Strategic Culture, 14 marzo 2018 (trad.ossin)
 
Fuori Tillerson, dentro Pompeo. A che punto siamo nella politica estera USA?
Alex Gorka
 
È giunto il momento di fare un bilancio di dove siamo nella politica estera degli Stati Uniti. Voci su disaccordi tra il segretario di Stato Tillerson e il presidente Trump giravano fin dallo scorso ottobre, ma nulla faceva presagire il licenziamento del 13 marzo. E’ stato il modo più insolito di licenziare il quarto più importante funzionario nella linea di successione presidenziale, usando Twitter per informare il pubblico della decisione del presidente ! Donald Trump non ha detto niente in proposito  personalmente a Rex Tillerson. Nel difficile incarico a Foggy Bottom (quartiere di Washington dove hanno sede gli uffici del Dipartimento di Stato, ndt), il segretario di Stato scaricato sarà sostituito dal direttore della CIA Mike Pompeo. Gina Haspel diventerà la prima donna a guidare la CIA.
 
Rex Tillerson
 
Coincidenza o meno, il licenziamento è intervenuto subito dopo che l'ex segretario aveva pubblicamente accusato la Russia di essere "una forza irresponsabile di instabilità nel mondo", suggerendo che Mosca fosse colpevole dell'avvelenamento di un'ex-spia nel Regno Unito. La dichiarazione di Tillerson aveva preceduto qualsiasi presa di posizione ufficiale della Casa Bianca. Che poi, attraverso la portavoce Sarah Sanders, non ha puntato il dito contro Mosca come molti si aspettavano. Il signor Tillerson aveva rilasciato le sue dichiarazioni mentre era a bordo dell’aereo che lo riportava negli USA dalla Nigeria. Non era naturalmente in grado di scendere nei dettagli, né di approfondire la questione, ciò non gli aveva impedito di dire che l'avvelenamento era opera del governo russo e che "questa è un'azione piuttosto seria". L'ex segretario non ha respinto il dialogo con Mosca, ma non ha fatto molto per promuoverlo. Tillerson ha prestato poca attenzione al problema del controllo delle armi - la questione scottante deve essere affrontata con urgenza e in modo molto serio.
 
Fin dall'inizio, Tillerson è stato criticato per la sua gestione di Foggy Bottom. Non l'ha gestito come un manager efficiente e non è riuscito a entrare in sintonia con lo staff di carriera. Diversi esperti diplomatici volevano andarsene, perché terribilmente scoraggiati. Molte posizioni chiave non sono ancora state coperte. La sua eredità passa adesso al suo successore.
 
Il signor Tillerson è stato spesso smentito da altre persone che sapevano influenzare le decisioni del presidente. Quando si trattava di questioni cruciali, veniva spesso messo ai margini da Nikki Hailey, ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU. Ad esempio, lo scorso aprile ha fatto davvero sensazione, dicendo che Washington avrebbe potuto accettare che il presidente siriano Assad restasse in carica. L'ambasciatore delle Nazioni Unite ha detto qualcosa di molto diverso e poi l'esercito ha lanciato un attacco missilistico contro le forze governative siriane. Lo scorso giugno, voleva che gli Stati del Golfo Persico facessero pace con il Qatar. Ma subito dopo  il presidente Trump è uscito apertamente a sostegno della dura posizione di Riyadh su Doha.
 
Tillerson e Trump non la vedevano allo stesso modo sulla Corea del Nord. Il presidente voleva un nuovo team di politica estera prima di iniziare i colloqui con Pyongyang. Donald Trump e il suo massimo diplomatico erano in disaccordo sull'Iran. A differenza del presidente, Rex Tillerson era favorevole a mantenere in vigore l'accordo nucleare del 2015 ed era fautore di una soluzione diplomatica.
 
La politica estera statunitense subirà importanti cambiamenti con Mike Pompeo? La sostituzione prefigura cambiamenti drammatici. Ex parlamentare dei Tea Party, l'attuale capo della CIA è in sintonia probabilmente con molti repubblicani con cui lavorava al Congresso. Pompeo passa molto tempo alla Casa Bianca. “Politico” dice che ha perfino allestito un ufficio temporaneo nell'edificio dell'Eisenhower Executive Office dall'altro lato della strada. Rampante falco anti-Russia, anti-Iran e anti-Corea del Nord, Mike Pompeo dovrebbe essere duro su questioni chiave di politica estera. Con lui che tiene le redini nel Dipartimento di Stato, l'accordo sul nucleare iraniano ha poche possibilità di sopravvivere nella sua forma attuale.
 
Il candidato presidenziale è sicuro che la Russia si sia ingerita nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016. Ma questo è l'unico punto riguardo alla Russia a differenziarlo dal presidente. Contestare attivamente Iran e Russia allo stesso tempo potrebbe essere troppo.
 
È molto importante notare che nessun altro, tranne Pompeo, noto come un falco repubblicano battagliero, ha incontrato i tre capi dei servizi segreti russi, tra cui Sergey Naryshkin, il capo del Foreign Intelligence Service (SVR) della Russia, venuto a Washington in un visita a sorpresa a fine gennaio. Nulla di tutto ciò era mai accaduto nella storia delle relazioni bilaterali. Mike Pompeo ha ricevuto la benedizione del presidente per organizzare l'evento ed è stata persona cui Donald Trump ha dato fiducia perché rappresentasse gli Stati Uniti nei lunghi colloqui dietro le quinte. Senza dubbio, Pompeo ha giocato un ruolo chiave nel tentativo di migliorare le relazioni USA-Russia – un obiettivo che più volte il presidente Trump ha auspicato.
 
È interessante anche evidenziare che la decisione di sostituire il segretario di stato coincide con la notizia che i repubblicani del Comitato di intelligence della Camera sarebbero giunti alla conclusione che non ci sono prove a sostegno dell'ipotesi di ingerenza della Russia nell’elezione del presidente Trump alle presidenziali del 2016. L'indagine si è chiusa dopo un anno. Una buona notizia per il presidente Trump, che gli dà maggiori margini per portare avanti la sua politica verso la Russia. Poiché Pompeo dovrebbe passare facilmente la procedura di conferma del Senato, non ci vorrà molto per vederlo in azione.
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2018