ProfileIran, 5 gennaio 2020 - Si sta delineando sempre più chiaramente lo spaventoso pasticcio in cui si sono infilati gli USA col loro ultimo attentato terrorista contro il generale Soleimani (nella foto, la bandiera rossa issata sulla Sacra Cupola della moschea di Jamkaran)    
Air Jordan XVII 17

 

The saker, 5 gennaio 2020 (trad. ossin)
 
Gli Stati Uniti sono ora in guerra, de facto e de-jure, con ENTRAMBI, Iraq e Iran
the saker
 
Per la prima volta nella storia dell'Iran, una bandiera rossa è stata issata sopra la Sacra Cupola della moschea di Jamkaran, in Iran. Ciò indica che il sangue dei martiri è stato versato e che ci sarà adesso una grande battaglia. Le parole sulla bandiera sono: " Oh Hussein, chiediamo il tuo aiuto " 

La risposta è cominciata.
Partiamo da un breve resoconto di ciò che è accaduto (nota: queste informazioni stanno giungendo di minuto in minuto, quindi potrebbe esserci bisogno di correzioni, quando disporremo di dichiarazioni ufficiali).
 
1.  Il primo ministro iracheno Adil Abdl Mahdi ha adesso rivelato ufficialmente che gli Stati Uniti gli avevano chiesto di mediare tra USA e Iran e che il generale Qassem Soleimani veniva a parlargli e a dargli una risposta.  Pertanto, Soleimani partecipava a una MISSIONE DIPLOMATICA UFFICIALE nell'ambito di un'iniziativa diplomatica AVVIATA DAGLI STATI UNITI.
 
2.  Il Parlamento iracheno ha ora votato una risoluzione che richiede al governo di allontanare dall’Iraq le truppe di Washington e dei suoi alleati.
 
3.  Il premier iracheno Adil Abdul Mahdi ha detto che gli USA hanno informato l'esercito iracheno del previsto attacco aereo solo pochi minuti prima che fosse effettuato. Ha sottolineato che il suo governo ha negato il permesso a Washington di continuare l'operazione.
 
4.  Il Parlamento iracheno ha anche chiesto che il governo iracheno si adoperi "per porre fine alla presenza di truppe straniere sul suolo iracheno e vietare loro di usare la sua terra, spazio aereo o marino per qualsiasi motivo".
 
5.  Il ministero degli Esteri iracheno ha affermato che Baghdad si è rivolta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per lamentare la violazioni da parte degli Stati Uniti della sua sovranità.
 
6.  Il religioso iracheno Moqtada al-Sadr ha affermato che la risoluzione parlamentare volta a porre fine alla presenza di truppe straniere nel paese non è sufficiente, invitando i gruppi della milizia locale e straniera a unirsi. Ho avuto anche conferma che l'Esercito del Mehdi è stato messo in mobilitazione.
 
7.  I tromboni del Pentagono hanno già cominciato a gettare la responsabilità di questo disastro monumentale su Trump (vedi qui). Stanno lentamente accorgendosi del grande casino e non vogliono essere ritenuti responsabili di ciò che verrà dopo.
 
8.  Per la prima volta nella storia dell'Iran, una bandiera rossa è stata issata sopra la Sacra Cupola della moschea di Jamkaran, in Iran. Ciò indica che il sangue dei martiri è stato versato e che ci sarà adesso una grande battaglia. Le parole sulla bandiera sono: "Oh Hussein, chiediamo il tuo aiuto" (traduzione non ufficiale)
 
9.  Gli Stati Uniti hanno annunciato il dispiegamento di 3.000 soldati dall'82a aviotrasportata in Kuwait.
 
10.  Alla fine, l'idiota in capo ha twittato il seguente messaggio, probabilmente per cercare di rassicurare i suoi sostenitori spaventati: “Gli Stati Uniti hanno appena speso due trilioni di dollari in equipaggiamento militare. Siamo i più grandi e di gran lunga i MIGLIORI al mondo! Se l'Iran attacca una base statunitense, o un qualsiasi Statunitense, invieremo alcune di quelle nuove meravigliose attrezzature contro di loro... e senza esitazione! “. Sembra ancora persuaso che un eccesso di spesa per materiale militare di seconda scelta possa portare alla vittoria...
 
 
Analisi
 
Bene, la prima cosa che mi viene da dire leggendo questi punti salienti è che il generale Qasem Soleimani ha già colpito Zio Shmuel dall’oltretomba. Stiamo assistendo a un immenso disastro politico che si svolge come un incidente ferroviario al rallentatore. Non vi fate ingannare, questo non è solo un "oops" tattico, ma un grave disastro STRATEGICO. Perché?
 
Per prima cosa, gli Stati Uniti diventeranno adesso una presenza militare ufficiale e totalmente illegale in Iraq. Ciò significa che qualsiasi SOFA (Status Of Forces Agreement) sia stato siglato fino ad oggi tra gli Stati Uniti e l'Iraq, adesso è nullo.
 
In secondo luogo, gli Stati Uniti hanno ora due opzioni:
 
1.  Combattere e affondare in profondità in un pantano catastrofico o
2.  Ritirarsi dall'Iraq e perdere ogni possibilità di mantenere le loro forze in Siria
 
Sono entrambe pessime, perché qualunque cosa lo zio Shmuel scelga, perderà anche quel minimo livello di credibilità che gli era rimasto, anche tra i suoi putativi "alleati" (come l’Arabia Saudita, che sarà ora lasciata naso a naso con un Iran molto più potente che mai).
 
Il problema principale di questa (molto provvisoria) situazione è che sia la lobby israeliana che la lobby petrolifera saranno assolutamente indignate e chiederanno agli Stati Uniti di usare il suo potere militare per cambiare regime sia in Iraq che in Iran.
 
Inutile dire che questo non accadrà (solo gli sbandieratori ignoranti e incurabili credono che le sciocche fanfaronate delle forze armate statunitensi siano "THE BEST").
 
Inoltre, è chiaro che, con la loro ultima azione terroristica, gli USA hanno ora dichiarato guerra a ENTRAMBI, Iraq e Iran.
 
Questo è così importante che devo ripeterlo di nuovo:
 
Gli Stati Uniti sono ora in guerra, de facto e de-jure, con ENTRAMBI, Iraq e Iran.
 
Mi affretto ad aggiungere anche che gli Stati Uniti sono in guerra con la maggior parte del mondo musulmano (e sicuramente con tutti gli sciiti, inclusi Hezbollah e Yemeniti).
 
Voglio poi parlare dell'aumento del numero di truppe statunitensi in Medio Oriente. Altri 3.000 soldati dell'82 ° AT sono appena necessari a sostenere le evacuazioni e fornire una forza di riserva per i Marines già in loco. Non costituiscono in alcun modo un numero VICINO a quello delle truppe di cui gli Stati Uniti avrebbero bisogno per combattere una guerra contro l’Iraq o l’Iran.
 
Infine, alcuni pensano che gli Stati Uniti proveranno a invadere l'Iran. Bene, con un comandante in capo così narcisisticamente delirante come Trump, non direi mai "mai" ma, francamente, non penso che nessuno al Pentagono sarebbe disposto a obbedire a un simile ordine. Quindi no, un'invasione di terra non è nelle carte e, se mai diventasse un'opzione realistica, vedremmo prima un aumento massiccio dei livelli delle truppe statunitensi, stiamo parlando di diverse decine di migliaia, se non di più (a seconda del piano reale).
 
No, quello che gli Stati Uniti faranno se / quando attaccheranno l'Iran è ciò che Israele ha fatto in Libano nel 2006, ma in scala molto più ampia. Inizieranno con un numero enorme di attacchi aerei (missili e aerei) per colpire:
 
1.  Difese aeree iraniane
2.  Posti di comando iraniani e capi civili e militari iraniani
3.  Obiettivi simbolici (come installazioni nucleari e unità ad alta visibilità come l'IRGC)
4.  Marina iraniana e difese costiere
5.  Infrastrutture civili cruciali (centrali elettriche, ponti, ospedali, stazioni radio / TV, depositi di cibo, installazioni farmaceutiche, scuole, monumenti storici e, non dimentichiamolo, ambasciate straniere di paesi che sostengono l'Iran). La giustificazione che addurranno sarà la stessa usata per la Serbia: una "distruzione delle infrastrutture critiche del regime" (che c’è di nuovo ?!)
 
Quindi, nell’arco di 24-48 ore. il Presidente degli Stati Uniti andrà in onda annunciando al mondo che la "missione è compiuta" e che "LE MIGLIORI" forze militari della galassia hanno dato una lezione ai "Mullah". Ci saranno danze per le strade di Tel Aviv e Gerusalemme (fino al momento in cui i missili iraniani inizieranno a cadere dal cielo. A quel punto i balli saranno sostituiti da urla su un "Secondo Hitler" e "l’Olocausto").
 
Quindi si scatenerà l'inferno (ne ho discusso così spesso in passato che non entrerò nei dettagli qui).
 
In conclusione, voglio dire qualcosa di più personale sulla gente degli Stati Uniti.
 
In poche parole, ci sono due gruppi principali che ho osservato durante i miei molti anni di vita negli Stati Uniti.
 
Primo gruppo: gli imbecilli che guardano la TV pensano che le teste parlanti in quelle scatole idiote siano effettivamente dotate di conoscenze e competenze reali. Di conseguenza, il loro modo di pensare segue le seguenti linee: “sì, sì, dì quello che vuoi, ma se i mullah fanno una mossa sbagliata, li attaccheremo con armi nucleari; qualche bomba a neutroni si prenderà cura di questi negri della sabbia “. E se viene loro posta qualche domanda di carattere etico, la solita risposta è un "Si fottano! Hanno fatto casini coi ragazzi sbagliati, ora si prenderanno i calci in culo“.
 
Gruppo due: è un gruppo molto più silenzioso. Comprende sia persone che si considerano liberali che conservatori. Sono totalmente inorriditi e provano una rabbia silenziosa contro le élite politiche statunitensi. Amici, ci sono MOLTI statunitensi veri là fuori che sono veramente inorriditi da ciò che viene fatto in loro nome e che si sentono assolutamente impotenti a fare qualcosa al riguardo. Non conosco i giovani soldati che ora vengono inviati in Medio Oriente, ma conosco molti ex militari che sanno la verità sulla guerra e sui MIGLIORI militari della storia della galassia, e sono anche loro assolutamente inorriditi.
 
Non posso dire quale gruppo sia più grande, ma la mia sensazione è che il Gruppo Due sia molto più grande del Gruppo Uno. Potrei sbagliarmi.
 
Ora sto firmando ma cercherò di aggiornarvi non appena arrivano informazioni importanti.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020