Moon of Alabama, 14 febbraio 2019 (trad.ossin)
 
Venezuela – I media scoprono che il colpo di Stato di Trump non funziona
Moon of Alabama
 
Il 25 gennaio, due giorni dopo che l’uomo scelto a caso Guaidó si era dichiarato presidente del Venezuela, era già evidente che il tentativo statunitense di colpo di Stato non era ben congegnato:
 
La mia impressione è che Trump sia stato imbrogliato. Era evidente da molto tempo che non prestava molta attenzione ai dettagli e non pensava alle cose. Molto probabilmente Bolton, Pompeo e Rubio gli hanno presentato un piano in tre fasi:
 
Fase 1. Sostieni il presidente che si è auto proclamato Guaidó; Fase 2: ... (pio desiderio) ...; Fase 3: Prenditi la metà del loro petrolio! (…)
 
Bolton e Pompeo sono entrambi politici esperti e burocrati. Probabilmente sapevano che il loro piano era profondamente imperfetto e avrebbe richiesto molto più di quanto Trump era disposto a concedere. La mia impressione è che avessero previsto l’escalation militare, ma non lo abbiano rivelato. 
 
Il Presidente USA, Donald Trump
 
I golpisti statunitensi e le loro marionette venezuelane avevano sperato che l'esercito venezuelano si sarebbe schierato dalla loro parte. Era un pio desiderio ed era improbabile che accadesse. Hanno anche ideato un programma di "aiuto umanitario" le cui immagini di camion che attraversavano un lungo ponte bloccato avrebbero presto fatto vergognare il presidente venezuelano costringendolo a dimettersi. Anche questo era senza senso.
 
A meno che gli Stati Uniti non siano disposti e capaci di una escalation, il tentativo di colpo di Stato è destinato a fallire.
 
I media "occidentali" ora riconoscono che la fase 2 del piano non funziona. Oggi il Guardian, Bloomberg e il New York Times descrivono la frustrazione crescente a causa dell’insuccesso.
 
The Guardian osserva:
 
Circa tre settimane dopo che Guaidó ha dato una scossa ad un movimento di opposizione fino ad allora senza guida, dichiarandosi presidente ad interim, ci sono segni che la sua campagna rischia di perdere terreno.
La promessa defezione in massa degli alti gradi dell’esercito - che i leader dell'opposizione ammettono essere un prerequisito per le dimissioni di Maduro - non si è materializzata, e la cerchia ristretta di Maduro ha iniziato a pensare che egli abbia resistito alla tempesta politica.
 
Bloomberg scrive:
 
Da quando Juan Guaido si è dichiarato presidente ad interim tre settimane fa e ha offerto l'amnistia agli ufficiali che avessero abbandonano Maduro, più di 30 paesi guidati dagli Stati Uniti hanno salutato la mossa, in attesa che l'esercito venezuelano seguisse il loro esempio. Non c'è stato nulla di tutto questo. 
... 
In un paese con più di 2000 generali e ammiragli, solo un alto ufficiale - che non comanda truppe - ha giurato fedeltà a Guaido. 
... 
Questo è uno dei motivi principali per cui la rivoluzione non si sta muovendo così rapidamente come alcuni avevano sperato quando Guaido diede una scossa al mondo il 23 gennaio con la sua dichiarazione. Ciò ha provocato impazienza e accuse reciproche. I responsabili delle politiche statunitensi e i seguaci di Guaido - così come i leader di Brasile e Colombia - si guardano l'un l'altro e si preoccupano del fallimento. Ciascuno si lamenta in privato, dicendo di aver confidato che l’altro avesse una strategia più efficace.
 
Il NY Times racconta di questa frustrazione:
 
L'obiettivo dell'opposizione era quello di portare gli aiuti all’interno del Venezuela, costringendo il signor Maduro allo scontro. Ciò avrebbe messo in cattiva luce il signor Maduro, secondo i calcoli dei leader dell'opposizione, e avrebbe dimostrato invece la loro capacità di istituire un sistema di aiuti di tipo governativo in una nazione in cui l'economia in rovina ha ridotto molti alla fame e lascia i malati senza accesso alle medicine.
Ma non c'è stato uno scontro drammatico.
 
La consegna di "aiuti" è fallita, secondo Bloomberg, per mancanza di pianificazione e coordinamento:
 
L’inquietudine per quanto accadrà è cresciuta. Durante una riunione nell'ambasciata Usa a Bogotà, in Colombia, la scorsa settimana, i leader militari, dell'intelligence e civili di entrambi i paesi hanno discusso dei modi per trasferire gli aiuti umanitari in Venezuela. C'era un senso di frustrazione nell'aria, secondo un partecipante che ha accettato di parlarne con garanzia di anonimato.
Gli Stati Uniti hanno detto che pagavano gli aiuti, ma volevano che la Colombia trovasse camion e autisti per trasferirli all’interno del Venezuela. I colombiani hanno risposto che nessuno accetterebbe la missione perché i militari venezuelani lo arresterebbe. Gli aiuti restano all’interno dei magazzini vicino al confine.
Nel corso di simili riunioni nella città di Cucuta, in Colombia, una persona che ha partecipato ha detto che la dinamica era la stessa: gli Stati Uniti si aspettavano che la Colombia trovasse i mezzi per consegnare gli aiuti e i colombiani dicevano di non poterlo fare.
 
L'opposizione solo adesso sta cercando qualche folle modo di consegnare gli "aiuti":
 
A Cúcuta, i membri dell'opposizione dicono che stanno prendendo in considerazione le opzioni per forzare fisicamente la frontiera col Venezuela.
Omar Lares, ex sindaco dell'opposizione in esilio a Cúcuta, ha detto che gli organizzatori vogliono che una massa di persone accompagni un camion di aiuti dal lato colombiano fino al ponte. Una folla di migliaia di persone dovrebbe radunarsi dall'altra parte per unirsi a quelli che arrivano in un cordone di sicurezza, accompagnando gli aiuti fino all’interno della frontiera venezuelana.
"Un gruppo laggiù, uno qui, e faremo una grande catena umana", ha detto.
 
E cosa pensa che faranno i soldati venezuelani che si trovano tra i due gruppi? Un passo indietro permettendo l’invasione del loro paese?
 
La scena potrebbe essere utilizzata dalle televisioni commerciali, ma non produrrebbe alcun effetto concreto. La mancanza di pianificazione è scoraggiante anche per i lobbisti di Washington DC:
 
" L'opposizione ha creato immense aspettative, e non è affatto chiaro se abbiano un piano per realizzarle davvero ", ha detto David Smilde, analista venezuelano presso l'Ufficio di Washington sull'America Latina.
 
I golpisti statunitensi e i loro vassalli venezuelani sembrano riconoscere che non ci saranno cambiamenti imminenti:
 
Durante una seduta del Congresso, l'inviato speciale degli Stati Uniti per il Venezuela, Elliott Abrams, ha affermato che "Maduro e la sua banda di ladri" sono finiti. Ha affermato che la pressione internazionale è "una tempesta che infuria all'interno del regime di Maduro che lo porterà alla fine".
Ma sebbene Abrams abbia confermato che Washington è "ottimista e fiduciosa" nella fine di Maduro, ha ammesso che è "impossibile da prevedere" quando potrà accadere. Gli Stati Uniti manterrebbero la pressione "nelle prossime settimane e mesi", ha aggiunto, suggerendo che non si prevede più una rapida soluzione.
I leader dell'opposizione hanno tentato nei giorni scorsi di smorzare le aspettative sulle imminenti dimissioni di Maduro.
Juan Andrés Mejía, leader dell'opposizione e alleato di Guaidó, ha ammesso che l'obiettivo "potrebbe richiedere del tempo".
 
Il modesto spontaneo sostegno nei confronti dell’uomo scelto a caso Guaidó in alcune frange della popolazione sta già scemando. La manifestazione di ieri da lui indetta ha visto meno presenze rispetto a quella del 23 gennaio. Ora dice che forzerà l'attraversamento dei camion di "aiuti" il 23 febbraio, ma non sembra avere un piano reale per raggiungere questo obiettivo:
 
Il presidente dell'Assemblea nazionale Guaido ha anche promesso al paese che gli aiuti umanitari forniti dagli Stati Uniti "entreranno nel paese in ogni caso" il 23 febbraio, emettendo un "ordine" affinché i militari ne consentano l’ingresso. Tuttavia, i capi militari hanno respinto queste richieste, e la Regione Centrale della Difesa ha twittato in risposta che le forze armate non avrebbero preso alcun ordine da un "lacchè dell’Impero".
"Un mese dopo aver giurato che lo avremmo fatto, questo 23 febbraio gli aiuti umanitari entreranno nel paese. Le Forze armate hanno 11 giorni per decidere se sono dalla parte dei venezuelani e della Costituzione o da quella dell'usurpatore ", ha affermato riferendosi al presidente Maduro.
 
Se gli Stati Uniti non faranno più di quanto abbiano finora fatto, il governo del presidente Maduro può farcela. Le sanzioni e la mancanza di entrate petrolifere creeranno molti problemi immediati. Ma tra poche settimane il petrolio venezuelano avrà trovato nuovi acquirenti. Arriverà denaro fresco e si troveranno nuove fonti per le importazioni di medicine e alimenti di base.
 
Nello stesso tempo l’uomo scelto a caso perderà i suoi appoggi. Il partito che dirige nominalmente ha preso solo il 20% dei voti. Gli altri partiti di opposizione non sono mai stati informati del suo progetto di dichiararsi presidente. Il loro appoggio nella vicenda è stato tiepido e ulteriormente si raffredderà. Potranno alla fine dei conti approvare i colloqui di mediazione offerti da Maduro, che anche l'ONU, l'Uruguay e il Messico sostengono. I colloqui potrebbero portare a un nuovo parlamento e / o ad elezioni presidenziali in un anno o due e quindi risolvere la situazione.
 
Gli Stati Uniti non sarebbero soddisfatti di una soluzione di compromesso. Trump si è ora impegnato a realizzare un "cambio di regime" in Venezuela. Ma come può farlo?
 
Cominciare una guerra aperta contro quel paese sarebbe molto complicato, costoso e difficile da giustificare. Per iniziare e sostenere una guerra di guerriglia - la specialità di Elliott Abrams – ci vogliono tempo e un sacco di soldi. Le possibilità di vincerla sono modeste. Inoltre, Trump vuole essere rieletto, ma potrebbe perdere molti voti nell’uno o nell’altro caso.
 
Cos'altro può fare?
 
 
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2019