Moon of Alabama, 28 gennaio 2019 (trad.ossin)
 
Le sanzioni sono guerre contro i popoli
Moon of Alabama
 
Un ex funzionario delle Nazioni Unite afferma che le numerose sanzioni statunitensi (pdf) contro il Venezuela sono devastanti e illegali:
 
De Zayas, ex segretario del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (HRC) e esperto di diritto internazionale, ha parlato con l'Independent dopo la presentazione del suo rapporto sul Venezuela all'HRC a settembre. Ha detto che, dopo la presentazione, il rapporto è stato ignorato dalle Nazioni Unite e non ha scatenato il dibattito pubblico che crede meriti.
 
"Le sanzioni uccidono ", ha detto a The Independent , aggiungendo che esse ricadono più pesantemente sulle persone più povere della società, provocano in modo dimostrabile la morte per mancanza di cibo e medicinali, portano a violazioni dei diritti umani e mirano a trasformare il paese in una "democrazia amica" ”.
 
All’esito della missione effettuata nel paese verso la fine del 2017, egli ha sottolineato come l'eccessiva dipendenza interna dal petrolio, la cattiva governance e la corruzione abbiano severamente danneggiato l'economia venezuelana, ma ha anche sottolineato che "la guerra economica" praticata da Stati Uniti, Unione Europea e Canada sono fattori significativi che hanno provocato la crisi economica.
 
Scaffali di un supermercato vuoti a causa delle sanzioni
 
I quattro fattori - petrolio, scarsa governance, corruzione e sanzioni - non sono indipendenti tra loro. Il fatto che il Venezuela abbia le maggiori riserve di petrolio al mondo lo rende un obiettivo per l'imperialismo degli Stati Uniti. Non semplicemente per "prendere il loro petrolio" come vuole Trump, ma per ragioni geo-politiche. Come pensa Andrew Korybko:
 
Oltre che per garantirsi un pieno controllo geopolitico sul bacino caraibico e per ragioni di opposizione ideologica al socialismo, gli Stati Uniti vogliono ottenere un'influenza predominante sul Venezuela al fine di incorporarlo in una struttura parallela simile all'OPEC per sfidare l'accordo russo-saudita OPEC + raggiunto alla fine dell’autunno 2016, formando un cartello "Nordamericano-Sudamericano esportatore di petrolio" (NASAPEC). Questa entità funzionerebbe come componente energetica di "Fortress America" e potrebbe esercitare una potente pressione a lungo termine sul mercato petrolifero internazionale a spese della Russia e dell'Arabia Saudita.
 
L'eccessiva dipendenza del Venezuela dall'estrazione di una risorsa ha favorito anche la cattiva governance. Hugo Chavez è diventato presidente del Venezuela nel 1998. Tra allora e il 2014 i prezzi del petrolio sono stati complessivamente in costante aumento. Quando i prezzi sempre crescenti garantiscono entrate importanti, si tende a sottovalutare i problemi di efficienza del governo e di diversificazione delle risorse.
 
Tutte le amministrazioni USA, a partire da George W. Bush, hanno introdotto nuove sanzioni contro il Venezuela. Una delle più dannose è quella delle sanzioni finanziarie, che rendono estremamente difficile l'acquisto delle importazioni necessarie. Ogni Stato che ha subito tali sanzioni, l'Iraq sotto Saddam Hussein, la Corea del Nord, l'Iran, la Siria e il Venezuela deve tentare di eluderle. Il contrabbando, cui di solito i governi si oppongono, diventa improvvisamente una necessità. Gli uomini d'affari o i militari fedeli al governo ricevono monopoli se sono in grado di importare merci sanzionate. Il rischio per queste persone è spesso elevato, ma lo è anche il premio. La posizione di monopolio consente loro di chiedere profitti esorbitanti. Tutti i paesi hanno fenomeni di corruzione politica, ma le sanzioni tendono a moltiplicarli.
 
Un amico del professor Landis descrive questo fenomeno nei confronti della Siria:
 
Joshua Landis @joshua_landis - 22:17 utc - 27 gennaio 2019
Sulle sanzioni della Siria come strumento per punire o indebolire il regime siriano, un amico siriano, la cui famiglia allargata ha a lungo operato lungo le rotte di contrabbando in Siria, ha ammonito che esse rendono solo più potenti e arricchiscono i pezzi grossi del regime.
"Fatto divertente non posso scrivere pubblicamente, le sanzioni hanno potenziato il contrabbando. I contrabbandieri non hanno mai fatto tanti soldi come adesso. Chi sono questi contrabbandieri? Figure di regime, i loro parenti e i loro amici. Le sanzioni permettono loro di accumulare ricchezze in quantità che non hanno mai sognato.
"La loro influenza è cresciuta sempre di più, anche se voglio esportare un paio di scarpe, non posso, devo pagare il 4 ° addetto alla sicurezza della divisione per ottenere una licenza di esportazione o importazione dalla Cina. Pagarli non una, ma due volte, e lo stesso vale per la dogana.
"Affermare che le sanzioni sono inefficaci e colpiscono soprattutto i civili è dire poco: le sanzioni stanno solo arricchendo i pezzi grossi del regime." Guarda la lista delle sanzioni, le persone nella lista erano tutti milionari prima del 2011, ora sono miliardari.
 
Le sanzioni fanno aumentare i prezzi e accrescono l'inflazione. Distruggono la classe media e devastano i poveri :
 
Il risultato, ha detto l'uomo d'affari di Damasco Naji Adeeb, è che i legittimi proprietari di imprese vengono puniti mentre gli stretti collaboratori dello Stato, compresi quelli nominati nelle sanzioni, sono ancora in grado di condurre affari per centinaia di milioni di dollari.
"Hai solo bisogno di molte più risorse per fare molto meno, e se fai una transazione oggi non sai se puoi rifarla tra un mese", ha detto Adeeb. "È un ambiente in cui solo criminali e mafiosi possono lavorare".
 
Gli Stati Uniti accusano il governo del Venezuela di essere corrotto. Si lamenta il fatto che circa 2 milioni di persone sono fuggite dal paese. Ma questi fenomeni sono in gran parte conseguenza della guerra economica degli USA.
 
Le sanzioni possono raggiungere il loro scopo presunto solo quando chi è preso di mira ha modo di cambiare e ottenerne la revoca. Ma le sanzioni contro l'Iraq, l'Iran, la Siria e il Venezuela erano tutte finalizzate a realizzare un regime change. I responsabili di questi paesi dovrebbero uccidere se stessi, o almeno abolire le loro posizioni, per ottenere la revoca delle sanzioni. Non hanno scelta. Le ampie sanzioni contro un paese rendono il popolo più dipendente dal proprio governo. Permettono ai responsabili di accrescere il loro potere.
 
È quindi ovvio che queste sanzioni mirino a distruggere i paesi, non a raggiungere un presunto miglioramento nel rispetto dei "diritti umani", la "democrazia" o persino un "cambio di regime". Sono guerre di aggressione con altri mezzi:
 
Le sanzioni degli Stati Uniti sono illegali secondo il diritto internazionale perché non sono state approvate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il signor de Zayas, un esperto di diritto internazionale e un ex avvocato anziano dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha detto.
"Le sanzioni e i blocchi economici moderni sono paragonabili agli assedi medievali delle città.
" Le sanzioni del ventunesimo secolo cercano di mettere non solo una città, ma i paesi sovrani in ginocchio ", ha affermato de Zayas nel suo rapporto.
 
Solo che assedi e sanzioni sono raramente riusciti a raggiungere i loro scopi dichiarati. Gli assedi medievali di solito finivano quando l'aggressore rinunciava, o muoveva all'assalto e al saccheggio della città. Assedi e sanzioni sono il mezzo per "ammorbidire" l'obiettivo, per rendere più facile un attacco. Per tredici anni le sanzioni più brutali furono inflitte all'Iraq. Ma poi c’è voluta una guerra su larga scala per abbattere Saddam Hussein. E la guerra non è finita nemmeno lì.
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020