L'Antidiplomatico, 9 maggio 2016
 
Uno schema per prolungare il ruolo egemone del dollaro nell'economia mondiale
Dal Golden dollar al petrodollaro al narcodollaro
F. William Engdahl
 
 
Il ruolo di valuta di riserva mondiale è qualcosa che nessun egemone finanziario nella storia ha volontariamente ceduto. Ci sono volute due guerre mondiali per la City di Londra e la Banca d'Inghilterra per concedere a malincuore l'egemonia della sterlina al dollaro. Come si dice che Henry Kissinger abbia osservato decenni fa: "Se si controlla il denaro, è possibile controllare il mondo intero". Anche se Kissinger forse non l'ha mai detto pubblicamente, lui e il suo patrono, David Rockefeller, certamente lo credono. Ora, con il debito degli Stati Uniti che ha superato i 19 trilioni di dollari e lo stato dell'economia americana e le sue infrastrutture al livello peggiore dai tempi della Grande Depressione, con la maggior parte degli americani che vive sull'orlo del disastro finanziario, i brillanti ingegneri finanziari di Wall Street e Washington hanno ancora una volta messo a punto uno schema per prolungare il ruolo egemone del dollaro nell'economia mondiale.
 
 
Le recenti rivelazioni dei Panama papers da parte di un gruppo selezionato di media mainstream occidentali tra cui il New York Times, BBC e Süddeutsche Zeitung, erano un tentativo sfacciato di attaccare i leader stranieri come Vladimir Putin e  Xi Jinping di presunta corruzione. In particolare, nei file trapelati dello studio legale di Panama, Mossack Fonseca, finora non compare anche un solo nome significativo di un cittadino degli Stati Uniti che nasconde i soldi in conti offshore a Panama.
 
Mentre gli occhi del mondo si concentravano sulle identità dei presunti detentori di conti off-shore,  non sono state prese in considerazione le conseguenze a lungo termine della grande rivelazione. L'unico paese a beneficiare delle rivelazioni dei Panama Paper è il paese che sta rapidamente diventando la nuova "Panama", o meglio, la nuova Svizzera, vale a dire gli Stati Uniti d'America, responsabile di attacchi contro altri paradisi offshore negli ultimi due decenni.
 
Golden Dollar 
 
Nel corso degli ultimi settantadue anni sin da quando gli Stati Uniti e altri selezionati governi di guerra alleati si sono riuniti a Bretton Woods, nel New Hampshire nel 1944 per decidere la forma dell'ordine monetario del dopoguerra, il dollaro USA ha regnato sovrano nell'economia mondiale. Alla fine della guerra nel 1945, la Federal Reserve americana deteneva la stragrande maggioranza dell'oro mondiale.
 
Come la guerra scoppiò in Europa nel settembre 1939 con lo smembramento della Polonia da parte di Hitler e Stalin, l'oro europeo inondò gli Stati Uniti. Nel 1935 le riserve auree ufficiali degli Stati Uniti erano state valutate a poco più di 9 miliardi di dolalri. Nel 1940, dopo l'inizio della guerra in Europa, toccavano i $ 20 miliardi. Dato che i paesi europei disperati cercavano di finanziare il loro sforzo bellico, il loro oro andava negli Stati Uniti per l'acquisto di beni di prima necessità.  Nell giugno 1944, all'epoca della convocazione della Conferenza monetaria internazionale a Bretton Woods, gli Stati Uniti controllavano pienamente il 70% dell'oro monetario del mondo, un vantaggio impressionante. Quel 70% non includeva il calcolo dell'oro preso alle potenze dell'Asse sconfitte, Germania e Giappone, dove fatti e dati esatti non erano noti
 
Per il seguente quarto di secolo, il dollaro USA sostenuto dall'oro ha regnato sovrano mentre il resto del mondo, in particolare l'Europa occidentale devastata dalla guerra, si affannava a trovare dollari per pagare le merci Usa importate per ricostruire la loro base industriale.
 
Tuttavia, entro la fine del 1960 il mondo dollaro aveva subì un cambiamento significativo. Le economie di Francia e soprattutto della Germania occidentale erano emersw con una nuova base industriale e stavano rapidamente diventando una potenza di esportazione che sfidava i beni industriali obsoleti americani. La base industriale degli Stati Uniti aveva subito l'ultima sostanziale modernizzazione circa tre decenni prima. L'Europa e successivamente il Giappone, stavano ponendo una sfida competitiva per l'industria degli Stati Uniti. Più allarmante per le banche di Wall Street, come di Chase Manhattan di David Rockefeller , Citibank o JPMorgan, era che i guadagni in dollari delle aziende tedesche come Mercedes, VW o BMW o Siemens si accumulavano nelle casse della Bundesbank tedesca o della Banca di Francia.
 
Il presidente francese Charles de Gaulle, su consiglio del suo consulente finanziario conservatore, Jacques Rueff, ha ordinato alla Banca di Francia di recuperare il suo oro. Il conservatore tedesco Bundesbank ha seguito nel chiedere oro degli Stati Uniti per i dollari. Nel 1968 in una delle prime versioni delle rivoluzioni colorate, la CIA e del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti rovesciarono il presidente de Gaulle negli eventi noti come la rivolta studentesca del maggio 1968. Nonostante la sostituzione di de Gaulle con l'ex banchiere di Rothschild, Georges Pompidou, la domanda estera di rimborsi d'oro della Federal Reserve è aumentata mentre il deficit di bilancio di Washington per finanziare la mal concepita guerra del Vietnam esplose.
 
Ad agosto 1971 il presidente Nixon fu consigliato dal suo Assistente Segretario del Tesoro, Paul Volcker, ex dirigente della Chase Manhattan Bank di Rockefeller, di strappare in sostanza del Trattato di Bretton Woods e dichiarare il dollaro americano libero di fluttuare e non più convertibile in oro.
 
Le riserve d'oro della Federal Reserve nel corso degli anni precedenti erano state drenate dalle banche centrali estere timorose di importare l'inflazione del dollaro mentre Washington si rifiutava di svalutare il dollaro per ri-stabilizzare il sistema. Rueff e la Francia stavano chiedendo per una svalutazione del dollaro del 100% rispetto al Franco o al marco tedesco.
 
Nasce l'era del petrodollaro
 
Nel 1973, Wall Street e la Federal Reserve "hanno risolto" il problema di un dollaro in caduta libera,  svalutatosi di circa il 40% rispetto al Franco, al marco e allo Yen dopo l'agosto 1971- orchestrando, con l'abile e ingannevole diplomazia dell'allora Segretario di Stato, Henry Kissinger, l'embargi petrolifero del 1973, dopo loo scoppio della Guerra dello Yom Kippur. All'inixio del 1974, il prezzo del petrolio OPEC era stato fissato a circa il 400% rispetto a quello del 1971. Il valore del dollaro salì  rispetto alle altre valute importanti mentre Germania, Francia e il resto del mondo in cerca di petrolio affamati strapazzate per trovare 400% in più di dollari per importare il loro olio. Kissinger all'epoca scrisse sul "riciclaggio dei petrodollari." Il dollaro doveva essere sostenuto, non dalll'oro, ma dal petrolio.
 
Per essere certi che il sistema di petrodollari tenesse, e che l'OPEC, guidata dall' Arabia Saudita, non sarebbe mai stata tentata di vendere in marchi, franchi o Yen come questi paesi chiedevano, Washington ha adottato misure speciali. L'8 giugno del 1974, il segretario di Stato Henry Kissinger firmò un accordo che istituì una Commissione congiunta USA-Arabia Saudita  sulla cooperazione economica. Il suo mandato ufficiale era la cooperazione nel campo della finanza ".
 
Il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti firmò anche un accordo a Riyad con la Saudi Arabian Monetary Agency, la cui missione era "stabilire un nuovo rapporto con la Federal Reserve Bank di New York". In base a tale disposizione, la SAMA acquisterà nuovi titoli del Tesoro con scadenza di almeno un anno ", ha spiegato l'Assistente Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, Jack F. Bennett, poi direttore di Exxon. Il banchiere David Mulford del Credit Suisse-FirstBoston fu inviato da Washington per sigillare l'affare.
 
Come parte degli accordi segreti tra Washington e Riad negoziate da Bennett, l'Arabia Saudita, in cambio di armamenti e garanzie di sicurezza militare Usa, accettò che l'OPEC avrebbe accettato solo dollari americani per il petrolio, non marchi tedeschi, nonostante il loro evidente valore, non Yen Giapponese né franchi francesi o anche franchi svizzeri, ma solo dollari americani.
 
Questa era l'essenza del sistema dei petrodollari, che negli ultimi dieci anni o più si sta erodendo mentre la Russia, la Cina, l'Iran e anche l'Unione europea sfidano il ruolo del dollaro come valuta di riserva. Russia e Cina, in una mossa difensiva hanno concordato scambi di petrolio ed energia da concludere non in dollari, ma nelle proprie valute. L'Iran ha recentemente annunciato che accetterà solo euro per il suo petrolio.  
 
Un nuovo sistema di Narco-dollaro?
 
Ora, però, sembra che i maghi della finanza di Wall Street e del Tesoro degli Stati Uniti abiano avuto una nuova idea per allungare la vita del dollaro
 
In quello che deve essere definito almeno un tentativo intelligente per risolvere la crisi incombente del dollaro, un nuovo ruolo del dollaro sta emergendo dalle macerie della crisi bancaria off-shore innescata dalla pirateria sospetta di Panama Papers. Gli Stati Uniti stanno rapidamente diventando la "nuova Svizzera" per attirare "denaro caldo", che comprende tutto, dai dollarid el narcotraffico internazionale di droga al nascondere fondi off-shore di politici corrotti.
 
Negli ultimi dieci anni o più il governo degli Stati Uniti e l'Agenzia delle Entrate hanno fatto pressione sui centri bancari offshore, dalla Svizzera alle Isole Cayman alle Isole Vergini Britanniche e oltre, presumibilmente per contrastare l'evasione fiscale dei cittadini statunitensi che nascondono denaro all'estero dall' IRS e il finanziamento del terrorismo.  
 
Ora, secondo un rapporto della rivista finanziaria Bloomberg, il risultato è che gli stessi Stati Uniti, in luoghi come Reno, Nevada o South Dakota o Wyoming, stanno rapidamente diventando la "nuova Svizzera" .
 
 Negli ultimi mesi, sfruttando l'ipocrisia di Washington, alcuni dei maggiori gestori di private banking del mondo, tra cui Rothschild Trust North America LLC. con sede a Reno, Nevada,  Cisa Trust Co. SA con sede a Ginevra , che consiglia ricchi latino-americani, hanno fatto domanda per aprire sedi a Pierre, Dakota del Sud per "servire le esigenze dei nostri clienti stranieri", ha dichiarato John J. Ryan Jr., presidente della Cisa.
 
 E ora che uno dei più grandi facilitatori di denaro off-shore internazionali, Mossack Fonseca di Panama, è costretto a rallentare, tutto è pronto per fare degli Stati Uniti la nuova Svizzera o la nuova Panama. I cartelli della droga del mondo sono già chiaramente informati e una buona quota dei circa $ 1.6 miliardi di dollari di fondi criminali all'anno sono alla ricerca di nuovi rifugi sicuri a Reno e in altri paradisi negli Stati Uniti. Dal golden dollar al petrodollaro al narcodollaro.  
 
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2018