ProfileIntervento, 13 aprile 2020 - Poiché non ne conosciamo la provenienza, dovremmo considerare l'attuale epidemia come un atto potenzialmente criminale piuttosto che un evento medico. Dobbiamo cominciare a cercare gli autori di questo possibile crimine di proporzioni genocide globali...  

 

gilad atzmon, 11 aprile 2020 (trad.ossin)
 
Una pandemia virale o la scena di un crimine?
Gilad Atzmon
 
Recentemente abbiamo sentito medici di prima linea dire che l'attuale crisi sanitaria mondiale è qualcosa alla quale non sono stati formati, e che non riescono a comprendere appieno il tipo di sintomi che incontrano negli ospedali e nei centri di emergenza. All'inizio di questa settimana, il dottor Cameron Kyle-Sidell, un medico di emergenza che esercita al Maimonides Medical Center (Brooklyn), ha pubblicato due video di approfondimento diretti agli operatori sanitari, che sostengono che COVID-19 non provoca alcuna forma di polmonite. Il virus provoca invece una condizione di privazione dell'ossigeno e i ventilatori, che attualmente vengono ordinariamente utilizzati, possono causare più danni che benefici ad alcuni pazienti.
 
 
Ciò che il Dr. Kyle-Sidell suggerisce è un cambio di paradigma nella percezione della epidemia. Kyle-Sidell non è il solo, i pochi medici che si permettono di discutere in modo critico la situazione ammettono che la scienza medica è perplessa di fronte a questo virus.
 
Si potrebbe presumere che, se il virus al centro dell'attuale epidemia fosse un regalo sgradevole donatoci da "madre natura", saremmo in grado di seguirne l'evoluzione. Probabilmente avremmo notato la comparsa graduale di certi nuovi sintomi che hanno invece colto alla sprovvista il nostro establishment medico. Ad avviso di molti medici, la nuova malattia rientra in una categoria a sé stante. È una novità.
 
Ciò significa che è possibile che il virus Corona non sia stato creato dalla natura ma da creature che credono di essere superiori alla natura.
 
Alla luce di quanto sopra, propongo anche io un cambio di paradigma, che è probabilmente più radicale di quello che il Dr. Kyle-Sidell avrebbe potuto pensare.
 
Poiché non ne conosciamo la provenienza, dovremmo considerare l'attuale epidemia come un atto potenzialmente criminale piuttosto che un evento medico. Dobbiamo cominciare a cercare gli autori di questo possibile crimine di proporzioni genocide globali.
 
 
Mentre la diagnosi medica è definita da:
 
1. determinazione della natura della causa di una malattia.
2. descrizione tecnica concisa della causa, della natura e / o delle manifestazioni dei sintomi.
 
Le indagini penali si occupano principalmente dell'elemento umano. L'investigatore criminale cerca di accertare i metodi, i motivi e l’identità dei criminali, l'identità delle vittime e può anche cercare e interrogare i testimoni del crimine.
 
Considerare il virus Corona come un crimine imporrebbe di cercare eventuali delinquenti: individui, istituzioni o Stati che potrebbero aver creato il virus letale come parte di un programma di ricerca o, più direttamente, come agente di guerra biologica.
 
Gli orgnismi incaricati di applicare la legge spesso impegnano dozzine di investigatori, ufficiali, detective e agenti per risolvere un singolo caso di omicidio. Ci si aspetterebbe che, dopo la morte di decine di migliaia di persone in tutto il mondo, tutte le forze di polizia, i governi e le agenzie di intelligence siano pronte a lavorare insieme per identificare i possibili colpevoli. Potrebbe essersi trattato di una manifestazione di negligenza, o di un atto criminale.
 
Mentre gli scienziati e gli esperti medici hanno difficoltà a spiegare esattamente come opera Covid-19 o come è comparso, alcune voci critiche all'interno della comunità scientifica e dei media dissidenti hanno proposto spiegazioni alternative che sembrano più esplicative di qualsiasi cosa il pensiero medico convenzionale abbia offerto.
 
Alcuni sostengono che al centro della nuova epidemia vi siano le radiazioni del G5. Non ho alcuna intenzione né sono in grado di commentare tale tesi, tuttavia, considerando l'entità delle morti che vi sono state, potrebbe essere necessaria un’indagine criminle che valuti approfonditmente tale possibilità: identificare il pericolo, identificare il possibile motivo e individuare finanziatori e beneficiari.
 
Numerosi scienziati hanno rivelato che taluni laboratori e centri di ricerca hanno effettuato studi sui coronavirus e sperimentato modelli che assomigliano all'attuale virus. In particolare, alcuni hanno indicato un laboratorio della Carolina del Nord che effettuò nel 2015 esperimenti con i virus estratti dai pipistrelli.
 
Nel 2015 USA Today ha pubblicato reportage approfonditi sui problemi di sicurezza che si riscontrano nei laboratori di ricerca biologica negli Stati Uniti e altrove. “Alcune fiale di batteri bioterroristi sono scomparse. I topi di laboratorio infettati da virus mortali sono fuggiti e si sono trovati roditori selvatici che costruiscono nidi con rifiuti di ricerca. I bovini infetti utilizzati in esperimenti sui vaccini di un'università sono stati ripetutamente inviati al macello e la loro carne venduta per il consumo umano. L'attrezzatura destinata a proteggere i lavoratori del laboratorio da virus letali come l'Ebola e l'influenza aviaria si è ripetutamente dimostrata inefficace”. Il magazine statunitense ha rivelato che "negli ultimi anni si sono verificati centinaia di errori di laboratorio, violazioni dei sistemi di sicurezza, e incidenti evitati per un pelo nei laboratori biologici da costa a costa, mettendo a rischio gli scienziati, i loro colleghi e talvolta anche il pubblico". Naturalmente, i problemi di sicurezza nei laboratori biologici non sono solo un problema statunitense. “Una piccola epidemia mortale di sindrome respiratoria acuta in Cina, nel 2004, è stata rintracciata in un laboratorio presso l'Istituto Nazionale di Virologia di Pechino. Nel 2007, un focolaio di afta epizootica tra i bovini in Inghilterra, che rese necessaria la macellazione delle mandrie, è stato attribuito alle perdite delle condotte di drenaggio di un vicino complesso di ricerca ".
 
Nel 2014 il National Institute of Health degli Stati Uniti ha revocato il finanziamento per esperimenti di gain-of-function (GOF) che utilizzano virus dell'influenza, della SARS e i virus MERS. Il gain-of-function comporta l'attivazione di mutazioni per modificare il prodotto genico e migliorarne l'effetto o per far sì che le sue normali azioni siano sostituite da una funzione diversa e anormale. Sembra che la moratoria del National Institute of Health si sia conclusa il 19 dicembre 2017, quando gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero ripreso a finanziare gli esperimenti gain-of-function riguardanti questi virus. Ciò significa che dal 2017 alcuni laboratori statunitensi hanno sperimentato i virus Corona; creando mutanti con il sostegno finanziario del governo.
 
Considerare l'epidemia del virus Corona come un crimine dovrebbe comportare una visita dell'FBI all'ufficio del National Institute of Health e un'attenta revisione di tutti i file relativi ai laboratori statunitensi che conducono esperimenti GOF con Coronavirus. Analoghe investigazioni dovrebbero essere svolte in ogni regione e paese del mondo che abbiano svolto esperimenti con il GOF.
 
Non appena è scoppiato il disastro del Coronavirus, Dany Shoham, un ex ufficiale dell'intelligence militare israeliana, ha subito puntato il dito contro il programma di guerra biologica della Cina come possibile creatore del virus.
 
Ormai, ad eccezione del presidente Trump e di Pompeo, non molti sono convinti che Covid-19 sia un virus cinese (come lo chiama Trump quando vuole irritare i progressisti). Un'indagine criminale dovrebbe controllare i laboratori cinesi e russi, britannici, francesi, tedeschi, ecc. E i loro registri di sicurezza. Dovrebbe anche verificare se Dany Shoham avesse delle prove riguardo alla Cina o se stesse tentando di distogliere l'attenzione da un altro possibile sospetto in questa vicenda.
 
Anche Israele, con i suoi vasti laboratori di guerra biologica e le strutture per le armi di distruzione di massa, dovrebbe essere sottoposto a scrupolose verifiche.
 
Nel suo primo mandato come leader di Israele, Benjamin Netanyahu autorizzò un rischioso tentativo di assassinare la stella nascente palestinese e leader di Hamas, Khaled Meshaal, nella capitale giordana, Amman. Cinque agenti del Mossad, fingendosi turisti canadesi, furono inviati ad Amman. Tesero un'imboscata al signor Meshaal all'angolo di una strada e gli spararono del veleno nell'orecchio sinistro, aspettandosi che morisse entro 48 ore.
 
Ma il loro piano è andato storto. Una delle guardie del corpo di Meshaal ha inseguito i due agenti del Mossad che avevano eseguito l'operazione e, con l'aiuto di un ufficiale dell'esercito di liberazione palestinese di passaggio, sono riusciti a catturarli.
 
Invece di fuggire oltre il confine come avevano pianificato, il resto della squadra del Mossad è rimasto intrappolato nell'ambasciata israeliana ad Amman. Il signor Netanyahu non ha avuto altra scelta se non quella di negoziare con il re Hussein di Giordania e chiedere la restituzione dei suoi assassini. Il re, che stava morendo di cancro, impose condizioni onerose. Israele ha dovuto fornire immediatamente l'antidoto al veleno che stava uccidendo il signor Meshaal. Netanyahu dovette anche accettare di rilasciare nove giordani e sessantuno prigionieri palestinesi tra cui lo sceicco Ahmed Yassin, il leader spirituale di Hamas e, all'epoca, il nemico più odiato di Israele.
 
Ma ecco il pezzo sorprendente di questa saga. Il veleno usato da Israele è un veleno ad azione lenta ma letale che spegne gradualmente il centro respiratorio del cervello, portando alla morte. Il medico che ha rianimato Meshaal ha descritto le sue condizioni parlando di una carenza di ossigeno respiratorio. Ad oggi, non è chiaro quale tipo di agente patogeno sia stato usato dal Mossad contro Meshaal, ma alcuni fatti sono noti. Israele impiegava un agente biologico / chimico con effetti respiratori. Israele possedeva l'antidoto al suo agente letale. Benjamin Netanyahu come Primo Ministro israeliano, ha autorizzato l'assassinio mal riuscito e l'uso di un'arma biologica / chimica.
 
 
Israele non ha aderito alla Convenzione sulle armi biologiche. Si ritiene generalmente che l'Istituto israeliano per la ricerca biologica di Ness Ziona sviluppi vaccini e antidoti per la guerra chimica e biologica. Nel 2012 Haaretz ha scritto, a proposito del laboratorio Ness Ziona, che si tratta di un "istituto di cui si parla raramente, e qundo lo si fa è generalmente a causa di qualche polemica. Secondo fonti israeliane, l'istituto sviluppa prodotti farmaceutici, vaccinazioni, trattamenti e anticorpi per proteggere gli israeliani da armi chimiche (gas) o biologiche”. Haaretz continua: “secondo rapporti stranieri, sviluppa anche armi chimiche e biologiche. Uno di questi rapporti affermava che gli scienziati dell'istituto avevano sviluppato il veleno che avrebbe dovuto eliminare il leader politico di Hamas, Khaled Meshaal, nel maldestro attacco del Mossad contro di lui ad Amman nel 1997. ”
 
Qualsiasi detective che esaminerà il Ness Ziona Lab dovrà capire come mai l'istituto israeliano sia già in fase così avanzata nello sviluppo di un vaccino Covid-19. Secondo la stampa israeliana, un nuovo vaccino contro il virus corona è già in fase di test presso l'istituto.
 
Ness Ziona non è l’unico laboratorio a trovarsi in fase avanzata nella corsa al vaccino contro il Coronavirus. Migal, un'altra società israeliana, ha annunciato alla fine di febbraio che era quasi pronta con un vaccino. Gli investigatori dovrebbero accertare se Migal, come altri laboratori in tutto il mondo, sia un ambiente sicuro e se non sia stato nel laboratorio della Galilea che un piccolo ma vizioso virus è sfuggito ai suoi guardiani.
 
La rivista Foreign Policy Magazine ha rivelato tre settimane fa che l'apparizione precoce del virus Corona in Iran, che ha fatto ammalare leader governativi e militari, ha indotto alcuni funzionari iraniani a ritenere che il Coronavirus facesse parte di una "campagna militare statunitense-sionista" contro la loro repubblica e i suoi leader.
 
Non sono in grado di produrre prove incriminanti contro alcuna persona, istituzione o Stato, non è il mio lavoro né desidero farlo. Sono uno scrittore, non un detective. Tuttavia, sostengo che considerare la crisi del coronavirus come un crimine possa far sentire un po' più sicuri coloro che hanno in programma di sopravvivere alla pandemia in un mondo che molto tempo fa ha perso la sua strada.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020