Unz Review, 19 settembre 2020 (trad.ossin)
 
Gli USA non hanno alcuna autorità morale per criticare la Cina
Fred Reed
 
Mentre si avvicina il momento dei dibattiti presidenziali e i nostri grotteschi candidati si preparano a competere per il premio di miglior attore, coi loro cast di sondaggisti, esperti di media, allenatori di gesti, focus group e tecnici della menzogna, Statunitensi di lungo analfabetismo storico, e sono la maggioranza, ascoltano incessantemente parlare dei mali della Cina. Poco importa se sono veri, l'elettorato non è in grado di capirlo. Può tuttavia essere divertente affrontare la questione. Quanto è cattivo (come direbbe Ivanka) l’Impero di Mezzo?
 
 
Consentitemi di esprimere una visione più ottimista di quella dei nostri avanzi di Guerra Fredda. Cominciamo con quello che Pechino ha fatto per la sua gente. Potremmo anche fare un confronto illuminante tra la Cina di oggi e gli Stati Uniti di oggi.
 
Io so cosa era la Cina nel 1978, quando Deng prese il sopravvento: un colosso letteralmente affamato, tra i paesi più poveri della terra, con persone che mangiavano erba. Nei quarantadue anni successivi, la Cina ha strappato diverse centinaia di milioni dalla povertà, e la povertà rimanente non sarebbe riconosciuta come povertà dagli abitanti delle baraccopoli dell'India. Forse sbaglio, ma questo mi sembra insieme sorprendente e ammirevole. Nessun altro paese, mai, ha fatto una cosa simile.
 
I falchi della Guerra Fredda e i venditori per i fabbricanti di armi amano dire che la Cina è "totalitaria", il che suona adeguatamente terribile senza significare nulla di specifico. Quante persone hanno vissuto in un paese veramente totalitario e comunista? Ero nell'Unione Sovietica quando c'era ancora l'Unione Sovietica, e corrispondeva esattamente alle fantasie onanistiche di John Bolton: cupa, povera, intimidita, niente negozi o beni di consumo, strade vuote con auto solo per il governo, gente triste e scoraggiata. Mentre volavamo con Aeroflot, la gente è scoppiata spontaneamente in un applauso mentre attraversavamo la frontiera russa.
 
La Cina non è affatto così. Passeggiate per le strade di Chengdu o Chongqing. Il traffico (purtroppo) raggiunge i livelli statunitensi. Vedrete negozi che vendono tutto ciò che potreste trovare, ad esempio, a Washington, dai prodotti economici a quelli costosi, grandi negozi di alimentari decorati con gusto (un tocco cinese) pieni di tutto, dai generi di prima necessità alle più sofisticate prelibatezze. È il primo mondo. Questo è il fatto, ragazzi e ragazze. È documentabile. Andate a vedere di persona. Io l’ho fatto. Vedrete anche, almeno a Chengdu, molti gruppi di negozi che vendono manufatti buddisti, vedrete templi funzionanti e ben tenuti e monaci nelle vesti tradizionali. Non è questo che ci viene detto di aspettarci, ma è quello che c'è.
 
I ristoranti fanno affari d’oro, dalle bancarelle di zuppe a quelli eleganti, e la vita notturna è varia e molto divertente. (Qui una guida alla suddetta vita notturna.) C'è, per esempio, un pub irlandese, lo Shamrock, che mi è piaciuto molto. Esistono grandi quartieri con ampie strade pedonali con dozzine di ristoranti coi tavoli all'aperto, e neon sgargianti tipicamente cinesi ovunque. Questa non è la Cina di Steve Bannon.
 
 
Dal suo sito web: “Shamrock ha le migliori trasmissioni sportive di Chengdu! Con cinque diversi feed satellitari copriamo rugby, football (palla rotonda), le regole australiane, cricket, NBA, golf, tennis, boxe e UFC. Ti chiedi come saperne di più su quali trasmissioni sono in onda? Abbiamo l'elenco nel nostro sito web, puoi anche AGGIUNGERCI su WeChat o in alternativa chiamarci o inviarci un'e-mail per maggiori informazioni su data e ora delle trasmissioni".
 
I conservatori di un formidabile analfabetismo economico parlano della Cina come di una dittatura comunista. Il governo, forse non volendo ammettere un errore, si definisce comunista. I falchi geriatrici fanno sciocchi riferimenti a "Chicom", ma la Cina è in realtà un'oligarchia pragmatica e autoritaria, non una dittatura, e i paesi comunisti non hanno centinaia di migliaia di imprese private. Non si può criticare il governo, e il Great Firewall cinese blocca Internet internazionale. Non va bene, ma ... totalitario? Pensate alla Corea del Nord.
 
I commentatori statunitensi parlano dell'intolleranza della Cina nei confronti del cristianesimo. L'intolleranza esiste. Ma i Cinesi hanno le loro ragioni. Tenete conto che il cristianesimo, per quanto eretico, è costato alla Cina quattordici anni di guerre sanguinose e forse milioni di morti. Probabilmente è abbastanza cristianesimo per loro. E, naturalmente, possono guardare gli Stati Uniti e vedere il caos causato dalla diversità di religione, razza, etnia e così via. Probabilmente pensano di non averne bisogno.
 
Gli Statunitensi si lamentano anche che il fentanil (l’oppioide sintetico più comune, causa di molte morti per overdose, ndt), che di solito pronunciano “fentanol”, viene dalla Cina, proprio come i Messicani lamentano che le armi dei cartelli della droga provengono dagli Stati Uniti. Sono vere tutte e due le cose, ma è un po' eccessivo attribuire l'una o l'altra all'ostilità del governo piuttosto che alla criminalità freelance. Per quanto riguarda le droghe, potremmo ricordare che la Cina ha avuto un'amara esperienza a causa dei bianchi europei. Statunitensi (e Britannici, ndt) costrinsero i Cinesi a comprare oppio con la forza delle armi, anche se il governo si opponeva disperatamente. Forse l'inversione di rotta è un gioco leale.
 
Anche le truppe statunitensi hanno occupato con la forza i porti cinesi. I soldati USA si sono scatenati per Pechino, violentando, saccheggiando e uccidendo per sport. I Cinesi ne sono consapevoli. Gli Statunitensi sono liberi, in genere,  di rincasare di notte.
 
La gente negli Stati Uniti parla della sfacciata aggressività della Cina. L' aggressività cinese? La Cina ha invaso l'Iraq, uccidendo centinaia di migliaia di persone? La Cina ha passato quasi vent'anni a massacrare Afgani, sequestrare militarmente il petrolio siriano, sostenere l'Arabia Saudita in una guerra assassina contro lo Yemen, supervisionare la distruzione della Libia, bombardare la Somalia? La Cina cerca di far morire di fame l'Iran e il Venezuela per dare a Washington il controllo del loro petrolio? La Cina spinge i suoi vassalli (inesistenti) della NATO sempre più vicino al confine russo? Sì, la Cina è una minaccia internazionale. Nessuno può dubitarne.
 
Aggressività? È vero, gli USA hanno qualche base militare sparsa per il mondo, qualcosa come 800 basi militari, mentre l'aggressiva Cina, sempre sfacciata, ne ha una a Gibuti. Oggi, il Corno d'Africa. Domani, San Francisco. Mio Dio, dobbiamo cingerci i lombi, dare più soldi al Pentagono. La prossima cosa che sappiamo, i bastardi strabici usciranno con le nostre figlie ad Harvard. (Pensateci bene però ...)
 
 
La Cina spende molto per l'istruzione e la ricerca e lo sviluppo. Non ha raggiunto gli USA in tutto, ma avanza rapidamente. Gli Stati Uniti acquistano bombardieri nucleari intercontinentali senza uno scopo apparente. Quello sopra è un treno a levitazione magnetica ora in fase di sviluppo, capace di andare a 373 miglia all'ora.
 
Guardate gli Stati Uniti come possono apparire a un cittadino di, diciamo Chongqing. Sembrano barbari. Gli Stati Uniti sono immersi fino al collo nei crimini violenti; la Cina quasi non ne ha. Ciò non è dovuto alla vigilanza della polizia, ma perché i crimini violenti non fanno parte della loro cultura. Non c’è bisogno della polizia per impedire alle persone di fare ciò che non farebbero comunque. Nelle città statunitensi gli omicidi sono così comuni da essere a malapena notati dai giornali: 700 all'anno a Chicago e diverse volte più scontri a fuoco, 300 a Baltimora, numeri simili in un paio di dozzine di altre città. Gli USA ribollono di odio razziale; La Cina, che fortunatamente ha una sola razza, non ne conosce. Molte decine di migliaia di persone negli Stati Uniti vivono nello squallore medievale sui marciapiedi o nelle metropolitane; non così in Cina. La Cina batte Covid e fa i suoi affari (gli amici lì mi dicono che le cose sono tornate alla normalità).
 
La Cina maltratta i suoi Uiguri? Sì, e forse lo farebbe anche se gli USA non ne fomentassero la ribellione, lì come a Hong Kong. Non va bene per niente. È peggio degli Stati Uniti? Può essere. Si noti, tuttavia, che gli afro-americani hanno vissuto in condizioni disgraziate per quattro secoli, e attualmente sguazzano nel semi-analfabetismo, nella droga, nel collasso sociale e nella disperazione. Nessuna di esse sta cambiando nel Paese eccezionale.
 
Molto può essere, ed è, detto contro la Cina, e molto è vero. Ma gli Statunitensi non hanno alcuna autorità morale per dirlo.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020