro che l'ideologia capitalista del libero mercato, del globalismo, del consumismo, dell'individualismo estremo e, soprattutto, dell'avidità, non è assolutamente in grado di far fronte alla crisi. E per maggiore scorno di coloro che ancora credevano in un'ideologia basata sull’idea che la somma delle nostre avidità possa creare una società ottimale, i paesi con più forti tradizioni collettivistiche di solidarietà ("rafforzate" o meno da idee marxiste o socialiste) hanno fatto molto meglio. La Cina, tanto per cominciare, ma anche Cuba e persino la Russia (che non è né marxista né socialista, ma che ha tradizioni collettiviste molto forti) o la Corea del Sud o Singapore (entrambe non marxiste ma con forti tradizioni collettiviste). Persino il piccolo Venezuela, combattuto e assediato dall'Impero, ha fatto molto meglio degli Stati Uniti o del Regno Unito. Questi paesi non solo sono andati molto meglio di quelli molto più ricchi e, presumibilmente, molto più "liberi", ma lo hanno fatto nonostante le sanzioni statunitensi. E, infine, solo per aggiungere la beffa al danno, questi paesi ritenuti "cattivi" si sono dimostrati molto più generosi di quelli incorporati nell'Impero: hanno inviato molte tonnellate di attrezzature di vitale importanza e centinaia di scienziati specializzati e persino personale militare per aiutare i paesi che avevano più bisogno (Italia, Spagna, Serbia, ecc.).
 
Alla fine, anche gli Stati Uniti devono accettare gli aiuti dalla Russia: i contenuti di due enormi trasportatori militari AN-124:
 
L'esercito russo offre aiuti alla "nazione indispensabile"
 
Pensate che paradosso! Il paese la cui economia doveva essere "a brandelli" (Obama) fornisce aiuti umanitari alla "nazione indispensabile" (di nuovo Obama). Non solo questo aiuto è stato consegnato da un paese sottoposto alle sanzioni statunitensi, ma le attrezzature fornite sono state prodotte da una società russa, specificamente sottoposta a sanzioni statunitensi. I "riconoscenti" media statunitensi hanno subito sminuito dicendo che si trattava di un'azione di pubbliche relazioni russa, soprattutto perché il 50% del carico era pagato dagli Stati Uniti (il resto però, compresi i costi di trasporto, era pagato dalla Russia).
 
Almeno in Italia hanno cominciato a chiedersi perché gli Stati Uniti, la NATO o l'UE non facessero assolutamente * nulla * per aiutarli quando avevano un disperato bisogno di aiuto, e perché i paesi che generosamente aiutavano (Russia, Cina, Cuba) erano tutti sotto sanzioni, anche italiane! Davvero buone domande. Ha risposto il presidente serbo Vucic che ha dichiarato che la solidarietà europea era una " fiaba ". Ha ragione, ovviamente.
 
Terzo, poi tutti abbiamo visto l’orribile spettacolo di varie "democrazie" occidentali che letteralmente si rubavano l'un l'altro i dispositivi medici fondamentali, ancora e ancora. In effetti, secondo una logica puramente capitalistica, questo tipo di "concorrenza" è sia inevitabile (vero) che persino desiderabile (falso): le principali società Med & Pharma hanno tutte usato questa manna finanziaria per massimizzare i loro profitti (che, dopo tutto, è quello che tutte le imprese devono fare in un sistema capitalista: guadagnare più denaro possibile per i loro azionisti). Anche gli Stati e i paesi sono ora in competizione l'uno contro l'altro per le attrezzature mediche! Finché tutto andava bene e l'Occidente era libero di saccheggiare il resto del pianeta, il capitalismo poteva essere visto come la promessa di un futuro migliore (proprio come lo era il comunismo). Ma adesso che il “grande castello di carte propagandista” sta crollando e che il capitalismo mostra il suo vero volto (un’ideologia creata dai ricchi per fottere i poveri) il paragone con le società collettiviste (considerate arretrate) è molto imbarazzante, ma tuttavia inevitabile.
 
In quarto luogo, abbiamo anche assistito alla cruda cattiveria della macchina della propaganda imperiale, in articoli su come "la Russia ha inviato equipaggiamenti inutili in Italia", su come "l'equipaggiamento cinese non ha funzionato" o su come tutti i paesi che hanno risposto meglio e prima mentivano sui numeri reali (che è una totale assurdità, i cinesi sono stati molto trasparenti, così come i russi: la verità è che nelle prime fasi di una pandemia è impossibile ottenere numeri reali, che possono essere calcolati molto più tardi). Sono falsità come gli "incubatori iracheni", i "serbi genocidi" o il "Viagra di Gheddafi" e il tempo lo dimostrerà.
 
Quinto, poi c'è il problema della povertà. Vediamo i primi segni che questa pandemia (come tutte le pandemie) sta colpendo i poveri molto più duramente dei ricchi. Non è propriamente una sorpresa ... Ad esempio, negli Stati Uniti città come New York, Chicago, Detroit, Miami o New Orleans hanno molti quartieri poveri ed è qui che le persone vengono colpite molto duramente. Ma questo è solo l'inizio, ci sono baraccopoli molto più grandi in altri paesi, in America Latina e, forse anche peggio, in Africa. A meno di un miracolo, il bilancio delle vittime nei bassifondi del terzo mondo sarà assolutamente orrendo. E si può essere abbastanza certi che i paesi poveri collettivisti faranno molto meglio di quelli che sono alle prese con le illusioni dell'economia di libero mercato. Ancora una volta, ci saranno importanti conseguenze politiche in tutti quei paesi: prevedo che assisteremo a cambiamenti di regime in un futuro non lontano.
 
In sesto luogo, proprio come l'Impero stesso, anche la NATO e l'UE sono in caduta libera, incapaci di decidere cosa fare e terrorizzati all’idea di fare qualsiasi cosa di proattivo. Oltre all'idiota in capo che sventola bandiere, mi sono anche preso il tempo di ascoltare sia Macron che Merkel. Sono entrambi fuori di testa, Macron parla più e più volte di una "guerra" mentre Merkel ha dichiarato che la pandemia è la sfida più grave che la Germania deve affrontare dalla Seconda Guerra Mondiale! Tuttavia, il contrasto più sorprendente con gli Stati Uniti potrebbe essere la Russia. Putin ha fatto diversi appelli speciali al popolo russo e il suo umore era cupo ma determinato. Ho preso questa schermata dell'ultimo messaggio di Putin al popolo russo e vale la pena di guardare la sua espressione:
 
 
Per quanto riguarda il direttore sanitario incaricato della crisi COVID19 a Mosca, ha detto a Putin che la Russia deve prepararsi per quello che ha chiamato "lo scenario italiano, per evitarlo", anche se al momento ( 30 marzo ) c'erano solo 1 '836 casi confermati COVID19 in Russia, tra cui 9 decessi e 66 recuperi. Confrontiamo i tre paesi:
 
Nazione Casi COVID Morti  Guariti
Stati Uniti d'America 161.807 2.978 5.644
Italia 101.739 11.591 14.620
Russia 1.836 9 66
 
Tutti i numeri sopra provengono da qui: https://coronavirus.jhu.edu/map.html ( al 30 marzo !! )
 
Inoltre, le squadre mediche speciali di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe sono ora in piena allerta e, anche se non mancano attrezzature mediche specializzate ABC / NBC, le forze armate stanno costruendo 16 ospedali speciali in varie località della Russia. La Russia sta anche quasi completamente chiudendo il traffico aereo e ferroviario interno. Molto era prevedibile, dal momento che Mosca è molto più ricca di qualsiasi altra regione russa, Mosca sta andando bene, nonostante ospiti un'enorme popolazione (circa 12 milioni in città, più altri 7 milioni circa nell'Oblast di Mosca '). Ecco i numeri ufficiali russi per l'area di Mosca: (sempre al 30 marzo !!)
 
Località Contagiati Morti Guariti % Morte
Città di Mosca 1.226 11 28 0,9%
Moscow Oblast 119 1 14 0,85%
 
La fonte di questi numeri è: https://coronavirus-monitor.ru/
 
Non sembra molto strano che un paese come la Russia, che chiaramente sta andando molto meglio degli Stati Uniti (anche negli indicatori pro capite) si stia preparando al peggio? Cosa sanno i Russi che i leader statunitensi non dicono?
 
Certo, la macchina propagandistica anti-russa lo spiega a suo modo. Ad esempio, afferma che i Russi mentono su tutto. Ci sono perfino agenti occidentali travestiti da medici russi che affermano che ci sono migliaia di morti nascoste, che la Russia non ha attrezzature e che i russi sono all'oscuro. Un analista precedentemente sobrio ora sostiene persino che " Putin sta perdendo il controllo ".
 
Ad essere sincero, nella mia vita non ho mai visto un tale tsunami di assurdità, false informazioni, voci infondate e, ultimo ma certamente non meno importante, spregevoli esche digitali. Per alcuni, questa crisi è chiaramente un'occasione per riguadagnare visibilità. È davvero vergognoso, una vergogna totale: solo un nuovo modo di approfittare di una crisi.
 
Non sono un esperto medico di sicuro. Ma conosco il governo russo e il suo "linguaggio del corpo", e posso assicurare che i Russi si stanno preparando molto, molto seriamente, per quella che potrebbe diventare un'enorme crisi anche per la Russia (l'Ucraina e la Bielorussia entrambe attestate su posizioni di negazione della gravità della crisi, certamente non aiuteranno!).
 
Sette, negli Stati Uniti, il conflitto tra il governo federale e le autorità statali è abbastanza sorprendente. Nella misura in cui il governo federale è, in fin dei conti, inefficiente, i governatori degli Stati hanno dovuto spesso ricorrere a procedure inconsuete per ottenere forniture e specialisti. Ad esempio, il governatore della Florida, Ron De Santis, ha dovuto rivolgersi ad un suo amico in Israele per ottenere che la gigantesca società farmaceutica israeliana Teva Pharmaceuticals inviasse in Florida attrezzature mediche disperatamente necessarie. Cose simili stanno accadendo in altri Stati, credo. Questo è uno dei motivi per cui gli Statunitensi sono in genere molto diffidenti nei confronti del governo federale ma molto più favorevoli verso le autorità locali (sempre in linea generale, ma ci sono eccezioni). Ci sono molte ragioni per questo conflitto tra le autorità federali e statali, incluso il fatto che i governatori sono molto più "vicini" ai loro elettori a livello locale rispetto al governo federale.
 
Sebbene non sia così drammatico come il contrasto tra società basate sulla pura avidità e società basate sulla solidarietà, anche questo conflitto tra il livello locale e quello nazionale contribuirà al collasso del sistema imperiale, ma in modo più indiretto.
 
Conclusione: NWO, globalismo e "leadership" degli Stati Uniti 
 
La prima vittima (non umana) di questa pandemia sarà il cosiddetto "Nuovo Ordine Mondiale" (NWO, “New World Order”) promesso da numerosi presidenti degli Stati Uniti. Lo stesso vale per la sua ideologia globalista sottostante. Se l’ipotetico "governo mondiale degli Illuminati" immaginato da alcuni ha davvero scatenato questa pandemia, allora si è sparato nel piede e adesso si sta dissanguando.
 
Gli Stati Uniti stanno ora dimostrando al mondo che la cosiddetta "leadership statunitense" non è altro che una grossolana menzogna per nascondere ciò che definirei la regola imposta da un unico egemone mondiale narcisista, che sta rovinando anche i suoi "alleati più vicini" (più propriamente, colonie) per ottenere qualche vantaggio.
 
Al momento attuale tutto quel che vediamo sono solo segnali di avvertimento, come i paesi dell'UE che chiudono i loro confini. Ma, indipendentemente da come progredisce questa pandemia, quello che succederà dopo è un'enorme crisi economica che farà impallidire la Grande Depressione, il crollo dopo l'11 settembre e il 2008.
 
Certo, prima o poi il mondo si riprenderà da questa pandemia e dal collasso economico. Ma il tipo di mondo che vedremo allora sarà drammaticamente diverso da quello in cui abbiamo vissuto fino ad ora.
 
Per il momento, ci sono ancora manifestazioni osservabili della "leadership USA": gli Stati Uniti tentano di derubare le medicine e le attrezzature mediche agli altri paesi, gli Stati Uniti impongono sanzioni a paesi come l'Iran e il Venezuela che hanno disperatamente bisogno di medicine e gli Stati Uniti giocano di nuovo lo scenario di Noriega contro Maduro. Questa politica estera di "leadership USA" può essere riassunta con espressioni come “male, immorale, ipocrita, disfunzionale, narcisista”. ecc. Qualunque etichetta si scelga, è comunque una politica moralmente ripugnante e praticamente autolesionistica.
 
In questo momento, dopo aver incolpato la Cina, Trump ora punta il dito verso l'OMS. Davvero un'anima nobile e un brillante giocatore di scacchi ...
 
Non c'è più niente da nascondere. Il SARS-COV-2 ha ottenuto ciò che nemmeno Russia Today o PressTV sono mai riusciti ad ottenere: ha messo in luce la vera natura dell'Impero anglo-sionista.
 
Come dice il Corano, Dio è il pianificatore migliore.
 
AGGIORNAMENTO: ho sbagliato, lo ammetto. Il governo statunitense non pensa solo a se stesso. Può essere molto generoso, ma solo in un caso particolare. Sembra infatti che gli Stati Uniti abbiano inviato UN MILIONE DI maschere a ... ... Israele, ovviamente! Guardate voi stessi:
Questo ha un senso, dopo tutto - Israele è molto, molto più importante per Trump e la sua banda dei primi soccorritori, dei medici o delle persone sofferenti degli Stati Uniti.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020