Irib.fr, 11 gennaio 2014 (trad. ossin)


Charlie Hebdo e i figli del Londonistan


Citato da The Telegraph, l’8 gennaio, un informatore che lavora sotto copertura, frequentatore della moschea di Finsbury Park, a Londra, descrive l’attacco contro Charlie Hebdo come un “lascito di Abou Hamza”, il tristemente noto predicatore wahhabita di questa moschea.

Londra era, alla fine degli anni 1990, il rifugio per eccellenza del terrorismo internazionale, fino al punto che i servizi segreti francesi avevano soprannominato la capitale britannica “Londonistan”. Il luogo simbolo di tutto questo era esattamente la moschea di Finsbury Park. Estradato negli Stati Uniti, Hamza, accusato l’anno scorso di atti terroristici, deve adesso essere processato a New York.


Djamel Beghal

Le Monde, nella sua inchiesta su Cherif Kouachi, uno degli autori dell’attacco contro Charlie Hebdo, rivela che, durante la sua permanenza - dal gennaio 2005 all’ottobre 2006 - nel carcere di Fleury Merogis (Essonne), Kouachi aveva conosciuto colui che sarebbe poi diventato il suo mentore: Djamel Beghal, egli stesso un diretto discepolo di Abou Hamza, che aveva frequentato quando abitava a Londra.

Beghal viene anche descritto come una “presenza costante” nella moschea di Finbury Park, alla fine degli anni 1990, quando era uno dei centri più importanti del reclutamento jihadista. Beghal è anche conosciuto come amico del giordano Abou Qatada, considerato “l’ambasciatore di Ben Laden” in Europa, ed estradato nel 2013 in Giordania.

Djamel Beghal è anche una figura chiave della struttura di Al Qaeda, afferma The Telegraph. E’ lui che avrebbe reclutato sia Richard Reib (arrestato il 22 dicembre 2001 per aver tentato di fare esplodere il volo 63 della American Airlines Parigi-Miami, imbarcando esplosivi nascosti nelle scarpe – di cui il soprannome di shoe bomber), sia Zacarias Moussaoui, il famoso “20° pilota kamikaze” degli attacchi dell’11 settembre.

Rientrato in Francia, Beghal si è fatto chiamare “Abou Hamza”, tanto quest’ultimo era diventato il suo idolo. Ha dichiarato che aveva creato delle cellule terroriste in diversi paesi europei, tra cui l’Inghilterra, la Germania, la Francia e la Spagna. Benché questa rete sembra sia stata smantellata dopo il suo arresto del 2001, per un progetto di attentato contro l’ambasciata degli Stati Uniti a Parigi, è stato sempre Beghal che, in prigione, ha reclutato Kouachi, dieci anni fa, per ricostituire la struttura.

Beghal e Kouachi sono rimasti in contatto anche dopo la scarcerazione. Una foto li ritrae mentre giocano a calcio, nell’aprile del 2010, nel Cantal, insieme a Ahmed Laidouni, un reclutatore di jihad, e Farid Melouk, un membro algerino del GIA. Anche Amedy Coulibay, autore della presa di ostaggi nel negozio di alimentari kasher a Parigi, conosceva sia Cherif Kouachi, che Djamel Beghal, cui rendeva regolarmente visita.


Hamza, MI5 e Scotland Yard,tan


Basandosi su 50 pagine di note di Scotland Yard, relative ai contatti avuti coi servizi, si legge nel The Telegraph che Hamza aveva collaborato con il MI5 (il servizio inglese di intelligence interno) e con la polizia, per porre termine alla presa di ostaggi e per ridurre le tensioni con la comunità islamica in Inghilterra.

Durante il suo processo in Inghilterra, nel 2006, Hamza aveva già dichiarato, alto e forte, di essere stato, dal 1997 al 2000, in regolare contatto con il MI5 e i servizi speciali inglesi. “Questa straordinaria confessione, dice oggi The Telegraph, alimenterà le teorie del complotto, sostenitrici della tesi che, se egli ha avuto la possibilità di predicare l’odio per così tanto tempo, era perché lavorava per la polizia”.

Così, fintanto che non vi fosse “sangue versato sul territorio inglese, le autorità chiudevano un occhio, soprattutto quando le strutture terroriste operavano all’estero, in luoghi dove conveniva agli interessi della City e di Wall Street.




Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2017
credits: salernodev