mintpressnews, 18 agosto 2021 (trad.ossin)
 
La novità è che sempre più Ebrei statunitensi criticano Israele
Ramzy Baroud
 
Israele è a un bivio. Può riconquistare il sostegno degli Ebrei statunitensi solo se abbandona del tutto il sionismo, o dovrà farne a meno e puntare solo sugli evangelici. In effetti, alcuni alti funzionari israeliani stanno già sostenendo quest'ultima opzione
 
L'attivista JVP Judith Butler protesta contro l'aggressione militare israeliana a Gaza Foto | Jewish Voice for Peace
 
Un dibattito riservato ma cruciale su Israele e Palestina si è sviluppato al di fuori del discorso tradizionale del colonialismo israeliano e della lotta di liberazione palestinese. È un dibattito imbarazzante e difficile – per quanto tardivo – sul rapporto tra Ebrei statunitensi e Israele, e sul loro impegno a sostegno dell’ideologia sionista.
 
Per molti anni, Israele ha eluso il problema bollando gli Ebrei che non sostengono Israele o, peggio, sostengono i diritti dei Palestinesi, come "Ebrei che odiano se stessi". Questo termine, designato per descrivere gli Ebrei dissidenti antisionisti, è una variante dell’accusa di "antisemitismo" mossa contro i non ebrei, compresi gli Arabi semiti, che osano criticare Israele. Il giochino, tuttavia, non è più efficace come una volta.
 
Questi ultimi anni hanno dimostrato inequivocabilmente che cresce un’ostilità silenziosa contro Israele all'interno della comunità ebraica statunitense. È qualcosa che cova da molto tempo, ma solo di recente i numeri hanno iniziato a confermare questo fenomeno nuovo che vede gli Ebrei statunitensi, specie le generazioni più giovani, apertamente dissociarsi dal conformismo ebraico nei confronti di Israele e del sionismo.
 
Nell'ultimo decennio o giù di lì, questa nuova realtà ha creato allarme in varie istituzioni sioniste, sia negli Stati Uniti che nello stesso Israele.
 
Diversi sondaggi d'opinione e inchieste giungono tutti alla stessa indiscutibile conclusione, che il rapporto emotivo e politico tra Israele e gli Ebrei statunitensi si sta rapidamente deteriorando. Un sondaggio pubblicato da Laszlo Strategies for Jerusalem U nell'agosto 2013, ad esempio, ha rilevato che l'87 percento degli Ebrei statunitensi di età superiore ai 50 anni concordava fermamente sul fatto che "prendermi cura di Israele è una parte molto importante del mio essere ebreo", ma che solo il 66 Il % dei giovani ebrei di età compresa tra 18 e 29 anni condivideva tale sentimento.
 
Altri sondaggi hanno registrato che il numero di giovani ebrei fortemente favorevoli a Israele continua a diminuire. Un sondaggio particolarmente significativo e importante è stato quello dell'American Jewish Committee del giugno 2018. Era il momento in cui l'alleanza USA-Israele aveva raggiunto il suo apice durante la presidenza di Donald Trump e Benjamin Netanyahu. Sebbene il 77% di tutti gli Israeliani approvasse la gestione delle relazioni USA-Israele da parte del governo degli Stati Uniti, solo il 34% degli Ebrei statunitensi era d’accordo. In effetti, il 57 percento degli Ebrei statunitensi disapprovava apertamente le politiche di Trump, che pure aveva accontentato tutte le richieste e i desiderata di Israele.
 
La traiettoria discendente è proseguita senza sosta. Una ricerca del Pew del maggio 2021 ha indicato che un Ebreo statunitense su cinque ritiene che gli Stati Uniti siano "troppo favorevoli a Israele". Coloro che la pensano in questo modo, il 22% della popolazione ebraica statunitense, sono raddoppiati di numero rispetto ad un precedente sondaggio pubblicato nel 2013.
 
 
I dati registrati nel sondaggio di cui sopra, sebbene pubblicati durante il micidiale attacco israeliano a Gaza (10 - 21 maggio), erano stati in realtà raccolti tra il 2019 e il 2020. Il numero di Ebrei statunitensi non favorevoli deve essere aumentato da allora, per una chiara correlazione tra le guerre israeliane che hanno provocato massicce vittime civili e la disaffezione in corso degli Ebrei statunitensi verso Israele.
 
Libby Lenkinski, vicepresidente del New Israel Fund, ha dichiarato alla rivista Rolling Stone di vedere un "notevole cambiamento nella percezione statunitense" della   Palestina e di Israele a partire dalla micidiale guerra israeliana a Gaza nel 2014, una guerra che ha ucciso oltre 2.200 Palestinesi. Secondo Lenkinski, la percezione degli Ebrei statunitensi dovrebbe seguire un paradigma etico. “È una questione morale. È giusto o sbagliato", ha detto.
 
Sentimenti simili sono emersi dopo la guerra del maggio 2021, nel corso della quale sono stati uccisi oltre 260 Palestinesi. In un articolo recente, la scrittrice ebrea statunitense, Marisa Kabas, spiega il dilemma che ha travagliato molti nella comunità ebraica statunitense riguardo a Israele. "Giacché hanno ridotto il conflitto ad un’unica alternativa - o si sostiene Israele o si sostiene la sua distruzione - a molti di noi è sembrato un tradimento anche solo prendere in considerazione le ragioni dell’altra parte". Per merito di personaggi come Kabas e Lenkinski e numerosi altri, l'"altra parte" è finalmente visibile, con conseguente evidente cambiamento nella percezione e nelle relazioni degli Ebrei statunitensi con Israele.
 
Mentre si stanno aprendo maggiori spazi per gli Ebrei statunitensi dissenzienti, il dibattito in Israele resta chiuso e si preoccupa poco di etica e moralità.
 
Di recente, l'idea che Israele stia perdendo il sostegno degli Ebrei statunitensi è stata percepita dai principali partiti politici del paese, che si sono accapigliati per stabilire di chi fosse la colpa di un simile cambiamento sismico. Netanyahu è stato spesso ritenuto responsabile di aver reso Israele una questione politica statunitense di parte, a causa della sua alleanza con Trump e il Partito Repubblicano, a scapito delle relazioni di Israele con i Democratici.
 
Tuttavia, la storia d'amore Netanyahu-Trump non è stata così semplice come i critici di Netanyahu vorrebbero far credere. In effetti, la percezione di Israele è cambiata nella società statunitense. L'idea che Israele sia un piccolo Stato che appare vulnerabile di fronte alle minacce esistenziali dei nemici arabi, tanto diffusa in passato, è oramai quasi del tutto superata. Il nuovo concetto che oggi Israele vende agli Stati Uniti è quello di un Israele biblico, un luogo di profezie e di salvezza spirituale, che fa appello soprattutto ai gruppi cristiani evangelici di destra. I giovani Ebrei statunitensi, molti dei quali sostengono Black Lives Matter e persino i movimenti di boicottaggio palestinese, hanno poco in comune con i fanatici sostenitori statunitensi di Israele.
 
Israele è ora a un bivio. Può riconquistare il sostegno degli Ebrei statunitensi solo se si comporta in modo coerente con il loro quadro morale di riferimento. Quindi, dovrebbe porre fine alla sua occupazione militare, smantellare il suo regime di apartheid e abrogare le sue leggi razziste. In particolare, dovrebbe abbandonare del tutto il sionismo, o fare a meno del sostegno degli Ebrei statunitensi in favore di una completa dipendenza dagli evangelici. In effetti, alcuni alti funzionari israeliani stanno già sostenendo quest'ultima opzione.
 
Il 9 maggio, l'ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Ron Dermer, ha sostenuto che, poiché i cristiani evangelici sono la "spina dorsale del sostegno a Israele negli Stati Uniti", Israele dovrebbe dare la priorità al loro sostegno "appassionato e inequivocabile" rispetto agli Ebrei statunitensi che sono “in numero sproporzionato tra i nostri critici”.
 
Se Israele opta ufficialmente per questa scelta, forse senza altra opzione praticabile, allora una rottura tra Israele e gli Ebrei statunitensi diventa inevitabile. Per quanto riguarda la giustizia e la libertà per il popolo palestinese, sarebbe una buona cosa.

 

Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021