Mintpressnews, 13 novembre 2020 (trad. ossin)
 
Il tour trionfale di Evo Morales tornato in Bolivia
Oliver Vargas
 
Oliver Vargas ha seguito Evo Morales nel suo trionfale tour di ritorno in Bolivia, dopo l’esilio imposto dal colpo di Stato appoggiato dagli Stati Uniti dello scorso novembre
 
L'ex presidente boliviano Evo Morales partecipa a una manifestazione a Chimore, in Bolivia, l'11 novembre 2020, da dove era partito per l'esilio un anno fa. Juan Karita | AP
 
Il ritorno di Evo Morales in Bolivia lunedì 9 novembre, un giorno dopo il giuramento del nuovo presidente Luis Arce, ha segnato la fine formale del colpo di Stato sostenuto dagli Stati Uniti dello scorso anno. Cosa significa il suo ritorno per la Bolivia e per il mondo? È solo un ex presidente cui i media si rivolgeranno periodicamente per un commento? È roba vecchia per il suo partito? Non è ancora chiaro, ma quel che è certo è che il suo viaggio di ritorno di tre giorni lo incorona come un forte leader dei movimenti sociali in Bolivia e all'estero.
 
I media mainstream, sia nazionali che internazionali, hanno promosso una narrativa secondo cui Morales è in qualche modo in conflitto con il governo entrante di Luis Arce. Un recente articolo del New York Times afferma: "Il ritorno del sig. Morales ora rischia di minare gli sforzi di Arce per riunificare la nazione e superare la crisi ", e Reuters ha dipinto Arce come "all'ombra di Evo".
 
Naturalmente, il governo golpista della Bolivia sapeva che la presenza di Evo Morales avrebbe rafforzato, non indebolito, qualsiasi futuro governo del MAS. Ha capito che egli era, ed è, il leader dei forti movimenti sociali della Bolivia. Sapeva di doverlo tenere fuori dal paese, quindi gli ha scaricato addosso più di 20 accuse penali e un mandato per il suo arresto immediato se avesse mai messo piede sul suolo boliviano. Le accuse erano di terrorismo, sedizione, genocidio e altro.
 
Morales è stato costretto a fuggire in Messico dopo il colpo di Stato, poi si è trasferito in Argentina dove gli è stato anche concesso asilo. L'assurdità delle accuse è emersa in modo lampante quando il regime golpista, con estrema arroganza, le ha portate all'Interpol nel tentativo di costringere il paese di adozione di Morales a consegnarlo. Naturalmente l'Interpol ha respinto i due tentativi di mettere un "allarme rosso" su Morales, poiché considerava le accuse contro di lui politiche e senza base legale.
 
Respinta dagli organismi internazionali, la persecuzione legale contro Morales è crollata anche in patria. Subito dopo che i risultati delle elezioni del 18 ottobre hanno consegnato la vittoria al MAS, la capacità del regime di esercitare pressioni sui tribunali della Bolivia è immediatamente svanita, e il mandato di arresto è stato revocato pochi giorni dopo le elezioni.
 
La scena era quindi pronta per il suo ritorno in Bolivia. Il 9 novembre è stato un carnevale degno di un re. Evo Morales ha attraversato il confine a piedi, dalla cittadina argentina di La Quiaca alla cittadina boliviana di Villazon, con decine di migliaia di sostenitori pronti a riceverlo. Essendo uno dei tanti giornalisti presenti, sono stato così ingenuo da credere che la folla sarebbe stata tenuta a bada dagli attivisti sindacali della regione del Chapare, incaricati del servizio d’ordine, ma la pressione della folla mi ha immediatamente privato della posizione di osservazione privilegiata, quando la massa dei sostenitori ha immediatamente sopraffatto gli uomini corpulenti che avrebbero dovuto formare un anello protettivo intorno a Evo.
 
Guardando al futuro
 
Le nostre telecamere sussultavano mentre eravamo pericolosamente schiacciati dalla pressione dei tanti che cercavano di toccarlo, o almeno di scattare una foto. La sua parata della vittoria è andata dal confine alla piazza centrale della città, a circa cinque isolati dal ponte attraverso il quale era entrato.
 
 
Quando si chiedeva ai partecipanti al raduno cosa Morales significasse per loro, le risposte non descrivevano una figura amata, ma del passato, la maggior parte degli intervistati parlava invece al futuro. Juan, un minatore di Potosi, ha detto: “Dobbiamo riceverlo e assicurarci che arrivi qui bene, perché è il nostro leader, sia a livello nazionale che internazionale. Voglio salutare [il presidente] Arce e [il vicepresidente] Choquehuanca, ma il nostro vero leader indiscutibile è Evo Morales Ayma e lo sarà sempre".
 
Un attivista sindacale argentino ha attraversato il confine per la manifestazione di Villazon e mi ha detto che “Evo è un leader latinoamericano e sarà la chiave per costruire un continente unificato che sia forte, sovrano e per il popolo, per i lavoratori. Ecco perché siamo qui, anche questo ci riguarda”.
 
Il primo discorso di Morales in Bolivia, pronunciato nella piazza di Villazon, ha avuto un tono simile, con gli occhi volti al futuro piuttosto che a ricordare la gloria passata. “Dobbiamo continuare a lavorare, il nostro compito ora è proteggere il presidente Arce e il nostro processo di cambiamento, perché il diritto non dorme e l'impero guarda sempre alle nostre risorse naturali, ma usiamo la nostra esperienza per andare avanti ancora più forte. "
 
 
E allora come pensa di farlo? Morales non è solo un privato cittadino. Ora ha assunto il ruolo di Presidente delle 6 Federazioni del Tropico, il potente sindacato dei lavoratori rurali della regione del Chapare, che aveva già guidato per tutti gli anni '90 e sulla forza del quale ha fondato il MAS. È anche presidente del MAS, il Movimento verso il socialismo. Non è il leader dello Stato, ma è il leader politico del partito al governo.
 
Benvenuto ad un eroe
 
Dopo il benvenuto di Villazon, Morales ei suoi compagni, e i giornalisti come noi che seguivano il tour, siamo tutti saltati in macchina e partiti a tutta velocità per quello che è stato l'inizio di un lungo viaggio di tre giorni fisicamente faticoso. Sono lontani i giorni in cui Evo viaggiava in elicottero. Dopo più di otto ore di guida attraverso i gelidi altopiani di Potosi, siamo arrivati alla manifestazione nella città mineraria di Atocha, facendo solo una breve sosta prima di tornare in macchina verso la città di Uyuni, dove siamo arrivati alle 11:30 pm. Considerando che l’incontro era previsto per le 18:00, e che le temperature erano scese a 7 gradi centigradi, ho pensato che l'evento fosse stato annullato e che tutti se ne fossero tornati a casa. Mi sbagliavo. Erano in migliaia ad attenderlo, riempiendo l'intera piazza.
 
 
Abbiamo sperimentato il programma estenuante che, per lungo tempo, è stato la norma per Evo. Quando è stato presidente, e prima ancora, era famoso per i suoi ritmi di lavoro dalle 4 del mattino fino a mezzanotte, senza curarsi dei fine settimana. Quella notte, siamo andati tutti a letto alle 3 del mattino e dovevamo essere pronti prima delle 7 per la sua conferenza stampa mattutina, nel corso della quale ha affrontato la questione delle riserve di litio del paese, facendo riferimento allo sfogo su Twitter di Elon Musk riguardo alla sua partecipazione al colpo di Stato.  Morales ha affermato chiaramente:
 
"Il colpo di Stato lo hanno fatto per il litio, l'imperialismo non vuole che sviluppiamo prodotti a valore aggiunto in Bolivia, vuole che si prendano tutto le multinazionali".
 
Ha aggiunto che, proprio la scorsa settimana, ha avuto incontri con il ministro della Scienza argentino per elaborare un piano binazionale sul tema della lavorazione della risorsa naturale. Ovviamente non è un funzionario del governo quindi non può firmare alcun accordo, ma la sua partecipazione a tali riunioni è la prova del suo stretto rapporto con il nuovo governo del MAS, del fatto che lo assiste ove possibile, pur spettando al neoeletto esecutivo l’ultima parolae. Questo approccio è in sintonia con ciò che Luis Arce ha detto in un'intervista alla BBC, quando ha affermato che "Diamo il benvenuto ad ogni aiuto di Evo Morales, ma questo non significa che sarà al governo".
 
I media che sono alla disperata ricerca di qualche sintomo di frizione tra Morales e il nuovo governo non ne hanno ancora trovato nessuno. Nel frattempo, Evo continua ad impegnarsi in quello che è sempre stato il suo obiettivo dichiarato, aiutare Luis Arce e rafforzare il MAS, dalla sua posizione di leader del movimento sociale e di presidente del partito.
 
Il resto del giro è stato ugualmente faticoso, in macchina tutto il giorno attraverso Potosi fino al villaggio natale di Evo, Orinoca, a Oruro, dove visitò la sua casa d'infanzia costruita con fango secco e un tetto di paglia. Orinoca, però, non è la sua unica casa.
 
 
Da bambino, la sua famiglia lasciò il villaggio, cacciata dall'estrema povertà che la maggior parte dei boliviani rurali ha affrontato durante il ventesimo secolo. Alla fine si stabilirono nella regione del Chapare, dove Morales divenne il leader del sindacato dei coltivatori di coca durante la lotta contro la presenza dell'USAID e della DEA nella regione.
 
Dopo un brevissimo raduno nella vicina città di Oruro, abbiamo guidato durante la notte senza fermarci fino al capoluogo della sua regione, il Chapare, nota anche come il Tropico di Cochabamba. Arrivato alle 5 del mattino del giorno successivo, Morales si è riposato solo per due ore prima di uscire alle 7 del mattino per gli incontri coi senatori e sindaci locali.
 
 
Quello che è venuto dopo è stata la gigantesca manifestazione all'aeroporto di Chimore, la base aerea nella regione di Chapare, da cui Morales è partito per il Messico l'anno scorso. Più di mezzo milione di persone hanno riempito la pista di atterraggio dove ha pronunciato un discorso violento che esponeva la sua politica:
 
"Siamo antimperialisti, e non si discute. Ma, sorelle e fratelli, ascoltatemi attentamente, non si tratta di essere "populisti" o "progressisti" o "solidali". Se non sei antimperialista, allora non sei rivoluzionario. Mettetevelo bene in testa, fratelli e sorelle'.'
 
Cosa riserva il futuro di Evo?
 
La polvere ora si è depositata, senza più grandi raduni né viaggi in auto. Evo ha stabilito una base nella città di Lauca Ñ negli uffici delle 6 Federazioni del Tropico e sede del media del sindacato, Radio Kawsachun Coca.
 
Ha smesso di incontrare le grandi folle e ha iniziato il vero lavoro politico. Ogni ora è stata impiegata per incontri privati con i singoli leader locali del MAS di ogni regione del paese. Altrettanto importante è stato anche il lavoro internazionale.
 
Morales ha ricevuto delegazioni del movimento indigeno in Ecuador, nonché i principali sindacati dei lavoratori dell'Argentina, dove hanno lanciato l'appello per un ampio congresso dei movimenti sociali dell'America Latina, con lo scopo di creare una nuova organizzazione indigena internazionale e lanciare progetti di integrazione regionale sulla base del "plurinazionalismo" e dell'anticapitalismo. Dopo aver lanciato l'appello per il congresso internazionale, Leonidas Iza, leader dell'organizzazione indigena CONAIE dell'Ecuador, ha detto di Evo: "Ci sentiamo rappresentati da lui, non è riconosciuto solo in Bolivia, ma in tutto il continente".
 
È chiaro che Morales ha un futuro come leader politico in America Latina. Liberato dalle trappole burocratiche del potere, può guidare i movimenti sociali a livello nazionale e internazionale, utilizzando le esperienze accumulate quando ha diretto dal governo le lotte sociali al potere e ha aiutato a sconfiggere un colpo di Stato dopo solo un anno. Questi risultati da soli fanno di lui una figura di primo piano per un progetto di unificazione della sinistra, in particolare latinoamericana. Coloro che in tutto il mondo cercano di replicare tale successo possono ispirarsi a lui come una figura in grado di orientare e dirigere le lotte sociali.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020