ProfileLe Guerre dell'Impero in declino, 30 gennaio 2022 - Il presidente ucraino Vlodymyr Zelensky (nella foto) ha deciso che l'Ucraina non può sacrificarsi per assecondare le strategie dell'Impero anglosionista. Probabile che verrà presto sostituito...   

 

Moon of Alabama, 28 gennaio 2022 (trad.ossin)
 
Perché Washington abbandonerà presto il presidente ucraino Zelensky
Moon of Alabama
 
Gli Stati Uniti hanno risposto alle proposte di sicurezza presentate dalla Russia, articolate in due bozze di trattati. Hanno respinto tutte quelle più importanti e si sono detti disposti a negoziare solo su questioni secondarie. La Russia risponderà entro poche settimane
 
 
Il presidente ucraino Vlodymyr Zelensky 

Nel frattempo gli Stati Uniti continuano a dire che la Russia intende attaccare l'Ucraina da un momento all'altro. Ma il presidente ucraino Vlodymyr Zelensky ha reso pubblico il suo dissenso con questa falsa valutazione. Non ritiene che una guerra sia imminente e vuole evitarla il più possibile. Ciò potrebbe significare che bisognerà rimuoverlo se si vuole che scoppi una guerra. 
 
Alastair Crooke inserisce tutto questo nella più ampia strategia statunitense:
 
L’essenza della risposta in termini di sicurezza della Cina agli Stati Uniti è legata a due parole che non vengono dichiarate nei documenti politici formali statunitensi, ma la cui presenza silenziosa tuttavia pervade e dà al senso al testo del National Defense Authorization Act del 2022.
 
In esso, il termine 'contenimento' non compare mai, né la parola 'accerchiamento'. Eppure, come scrive il professor Michael Klare, la legge “contiene un progetto dettagliato per circondare la Cina con una rete potenzialmente soffocante di basi statunitensi, forze militari e Stati partner sempre più militarizzati. L'obiettivo è quello di consentire a Washington di chiudere le forze armate cinesi all'interno del proprio territorio; e potenzialmente paralizzare la sua economia in qualsiasi crisi futura”.
 
L'attuale tentativo di isolare la Russia fa parte dello schema generale:
 
Il punto qui è che "accerchiamento" e "contenimento" sono effettivamente diventati la politica estera predefinita di Biden. Il tentativo di cementare questa meta-dottrina attualmente viene attuato attraverso la Russia (come passo iniziale). Il “pezzo forte” per l’Europa è di ottenere il contenimento fisico e l'accerchiamento della Russia.
L'UE sta subendo forti pressioni da parte di Washington affinché si impegni ad applicare sanzioni - la "modalità" finanziaria di accerchiamento – mentre invece i funzionari dell'UE negoziano quella che potremmo considerare la loro "linea rossa". Jake Sullivan, invece, ha chiarito la nuova dottrina e ciò che si aspetta dall'Europa lo scorso novembre, quando ha detto: “vogliamo che le regole del sistema [internazionale] siano favorevoli agli interessi e ai valori statunitensi: è questo piuttosto, un contesto favorevole nel quale gli Stati Uniti e i loro alleati possano stabilire le regole internazionali di comportamento nel tipo di questioni che fondamentalmente avranno importanza per il popolo [statunitense] …”.
 
È qualcosa oramai abbastanza chiaro e fa ridere il fatto che gli Stati Uniti vorrebbero che la Cina spingesse la Russia ad accettare quanto propongono gli Stati Uniti. Pechino dovrebbe fare questo, per poi diventare il prossimo obiettivo?
 
Ho scritto che non vi è alcuna minaccia di un'invasione russa dell'Ucraina. Altri sono giunti a conclusioni simili:
 
L'idea che la Russia stia ammassando truppe con l'intento di attaccare è smentita dai fatti. Per prima cosa, è normale che la Russia abbia dei soldati in prossimità dei suoi confini. Coloro che vogliono dipingere la Russia come pronta all’invasione, prendono in considerazione anche unità militari troppo lontane per far parte di una forza d'attacco. Inoltre, per quanto non si abbiano dati precisi, non vi è stata una mobilitazione massiccia (dell'ordine di 100.000 soldati) ed essa vi è stata all'inizio del 2021, contrariamente alle affermazioni di aumenti aggressivi in ottobre e novembre. Inoltre, la Russia non ha messo in atto il supporto logistico necessario per il combattimento, come le squadre mediche. Al contrario, il primo segno che gli Stati Uniti erano seriamente intenzionati a invadere l'Iraq è stato quando hanno cominciato a posizionare navi ospedale nove mesi prima dell'attacco.
 
Gli Stati Uniti vogliono "proteggere" l'Europa come forza sostitutiva che può essere utilizzata contro Russia e Cina. Il modo per farlo è spingere la Russia a invadere l'Ucraina e poi proclamare che sta "minacciando l'Europa". Di conseguenza il gasdotto Nord-Stream 2, da cui dipende la sicurezza energetica della Germania, non verrebbe mai utilizzato per fornire gas dalla Russia. L'economia europea vacillerebbe e diventerebbe più dipendente dagli Stati Uniti. L’Europa finirebbe col trovarsi sotto il pieno controllo della NATO, e potrebbe quindi essere indotta a partecipare ai progetti di isolamento della Cina.
 
Ma come possono gli Stati Uniti spingere la Russia a invadere l'Ucraina? Gli eventi della primavera dello scorso anno hanno dimostrato come si può fare:
 
Il 24 marzo scorso, il presidente ucraino ha decretato che l'Ucraina avrebbe ripreso la Crimea dalla Russia, con "misure militari" per ottenere la "fine dell’occupazione". Gli Stati Uniti e la NATO hanno espresso sostegno "incrollabile".
 
Ad aprile la NATO ha sostenuto un'offensiva ucraina nella sua guerra civile contro i separatisti alleati russi nelle province orientali, Donetsk e Luhansk. È stato a questo punto che la Russia ha spostato più truppe ai suoi confini con l'Ucraina, per segnalare che avrebbe difeso i suoi alleati.
 
Quando ha visto che la Russia avrebbe risposto con la forza, Zelensky ha mutato programma.
 
L'idea a Washington è che, se gli Stati Uniti riuscissero a convincere l'Ucraina ad attaccare la regione del Donbas, la Russia dovrebbe intervenire almeno fornendo aiuti ai ribelli del Donbas. Con l'aiuto dei media il discorso di una "invasione russa" diventerebbe allora realtà. Farebbe scattare sanzioni "occidentali" e la Russia sarebbe isolata.
 
Tuttavia, la leadership ucraina sa cosa accadrebbe se attaccasse il Donbas e attualmente non ha alcun interesse a combattere per assecondare gli scopi strategici statunitensi, senza alcuna possibilità di vincere.
 
Durante una conferenza stampa a fine dicembre, il presidente ucraino Zelensky ha respinto i piani per riprendere il Donbas con la forza (traduzione automatica):
 
Il discorso diretto di Zelensky: "La probabilità di escalation (al confine e nell'ORDLO da parte della Russia - ndr)
Penso che quelle forze politiche che dicono che dobbiamo sferrare (un'offensiva - UE), fare la guerra, sembra, non immaginano e non pensano... Più precisamente, non conoscono lo stato del nostro esercito.
 
Non andremo da nessuna parte ora. Credo che la vita delle persone sia la cosa più importante. Non possiamo perdere il nostro intero esercito. È potente, ci vorrà più di... Ma... Oggi è impossibile. Penso che oggi sia sbagliato".
 
La Casa Bianca, tuttavia, sta esortando Zelensky a lanciare una guerra. Che lui resista è diventato evidente quando l'agitatrice anti-russo Julia Ioffe è stata inviata a distruggerlo:
 
Moon of Alabama@MoonofA - 8:16 UTC · 27 gennaio 2022
La Casa Bianca esorta Zelensky ad attaccare i ribelli del sud-est ma lui resiste?
 
Tweet citato:
 
Julia Ioffe @juliaioffe · 25 gennaio
"La Casa Bianca e i suoi alleati democratici ne hanno quasi le tasche piene del presidente Zelensky. Secondo tre fonti nell'amministrazione e di Capitol Hill, il presidente ucraino è fastidioso, irritante e addirittura controproducente". All'interno della partita a scacchi Biden-Putin
 
Dall’articolo diffamatorio di Ioffe :
 
Per quanto l'amministrazione Biden abbia appoggiato l'Ucraina, la Casa Bianca e i suoi alleati democratici ne hanno abbastanza del presidente Zelensky. Secondo tre fonti dell'amministrazione e di Capitol Hill con cui ho parlato negli ultimi due mesi, il presidente ucraino è fastidioso, irritante e addirittura controproducente.
...
C'è la sensazione che Zelensky non sia molto bravo a navigare nella politica statunitense e stia pestando tutti i piedi sbagliati. Forse è perché sta freneticamente cercando di salvare il proprio paese; forse è perché l'ex star della TV non ha alcuna preparazione o formazione geopolitica. È anche, sfortunatamente, la difficile situazione di un paese intrappolato tra due colossi che combattono per il suo destino. Supplicare mantenendo la dignità è già abbastanza difficile; farlo senza infastidire il tuo sostenitore geopolitico è ancora più difficile.
 
I discorsi statunitensi sulla guerra in Ucraina stanno distruggendo la sua economia. Zelensky sta cercando di minimizzare tutti i discorsi sulla guerra, proprio mentre gli Stati Uniti li stanno promuovendo. Ecco un altro segno che Zelensky non è disposto a fare ciò che gli Stati Uniti gli chiedono:
 
Una telefonata tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky giovedì "non è andata bene", ha detto alla CNN un alto funzionario ucraino, tra disaccordi sui "livelli di rischio" di un attacco russo.
...
Zelensky ha esortato la sua controparte statunitense ad "attenuare la tensione", avvertendo dell'impatto economico prodotto dal panico, secondo il funzionario. Ha anche affermato che l'intelligence ucraina vede la minaccia in modo diverso.
Il leader ucraino ha indicato una recente svolta nei negoziati con la Russia a Parigi, dicendo di sperare che un accordo di cessate il fuoco con i ribelli nell'Ucraina orientale potrebbe essere mantenuto. Ha anche affermato che occorrono ancora altri colloqui tra Stati Uniti, Russia e NATO, prima di considerare esauriti gli sforzi diplomatici, ha affermato il funzionario.
 
Poiché Zelensky non è disposto a eseguire gli ordini di Washington, deve essere cacciato.
 
Zelensky è in una posizione debole. La sua popolarità nei sondaggi è in calo. Gli Stati Uniti lo tengono per le palle sui suoi conti offshore e sul riciclaggio di denaro. Il suo tentativo di arrestare l'ex presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko, recentemente tornato in Ucraina, è stato bloccato dall'ambasciata statunitense. Il fatto che gli Stati Uniti abbiano fatto tornare Poroshenko in Ucraina, lascerebbe pensare ad una strategia di sostituzione.
 
Leonid Ragozin ritiene che sia così :
 
Nel corso dell’intero anno, Zelenskiy è stato costretto a dedicare molto tempo e attenzione a un tentativo della parte radicale degli apparati di sicurezza, vicina a Poroshenko, di avviare un processo di impeachment, puntando sul cosiddetto affare Wagnergate. Hanno affermato che Zelenskiy ha commesso un atto di tradimento quando ha bloccato, all’ultimo momento, un piano folle, ordito dall'intelligence militare ucraina, che prevedeva l'atterraggio forzato di un aereo civile turco che trasportava mercenari del famigerato gruppo russo Wagner. La vicenda ha provocato un'aperta ribellione da parte del capo dell'intelligence militare, che Zelenskiy ha dovuto reprimere a settembre.
Quando gli Stati Uniti sono entrati in modalità di allerta rossa per l'"imminente" aggressione russa, Zelenskiy era chiaramente più preoccupato per la politica interna e la minaccia di un colpo di Stato. Il suo messaggio è diventato confuso quando ha cercato di collegare i suoi nemici, come l'oligarca Rinat Akhmetov e l'ex presidente Poroshenko, alla Russia, quando era evidente che, se dietro di loro c'era una grande potenza, dovevano essere gli Stati Uniti d'America.
 
Akhmetov è uno dei principali sponsor dell’Atlantic Council. La pressione militante della piazza, che sostiene Poroshenko e mantiene viva la minaccia di un nuovo Maidan, è guidata da Andriy Levus, un attivista ed ex funzionario della sicurezza direttamente legato alle organizzazioni della diaspora create dai collaboratori nazisti che hanno trovato rifugio in Nord America sotto gli auspici del CIA.
 
Gli Ucraini hanno motivo di sospettare che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, con la loro retorica radicale non giustificata dal reale livello di minaccia, oltre al loro entusiasmo per i "coraggiosi ucraini" che combattono e muoiono per la causa occidentale, siano pronti a gettare l'Ucraina sotto l'autobus in modo da impantanare la Russia in una guerra devastante. La visione di “una nuova guerra cecena” è stata evocata dal premier britannico Boris Johnson. L'ex funzionario dell'amministrazione Obama, Evelyn Farkas, è arrivata al punto di chiedere agli Stati Uniti di formare una nuova "coalizione di volenterosi", e di impegnarsi in un conflitto diretto con la Russia per l'Ucraina.
 
Zelenskiy ha anche buone ragioni per credere che i suoi alleati lo vedano come un ostacolo.
 
Inoltre Zelensky potrebbe non essere necessario :
 
Una provocazione sotto falsa bandiera contro i ribelli filo-russi dell'Ucraina orientale, o persino convincere elementi filo-statunitensi dell'intelligence militare di quel paese ad attaccarli senza l'approvazione del presidente Zelensky, è tutto ciò che potrebbe servire per innescare una guerra regionale.
...
Zelensky, nel frattempo, cerca ancora di dare un’impressione di calma e di controllo della situazione, nonostante abbia chiaramente sempre più motivi di inquietudine e la situazione gli sfugga dalle mani. I recenti rapporti dell'Occidente, secondo cui la Russia sta tramando un cambio di regime contro di lui, potrebbero effettivamente avere lo scopo di preparare l'opinione pubblica ad accettare la sua rimozione in un modo o nell'altro, anche attraverso uno scenario in cui gli Stati Uniti starebbero a guardare mentre viene rovesciato dall'opposizione, o anche dal suo proprio esercito. Il suo sacrificio, forse in senso letterale, potrebbe essere considerato necessario per galvanizzare l'opinione globale contro la Russia.
 
Per scatenare la guerra che gli Stati Uniti vogliono iniziare, è necessario lanciare nell'Ucraina orientale una provocazione abbastanza significativa da innescare una guerra più ampia. O lo fa, o Zelensky deve essere sostituito con qualcuno che è disposto a sacrificare l'Ucraina attaccando apertamente il Donbas.
 
La mia ipotesi è che Zelensky sarà presto rovesciato da un colpo di Stato nazista militante, e che verrà trovato un volontario pronto a sostituirlo. Lui stesso ha avvertito oggi che potrebbe accadere:
 
Il presidente ha detto di aver visto grande fermento nelle piazze delle città ucraine. "Ora non c’è più nessuno e la calma sta tornando per le strade, la gente è di fronte all'ufficio del Presidente o ha bloccato il Parlamento. Non si preoccupano del COVID-19. Sono impegnati nelle incombenze opportunistiche quotidiane, la divisione del nostro Stato", ha detto il capo dello Stato.
 
Dopo un colpo di Stato, la guerra contro il Donbas potrebbe finalmente procedere. La Russia sarà quindi accusata di combatterla e verranno applicate sanzioni per tagliarla fuori dall'Europa.
 
Ma c'è ancora una parte del piano che difficilmente funzionerà. Gli Stati Uniti sperano che la Russia risponda a una guerra contro il Donbas nel modo in cui ha minacciato di rispondere la scorsa primavera. Sperano che la Russia attacchi l'Ucraina o possa essere vista come se lo stesse facendo. Quel piano, tuttavia, sottovaluta uno degli attori principali del gioco. 
 
La Russia non vuole interpretare il ruolo che gli Stati Uniti hanno scritto per lei nella sceneggiatura. Almeno non secondo le regole che gli Stati Uniti cercano di inventare:
 
Andrey Kartapolov, presidente del Comitato di difesa della Duma di Stato:
 
L'Occidente sta facendo di tutto per costringere Zelensky a fare un'altra cosa stupida. È chiaro che hanno già incolpato la Russia di tutto. E non cambieranno idea.
 
Ma non capiscono una cosa: il grado di dolore che sperimenteranno sarà adeguato al grado di stupidità che stanno adesso dimostrando.
 
Hanno bisogno di una guerra, hanno bisogno che l’Ucraina si sacrifichi. Perché poi possano dire: guarda, abbiamo fermato Putin.
 
Gli anglosassoni amano le guerre che vengono combattuto da altri, non da loro, poi loro arrivano a scremare la crema.
 
Putin non agirà mai secondo il loro scenario. Farà tutto come non si aspettano. E lo ripeto ancora una volta: si faranno molto male.
 
Non ho idea a quale capacità russa alluda Kartapolov.
 
Gli Stati Uniti hanno risposto all'ultimatum della Russia presentato a metà dicembre nella forma di due bozze di trattati. Hanno respinto tutte le richieste principali della Russia: niente Ucraina alla Nato, niente armi nucleari nelle vicinanze, ecc. Gli Stati Uniti hanno offerto colloqui su questioni secondarie. Ciò, tuttavia, è insufficiente per la Russia. Arriverà una risposta dalla Russia, ma non oggi né domani.
 
Nessuno sa in cosa significhino davvero le misure "tecniche militari" che la Russia ha promesso di implementare se gli Stati Uniti non avessero accettato le sue richieste.
 
Tuttavia, questo rapporto non confermato afferma che la Russia schiererà presto quasi tutta la sua marina (video):
 
Nel giro di poche settimane gli ormeggi delle basi principali delle flotte del Nord, del Pacifico, del Mar Nero e del Baltico saranno quasi vuoti. Secondo il Ministero della Difesa russo, alla fine di gennaio e a febbraio, quasi tutte le navi, i sottomarini, le barche e le navi di supporto pronte al combattimento saranno - ovviamente secondo un piano unico - simultaneamente dirottati verso campi di addestramento al combattimento nel Mediterraneo, nel Nord, nei mari di Okhotsk, nelle parti nord-orientali dell'Atlantico e del Pacifico.
 
Quali potrebbero essere le intenzioni dello Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa?
 
Questa è un'altra buona domanda alla quale non ho risposta.
 

 

Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022