Gilad Atzmon, 21 maggio 2021 (trad.ossin)
 
 
Israele e la parvenza di vittoria
Gilad Atzmon
 
Se vincere una battaglia militare significa raggiungere gli obiettivi militari che ci si era proposti, allora è stato Hamas a vincere l'attuale round di violenze con la sua primissima raffica balistica su Gerusalemme, dieci giorni fa. Israele invece non vincerà, non potrà vincere e non si sogna nemmeno di vincere. Come nei recenti "round", tutto ciò che Israele spera di ottenere è "una parvenza di vittoria". Nonostante la sua potenza militare e l'entusiasmo distruttivo, Israele non può prevalere militarmente perché non ricorda nemmeno quali siano i suoi obiettivi militari, o che aspetto abbiano
 
 
Negli ultimi sette decenni Israele ha lavorato incessantemente per dividere i Palestinesi, nel tentativo di smantellare la loro capacità di resistere come un unico popolo. Questo progetto ha avuto così tanto successo agli occhi degli Israeliani, che molti di loro hanno cominciato a credere che la causa palestinese fosse evaporata nel nulla. Ma poi, di punto in bianco (per quanto riguarda gli Israeliani), Hamas è riuscito a unire i Palestinesi in un pugno di resistenza unificato: martedì ogni Palestinese tra il fiume e il mare si è unito allo sciopero indetto da Hamas. Un simile sciopero collettivo e multisettoriale non si vedeva in Palestina dal 1936.
 
La vittoria militare non si misura dalla carneficina che infliggi al tuo nemico. Non si misura dal numero di vittime o dai palazzi residenziali che si riducono in polvere. Certo, non c'è paragone tra le capacità militari israeliane e la potenza di fuoco di Hamas. Israele è una delle forze militari tecnologicamente più avanzate al mondo. Hamas è indietro di decenni, eppure vince su Israele ad ogni round di violenze.
 
Il motivo è semplice. Gli obiettivi militari di Hamas sono semplici e modesti. Hamas si è impegnata a mantenere viva la resistenza. Adempie alla sua promessa. Raggiungendo questo obiettivo, Hamas si è posizionato come l'unificatore palestinese. Israele, d'altra parte, non può decidere i suoi obiettivi militari. Sentiamo il ministro della Difesa israeliano promettere di garantire la sicurezza agli Israeliani, ma Hamas gli dimostra che si sbaglia, continuando a far piovere su Israele razzi a un ritmo crescente. Israele si vanta dei suoi bombardamenti di precisione sui tunnel di Hamas, ma piuttosto cinicamente Hamas continua ad agire da tunnel che sembrano intatti e operativi.
 
Non bisogna essere un genio militare per capire che, per fermare Hamas, Israele avrebbe militarmente bisogno di dispiegare forze di terra e di impegnarsi in una feroce battaglia nelle strade di Gaza. Ma questa è esattamente l'unica cosa che l'esercito israeliano si rifiuta di fare, e per una serie di ottime ragioni. In primo luogo, gli Israeliani hanno paura di una battaglia casa per casa. In secondo luogo, Israele non vuole assumersi l’onere di controllare 2,5 milioni di abitanti di Gaza. Terzo, nessun capo militare israeliano è disposto ad affrontare l'implacabile brigata delle madri israeliane. Nella regione, tuttavia, la riluttanza di Israele a inviare soldati di fanteria a Gaza viene considerata sintomo di codardia e debolezza.
 
Per Israele, Gaza in particolare e la Palestina in generale sono una situazione senza vie di uscita.
 
Ma c'è un ragionamento più profondo dietro la situazione disperata di Israele. I decisori israeliani (sia politici, che militari) credono nel potere della deterrenza. Per gli Israeliani, il potere della deterrenza significa punire gli Arabi tanto pesantemente da togliere loro definitivamente ogni volontà di combattere. Per una ragione o per l'altra, gli Israeliani riescono a zigzagare goffamente attraverso la loro inquietante storia nella regione nel tentativo di trovare conferme a questa loro idea. Ad esempio, Israele cerca assolutamente di convincersi che, nonostante la vittoria militare riportata in Libano nel 2006, Hezbollah sia riluttante a entrare in un nuovo round di violenze con Israele, perché preoccupato delle conseguenze.
 
L'analisi della storia israeliana in realtà smentisce la dottrina israeliana. Quando gli Arabi vengono sconfitti e umiliati sul campo di battaglia, continuano a combattere finché non vincono. Quando gli Arabi vincono, spesso perdono la motivazione che li aveva spinto a combattere. Cercano talvolta la pace e l’armonia, in conformità con l'insegnamento islamico.
 
Nel 1967 Israele ha sconfitto 3 eserciti arabi in soli 6 giorni. Israele ha eseguito una perfetta operazione di guerra-lampo. L'aeronautica israeliana ha sorpreso e distrutto le forze aeree egiziane, giordane e siriane a terra in meno di quattro ore. Contemporaneamente, i Panzer israeliani facevano irruzione nel Sinai e, nel giro di poche ore, le forze egiziane sono crollate. L'umiliazione dell'esercito egiziano è stata senza precedenti in termini militari.
 
Se la dottrina israeliana avesse una qualche validità, l'Egitto non avrebbe dovuto più prendere in considerazione alcun progetto di confronto militare con Israele. Ma la realtà sul campo ha dimostrato il contrario. Solo pochi mesi dopo la sconfitta del giugno 1967, l'esercito egiziano lanciò una guerra di logoramento contro Israele, una guerra che esaurì le forze israeliane (inclusa l'aviazione). Nella guerra di logoramento (1967-70) l'Egitto mostrò nuove capacità, facendo affidamento sui nuovi missili terra-aria sovietici che cancellarono la superiorità aerea israeliana. Eppure Israele ha rifiutato di trarre le necessarie conclusioni. È stato accecato dall'arroganza che gli ha impedito di comprendere i suoi vicini e le loro intenzioni.
 
Il 6 ottobre 1973 (Yom Kippur) alle 14:00, l'Egitto e la Siria lanciarono un attacco coordinato contro le forze israeliane nel Canale di Suez e nelle alture del Golan. In poche ore i due eserciti arabi riuscirono a cancellare le linee di difesa israeliane. Pochi giorni dopo, e grazie a un ponte aereo statunitense ravvicinato, Israele si riprese. Ha riguadagnato la terra perduta nelle alture occupate del Golan ed è persino riuscito a conquistare un nuovo territorio in Siria. Nel sud, Israele è riuscito a stabilire una testa di ponte sul Canale di Suez. Ha circondato il 3 ° esercito egiziano, tagliando le sue linee di rifornimento. Ma Israele non è riuscito a respingere il 3 ° e il 2 ° esercito egiziano. L'esercito egiziano pose fine alla guerra, rivendicando una stretta striscia del Sinai. Fu questa vittoria che consentì ad Anwar Sadat di lanciare un'iniziativa di pace quattro anni dopo (1977).
 
Hafez al-Assad, il leader siriano dell'epoca, non è riuscito a rivendicare alcuna vittoria. La Siria è rimasta un nemico convinto di Israele. È ragionevole ipotizzare che, se ad Assad fosse stato permesso di aggrapparsi ad alcune delle sue conquiste territoriali nell'ottobre '73, Israele e Siria avrebbero potuto procedere verso ulteriori colloqui di riconciliazione.
 
La stessa logica può essere applicata a Hezbollah. Il movimento di resistenza sciita libanese è riluttante a combattere Israele non perché abbia paura delle conseguenze, come si illudono gli Israeliani, ma perché ha già vinto in modo significativo sull'IDF. Una guerra con Israele è pericolosa per Hezbollah, non perché Israele farà del suo meglio ancora una volta per distruggere le infrastrutture libanesi e radere al suolo mezza Beirut, ma perché non si può prevedere l'esito di una tale guerra. Ed Hezbollah si è già guadagnata la fama di una forza militare araba che ha fatto scappare gli Israeliani a casa con la coda tra le gambe (2006).
 
Ci si potrebbe chiedere se gli strateghi israeliani siano così ottusi da non capire aspetti evidenti del modo di pensare dei loro vicini, e che cosa alimenti la loro permanente ansia di combattere. Può ovviamente essere possibile che i decisori israeliani non amino la pace come alcuni di noi vogliono credere. In fondo, Gaza è il luogo in cui Israele mette alla prova le sue nuove armi e tattiche. I razzi di Gaza sono un ingrediente necessario nelle pubbliche relazioni dell'Iron Dome. Ancora più importante, la crisi di Gaza è scoppiata quando Netanyahu si trovava politicamente in un vicolo cieco. È stato l'attuale conflitto a Gaza che ha placato le polemiche politiche in Israele, rafforzando il ruolo dell’estrema destra. Questa guerra ha reso più forti sia Netanyahu che Hamas.
 
Sarebbe giusto sostenere che Hamas opera all'interno della percezione modernista dei conflitti ideata da Carl von Clausewitz. Per il filosofo militare tedesco "la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi". Nell'Israele "postmodernista", sembra invece che la guerra sia uno dei mezzi che tiene fuori dalla prigione alcuni politici.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021