Parigi: Fanatici sionisti praticano il vandalismo seriale

Le Grand Soir (Journal militant d’information alternative), 7 luglio 2009



Mucchi di libri inzuppati di olio – ecco l’ultima prodezza dei fanatici sionisti che hanno preso l’abitudine di aggredire beni e persone a Parigi senza essere disturbati.
Nel primo pomeriggio di venerdì 3 luglio, cinque uomini hanno fatto irruzione nella libreria “Resistances”, situata in un quartiere tranquillo del 17° arrondissement di Parigi. Dopo aver annunciato alle persone presenti la loro appartenenza alla Ligue de Défense Juive ( Lega della difesa ebraica – LDJ), hanno cominciato a gettare i libri per terra per innaffiarli d’olio da cucina, prima di distruggere 4 computer e di fuggire poi con un’auto che li attendeva.
Questa libreria appartiene alla coppia di militanti Olivia Zemor e Nicolas Shashahani, animatori del gruppo CAP JPO – Euro-Palestine (CAP JPO = Coordination des Appels pour une Paix Just eau Proche Orient – Coordinamento degli appelli per una Pace giusta in Medio Oriente). Essa offre alla clientela una vasta scelta di libri di ogni genere, soprattutto, ma non esclusivamente, sul Medio Oriente. Istallata in un ex garage, dispone anche di una sala di lettura e di una terza sala, dove si svolgono regolarmente conferenze degli autori, talvolta seguite da dediche.
Già il 7 dicembre 2006, un commando  dello stesso tipo aveva lanciato delle bombe lacrimogene nella libreria, mentre erano in arrivo molte persone per assistere ad una conferenza della compianta scrittrice israeliana Tanya Reinhart e del suo compagno, il poeta israeliano Aharon Shabtai. In questa occasione, Nicolas Shashahani fu costretto a ricorrere alle cure ospedaliere a causa del gas, ma i danni materiali furono minimi. Questa volta invece la libreria è stata saccheggiata ed è stato rovinato un gran numero di libri, con perdite che raggiungono le decine di migliaia di euro, secondo Shashahani.
Che sottolinea, però, come si sia trattato solo di una tra le centinaia di azioni violente poste in essere dalla versione francese della Ligue de Défense Juive, creata da Meir Kahane e messa al bando negli Stati uniti e in Israele. Non c’è alcuna speranza che questa gente si fermi, fintanto che beneficeranno dell’indulgenza delle Autorità francesi e del quasi silenzio dei grandi media. L’atto vandalico del 3 luglio ha meritato solo un dispaccio dell’AFP, apparentemente ripreso solo dal giornale Le Parisien, ma ignorato completamente dalla grande stampa e dalla televisione. Di solito, i soli praticamente a venire a conoscenza di fatti di tal genere sono coloro che appartengono agli ambienti attivi politicamente, che sono gli obiettivi di questi atti di intimidazione.
Il grande pubblico è tenuto all’oscuro di simili atti di aggressione, pur essendo invece dettagliatamente informato anche solo del più insignificante atto di antisemitismo – perfino immaginario (come il celebre caso della ragazza che, solo per farsi notare, ha inventato di sana pianta di essere stata oggetto di un’”aggressione antisemita” nella metropolitana, attirando realmente l’attenzione di tutti, fino al Presidente della Repubblica). Vi sono davvero degli autentici atti di antisemitismo, ma la maggior parte di essi non superano il livello di insulti organizzati in un cortile di ricreazione. E tuttavia la pubblicità che agli stessi viene fatta, giustificata dalla preoccupazione di prevenzione, serve soprattutto a mantenere viva l’idea che la stessa esistenza degli ebrei sarebbe costantemente minacciata – alibi fondamentale della Ligue de Défense Juive. L’accusa menzognera secondo la quale “il governo francese non fa niente per proteggere gli ebrei” costituisce il pretesto per una “autodifesa” aggressiva.
Come discepoli di Meir Kahane, la LDJ persegue non solo un Eretz israeliano ampliato e liberato dagli Arabi, ma vuole altresì perseguire la lotta contro gli Arabi e “l’islamofascismo” sul territorio francese. La discussione non è la loro arma preferita. Addestrati alle arti marziali israeliane, i militanti della LDJ agiscono con attacchi fisici contro gli Arabi, i mussulmani e coloro che parteggiano per i Palestinesi. La LDJ è un gruppo informale che conta qualche centinaia di membri, senza strutture o sede legale. E tuttavia le forze dell’ordine francesi, esperti nella infiltrazione dei gruppuscoli estremisti, dovrebbero ben sapere dove trovarli.  E tuttavia non sembrano affatto disturbati dal loro organizzarsi. Fino a quando non saranno identificati, le vittime potranno avere il dubbio se i loro aggressori sono della LDJ o del Bétar, l’organizzazione della gioventù ebraica fondata nel 1929 da Vladimir Jabotinsky e vicina alle posizioni del Likud. I due gruppi ricorrono a metodi simili e possono essere confusi, ma si dice che la LDJ, più radicale, attiri verso di sé alcuni militanti del Bétar.
Se mai i fanatici sionisti sono chiamati a rispondere delle loro imprese davanti ai tribunali, quelle rare volte che questo succede, essi godono di una singolare indulgenza.   Nel dicembre 2003 alcuni studenti filo-palestinesi vennero violentemente aggredito e feriti. Sopperendo alla assenza di zelo da parte della polizia, le stesse vittime hanno condotto un’inchiesta che si è conclusa con la condanna, il 16 settembre 2004, di un certo Anthony Attai. Questi venne condannato ad una pena di dieci mesi con la sospensione della pena.
I membri della LDJ o del Bétar beneficiano anche di un “santuario”. Il 25 ottobre 2006 una militante antimperialista radicale di 68 anni, Ginette Hess Skandrani, venne selvaggiamente aggredita in casa sua da tre sconosciuti. Ricoverata in ospedale, le si dovettero applicare molti punti di sutura al capo. Il 4 febbraio scorso i suoi aggressori sono stati condannati, ma:
- Uno di essi, Ruben Colleu, ha subito una pena di due anni di prigione, 18 mesi dei quali con sospensione della pena – ma si trovava già in Israele.
- Il secondo, Stevel Elie, è stato condannato a tre anni di prigione – ma il tribunale francese lo aveva già autorizzato a recarsi in Israele per fare il servizio militare.
- Solo il terzo, Mike Sfez, non era contumace. Come Colleu, egli è stato condannato a due anni di prigione, 18 mesi dei quali con sospensione della pena, gli ulteriori sei mesi suscettibili di essere scontati svolgendo lavori di interesse collettivo.
Recentemente, una quindicina di individui, presunti militanti della LDJ, hanno molestato le persone che venivano ad assistere ad uno spettacolo per i bambini di Gaza, ed altri assassini hanno aggredito delle persone dai caratteri arabi nel corso di una riunione di diversi gruppi chiamati a discutere del movimento internazionale di “Boycott-Désinvestiment-Sanctions”. E la lista è lunga…
La LDJ ha degli amici in polizia. Il 5 giugno 2006, il capo di un piccolo sindacato cristiano di estrema destra, “Action Police CFTC”, Michel Thooris, ha elogiato la LDJ ed il Bétar, dichiarando che essi”svolgono una missione di servizio pubblico, difendendo le persone e i beni”: Il ministro dell’interno dell’epoca, Nicolas Sarkozy, non ha in alcun modo sconfessato pubblicamente un tale difesa di una milizia privata comunitaria.
I “due pesi e due misure” della politica securitaria di Sarkozy si mostrano in tutta la loro evidenza. Il cambiamento radicale di politica estera operato da Sarkozy, allineando la Francia su Israele in Medio oriente, rischia di essere un incoraggiamento per la LDJ nel suo senso di impunità. Questa primavera, un autore che ha conosciuto un certo successo commerciale, Paul-Eric Blanrue, non ha potuto pubblicare il suo ultimo libro, “Sarkozy, Israele e gli ebrei”, in Francia ed ha dovuto cercare un editore in Belgio. Peggio ancora, il distributore francese di questo editore belga si è rifiutato di distribuire il libro in Francia. La conferenza stampa a Parigi di Blanrue non ha visto la presenza di alcun giornalista. Il suo libro, che insiste sulla distinzione tra giudaismo e sionismo, difende la tesi, ampiamente documentata, secondo la quale Sarkozy ha cercato l’appoggio politico delle reti filo-israeliane (anche negli Stati Uniti) a detrimento degli interessi della Francia, sia interni che internazionali. Nessun resoconto è apparso sulla stampa francese.
Per contro, e malgrado il mercato sia oramai saturo, trovano sempre spazio nei media francesi le lamentele circa il pericolo che la tradizionale laicità della Francia sarebbe minacciata dal “comunitarismo”… dei mussulmani.  E’ raro che vengano indicate le provocazioni ideologiche o fisiche dei sionisti fanatici tra le cause di una tendenza così inquietante. Sicuramente i numerosi intellettuali militanti sionisti non approvano i metodi della LDJ o del Bétar. Ma il tema degli ebrei come eterne vittime, che viene costantemente ripetuto nelle scuole, al cinema e nei media, crea un clima che favorisce la violenza psicologica delle milizie ebraiche in Francia e l’indulgenza delle autorità nei loro confronti.
La situazione non è certo migliorata dalla estrema frammentazione del movimento filo Palestinese in Francia – che è una spia del settarismo caratteristico della sinistra francese. Le diverse vittime della violenza della LDJ o del Bétar – come il CAP JPO, o Ginette Skandrani, o Dieudonné, e molti altri – spesso non si sopportano tra loro. Anche se assumono di essere solidali coi Palestinesi, non riescono ad esserlo tra di loro.
Tuttavia si può sperare che l’aggressione del 3 luglio contro la libreria Résistances solleverà una protesta più ampia del solito, anche solo semplicemente per le forti evocazioni  associate alla distruzione dei libri.  Una manifestazione di protesta avrà luogo davanti la libreria mercoledì 8 luglio alle 17, per chiedere la messa al bando della LDJ e che i suoi assassini vengano finalmente giudicati. Questa sarà l’occasione di manifestare una resistenza solidale contro la forma più attiva di fascismo presente oggi in Francia.
Diana Johnstone







Manifestazione mercoledì sera per chiedere la messa al bando della LDJ

Numerose organizzazioni, librerie, reti di biblioteche hanno organizzato una manifestazione davanti alla libreria Résistances questo mercoledì 8 luglio, a partire dalla 18,30, per chiedere la messa al bando della Ligue de Défense Juive, organizzazione terrorista che si è resa responsabile di molte aggressioni in Francia.



Comunicato:

Adesso è troppo. Scioglimento della Ligue de Défense Juive.
La libreria Résistances, situata nel 17° arrondissement a Parigi, è stata attaccata e saccheggiata da assassini dell’estrema destra sionista questo venerdì 3 luglio in pieno pomeriggio.
La libreria Résistances è conosciuta per il suo impegno nel sostegno al popolo palestinese e in generale alle lotte dei popoli del terzo mondo.
Non è dunque sorprendente che sia stata oggi, nuovamente, l’obiettivo delle violenze dei gruppi ultra-sionisti, e soprattutto della Ligue de défense juive.
Mesa al bando in Israele e negli Stati Uniti per il suo carattere razzista e fascistoide, la LDJ resta tollerata in Francia dalle Autorità, nonostante che da diversi anni essa sia stata coinvolta in numerose spedizioni punitive contro i militanti ed i simpatizzanti della causa palestinese, ed in aggressioni contro la popolazione  maghrebina. L’ultimo in ordine di tempo è stata l’aggressione contro il Municipio di Vitry-sur-Seine, nella Val-de-Marne, in occasione della cerimonia municipale di assegnazione ad un dirigente palestinese, Marwan Barghouti, della cittadinanza d’onore della città. Le azioni fascistoidi della LDJ e dei gruppi dell’estrema destra sionista sono durate anche troppo.
 I firmatari esprimono la loro totale solidarietà con la libreria Résistances, e chiedono con fermezza la messa al bando della Ligue de défense juive e la traduzione in giustizia dei suoi assassini.
Le organizzazioni firmatarie organizzano una manifestazione mercoledì 8 luglio 2009, a partire dalle 18,30, davanti la libreria Résistances.



Primi firmatari:  NPA, les Verts, le parti de Gauche (Paris), AFD France, AFPS Gennevilliers, AJPF Association pour les jumelages entre les camps de réfugiés palestiniens et les villes françaises, Américains contre la guerre AAW France, Al-Rowwad, Les Alternatifs, Amis de Darna, Arab Human Rights Information Network ; Association Internationale pour Préservation du Patrimoine Palestinien (AIPPP), Association Romande Contre le Racisme, ATL Jenine, ATTAC Paris Nord Ouest, ATTAC France, Bellacio, CCIPPP, CAPJPO-EuroPalestine, CEDETIM, Civimed Initiatives, CPPI St Denis, Collectif Palestine 14, Collectif Faty Koumba, Collectif Judéo-Arabe et Citoyen pour la Paix, Collectif des libraires pour l’interdiction de la LDJ, Collectif pour la libération de Georges Ibrahim Abdallah, Comité de lutte contre la barbarie et l’arbirtaire, Comité Justice et Paix en Palestine et au Proche-Orient du 5ème arrondissement de Paris, Comité Poitevin France Palestine, Commission Arabe pour les Droits Humains, CVPR, Damascus Center for theoretical Studies and Civil Rights, Droits Devant ! Droit Solidarité, Editions Agone, Editions Syllepse, Femmes en Noir, Egalité/ Wardeh Boutros, Evry Palestine, La Fabrique Editions, Farrah-France, FTCR, La Fédération pour une Alternative Sociale et Ecologique, La Gauche Cactus, Génération Palestine, la GUPS, ISM (International Solidarity Movement), Handicap-Solidarités, Human Supporters, La Courneuve Palestine, Le Centre des Cultures, Librairie Envie de lire (Ivry-sur-Seine), Librairies L’Harmattan (Paris), Librairie L’Herbe rouge (Paris), Librairie Folies d’encre (Saint-Denis), Librairie Ishtar (Paris), Librairie des Lois (Toulouse), Librairie Equipages (Paris),Librairie Le Point du Jour (Paris)*, la Ligue des Droits de l’Homme de Talence, MAIF, Mouvement des Quartiers, MRAP, Mouvement des Indigènes de la République, Le M’PEP, Mouvement politique d’Éducation populaire, Nanterre Palestine, RESOCI, Respaix, Réveil des Consciences, Réseau International des Juifs Antisionistes (IJAN), Soint-Ouen Solidarité Palestine, SURVIE, Syndicat FSU de la Bibliothèque nationale de France, Union juive française pour la paix, Union Syndicale Solidaires, UTIT, Une Autre Voix Juive.

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2017
credits: salernodev