Le Monde, 13 gennaio 2013 (trad. ossin)



Il console d’Italia sfugge a un attentato a Bengasi


Il console d’Italia a Bengasi, nell’est della Libia, è sfuggito sabato a un attentato, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa italiana ANSA.

Il console, Guido De Sanctis, viaggiava a bordo della sua auto blindata a Bengasi, quando è stato fatto oggetto di colpi d’arma da fuoco, ma nessuno è rimasto ferito, secondo l’ANSA.

Questo attentato interviene quattro mesi dopo l’attacco degli islamisti al consolato USA a Bengasi, durante il quale l’ambasciatore degli Stati Uniti in Libia, Chris Stevens, e tre altri statunitensi sono rimasti uccisi.

L’Italia, ex potenza coloniale, intratteneva stretti rapporti con Muammar Gheddafi, prima della rivolta e dell’intervento militare occidentale che hanno provocato la sua caduta e la sua morte.

L’Italia è il principale investitore straniero nell’industria energetica libica. Essa ha tentato, nel corso degli ultimi mesi, di stabilire buone relazioni con le nuove autorità.

Il signor De Sanctis, 51 anni, era a Bengasi dall’inizio dell’insurrezione contro Gheddafi del febbraio 2011. Egli deve lasciare la Libia per raggiungere la sua nuova sede di servizio in Qatar la settimana prossima.

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021