ProfileLe guerre dell'Impero in declino, 6 marzo 2022 - Solo l'autosufficienza permette una totale indipendenza. Si tratta di qualcosa che è stato ben compreso dal sud del mondo...    

 

Strtegic Culture, 4 marzo 2022 (trad.ossin)
 
Come la Russia reagirà alla dichiarazione di guerra USA/UE
Pepe Escobar 
 
Solo l'autosufficienza permette una totale indipendenza. Si tratta di qualcosa che è stato ben compreso dal sud del mondo
 
 
Uno dei temi chiave alla base del combinato Russia/Ucraina/NATO è che l'Impero delle bugie (copyright Putin) è stato scosso fino al midollo dai possibili effetti combinati dei missili ipersonici russi e di uno scudo difensivo in grado di bloccare i missili nucleari in arrivo dall’ Ovest, ponendo così fine alla Mutually Assured Destruction (MAD)
 
Ciò ha spinto gli Statunitensi a rischiare quasi una guerra calda per poter piazzare missili ipersonici che ancora non hanno ai confini occidentali dell'Ucraina, e piazzarsi quindi a tre minuti da Mosca. Per questo, ovviamente, hanno bisogno dell'Ucraina, così come della Polonia e della Romania nell'Europa orientale.
 
In Ucraina, gli Statunitensi sono determinati a combattere fino all'ultima goccia di sangue europeo, se servirà. Questo potrebbe essere l'ultimo lancio (nucleare) di dadi. Il penultimo tentativo disperato di costringere la Russia alla sottomissione è quello di ricorrere alla restante ed effettiva arma di distruzione di massa statunitense: SWIFT.
 
Eppure quest'arma può essere facilmente neutralizzata con una rapida scelta di autosufficienza.
 
Con il contributo essenziale dell'inestimabile Michael Hudson ho delineato le possibilità per la Russia di resistere alla tempesta delle sanzioni. Senza nemmeno tenere in considerazione l'intera portata della "difesa della scatola nera" della Russia - e delle possibilità di contrattacco - come delineato da John Helmer nella sua introduzione a un saggio che annuncia nientemeno che Il ritorno di Sergei Glaziev.
 
Glaziev, ovviamente detestato nei circoli atlantisti, è stato un consigliere economico chiave del presidente Putin ed è ora il ministro per l'integrazione e la macroeconomia dell'Unione economica eurasiatica (EAEU). È sempre stato un feroce critico della Banca centrale russa e della banda di oligarchi strettamente legata alla finanza anglo-statunitense.
 
Il suo ultimo saggio, Sanctions and Sovereignty, originariamente pubblicato da expert.ru e tradotto da Helmer, merita un attento esame.
 
Questo è uno dei punti chiave:
 
“Le perdite russe di PIL potenziale, dal 2014, ammontano a circa 50 trilioni di rubli. Ma solo il 10% di essi può essere spiegato con sanzioni, mentre l'80% è stato il risultato della politica monetaria. Gli Stati Uniti traggono benefici dalle sanzioni anti-russe, sostituendo, con le loro, l'esportazione di idrocarburi russi verso l'UE e la Cina e sostituendo l'importazione di merci europee da parte della Russia. Potremmo compensare completamente le conseguenze negative delle sanzioni finanziarie se la Banca di Russia rispettasse il suo dovere costituzionale di garantire un tasso di cambio del rublo stabile, e non le raccomandazioni delle organizzazioni finanziarie di Washington".
 
De-offshore o fallimento
 
Glaziev raccomanda essenzialmente:
 
- Una “vera de-offshorizzazione dell'economia”.
 
- “Misure per inasprire la regolamentazione valutaria al fine di fermare l'esportazione di capitali ed espandere i prestiti mirati alle imprese che necessitano di finanziare investimenti”.
 
- “Tassazione della speculazione valutaria e delle transazioni in dollari ed euro nel mercato interno”.
 
- "Seri investimenti in ricerca e sviluppo per accelerare lo sviluppo della nostra base tecnologica nelle aree colpite dalle sanzioni, in primis l'industria della difesa, l'energia, i trasporti e le comunicazioni".
 
- E, ultimo ma non meno importante, "la de-dollarizzazione delle nostre riserve valutarie, sostituendo il dollaro, l'euro e la sterlina con l'oro".
 
La Banca centrale russa sembra ascoltare. La maggior parte di queste misure sono già in atto. E ci sono segnali che Putin e il governo siano finalmente pronti a prendere per le palle l'oligarchia russa e costringerla a condividere rischi e perdite in un momento estremamente difficile per la nazione. Addio allo stoccaggio di fondi prelevati dalla Russia offshore e a Londongrad.
 
Glaziev è il vero affare. Nel dicembre 2014 ero a una conferenza a Roma, e Glaziev si è unito a noi al telefono. Rileggendo poi un articolo che scrissi all'epoca, tra Roma e Pechino, sono rimasto sbalordito: è come se Glaziev parlasse letteralmente oggi.
 
Mi permetto di citare due paragrafi:
 
“Al simposio, tenuto in un ex refettorio domenicano del XV secolo affrescato divinamente, ora parte della biblioteca del Parlamento italiano, Sergey Glaziev, al telefono da Mosca, ha dato una lettura cruda della Guerra Fredda 2.0. Non c'è un vero “governo” a Kiev; chi governa davvero è l'ambasciatore degli Stati Uniti. Una dottrina anti-russa è stata ordita a Washington per fomentare la guerra in Europa – e i politici europei ne sono complici. Washington vuole una guerra in Europa perché sta perdendo la concorrenza con la Cina”.
 
“Glaziev ha parlato della stupidità delle sanzioni: la Russia sta cercando contemporaneamente di riorganizzare la politica del Fondo monetario internazionale, combattere la fuga di capitali e ridurre al minimo l'effetto della chiusura delle linee di credito delle banche per molti uomini d'affari. Eppure il risultato finale delle sanzioni, dice, è che l'Europa sarà la perdente finale dal punto di vista economico; la burocrazia europea ha perso di vista i propri interessi economici, quando i geopolitici statunitensi hanno preso il sopravvento".
 
Paghiamo la "tassa sull'indipendenza"
 
A Mosca sembra mergere un consenso sul fatto che l'economia russa si stabilizzerà rapidamente, poiché ci sarà una carenza di personale per l'industria e sarà necessaria molta mano d’opera in più. Quindi niente disoccupazione. Potrebbero esserci carenze, ma nessuna inflazione. Le vendite di beni di lusso – occidentali – sono già state ridotte. I prodotti importati saranno posti sotto controllo dei prezzi. Tutti i rubli necessari saranno disponibili attraverso il controllo dei prezzi, come è successo negli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale.
 
Potrebbe esserci un'ondata di nazionalizzazione dei beni. ExxonMobil ha annunciato che si ritirerà dal progetto Sakhalin-1 da 4 miliardi di dollari (avevano già mollato Sakhalin-2, ritenuto troppo costoso), capace di produrre 200.000 barili di petrolio al giorno, dopo che BP e la norvegese Equinor hanno annunciato il ritiro dai progetti con Rosneft. La BP stava effettivamente sognando di prendere tutta la partecipazione di Rosneft.
 
Secondo il primo ministro Mikhail Mishustin, il Cremlino sta ora bloccando le vendite di asset da parte di investitori stranieri che cercano di disinvestire. Parallelamente, Rosneft, ad esempio, è destinata a raccogliere capitali da Cina e India, già investitori di minoranza in diversi progetti, e riacquistarli al 100%: un'ottima opportunità per il business russo.
 
Ciò che potrebbe essere interpretato come la Madre di tutte le contro-sanzioni non è stato ancora annunciato. Lo stesso vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha accennato che tutte le opzioni sono sul tavolo.
 
Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, incanalando la pazienza di 10.000 monaci taoisti, aspettandosi ancora che l'attuale isteria svanisca, descrive le sanzioni come "una specie di tassa sull'indipendenza", con i paesi che impediscono alle loro aziende di lavorare in Russia esercitando "un'enorme pressione. "
 
Non sono esclusi però i contrattacchi letali. Oltre a de-dollarizzare completamente – come raccomanda Glaviev – la Russia potrebbe vietare l'esportazione di titanio, terre rare, combustibili nucleari e, già di fatto, motori a razzo.
 
Mosse molto tossiche includerebbero il sequestro di tutti i beni stranieri di nazioni ostili; congelare tutti i rimborsi dei prestiti alle banche occidentali e depositare i fondi in un conto bloccato in una banca russa; bandire completamente tutti i media stranieri ostili, la proprietà straniera dei media, ONG assortite e i fronti della CIA; e fornire alle nazioni amiche armi all'avanguardia, condivisione di informazioni e addestramento ed esercitazioni congiunte.
 
Quello che è certo è che una nuova architettura dei sistemi di pagamento – come discusso da Michael Hudson e altri – che unirà l'SPFS russo e il CHIPS cinese, potrebbe presto essere offerta a decine di nazioni in tutta l'Eurasia e nel Sud del mondo – molte delle quali già sanzionate, come Iran, Venezuela, Cuba, Nicaragua, Bolivia, Siria, Iraq, Libano, RPDC.
 
Lentamente ma inesorabilmente, siamo già sulla strada per l'emergere di un consistente blocco del Sud globale, immune alla guerra finanziaria statunitense.
 
I RIC nei BRICS – Russia, India e Cina – stanno già aumentando il commercio nelle proprie valute. Se guardiamo l'elenco delle nazioni all'ONU che hanno votato contro la Russia o si sono astenute dal condannare l'Operazione Z in Ucraina, più quelle che non hanno sanzionato la Russia, abbiamo almeno il 70% dell'intero Sud del mondo.
 
Così ancora una volta è l'Occidente – più satrapie/colonie come il Giappone e Singapore in Asia – contro il resto: Eurasia, Sud-est asiatico, Africa, America Latina.
 
Il prossimo crollo europeo
 
Michael Hudson mi ha detto, "gli Stati Uniti e l'Europa occidentale si aspettavano un Froelicher Krieg ("guerra felice"). La Germania e altri paesi non hanno ancora iniziato a sentire il dolore della privazione di gas, minerali e cibo. QUESTO sarà il vero gioco. L'obiettivo sarebbe quello di strappare l'Europa al controllo degli Stati Uniti attraverso la NATO. Ciò comporterà "ingerenze" creando un movimento politico e un partito del Nuovo Ordine Mondiale, come era il comunismo un secolo fa. Potresti chiamarlo un nuovo Grande Risveglio.
 
Un possibile Grande Risveglio di certo non coinvolgerà la sfera NATOstan in tempi brevi. L'Occidente collettivo è piuttosto in una seria modalità di Grande Disaccoppiamento, la sua intera economia armata con l'obiettivo, espresso apertamente, di distruggere la Russia e persino – il perenne sogno proibito – di provocare un cambio di regime.
 
Sergey Naryshkin, il capo dell'SVR, lo ha descritto sinteticamente:
 
“Le mascherine sono cadute. L'Occidente non sta solo cercando di racchiudere la Russia in una nuova "cortina di ferro". Stiamo parlando di tentativi di distruggere il nostro Stato – la sua 'abolizione', come è ormai consuetudine dire nell'ambiente liberal-fascista 'tollerante'. Dal momento che gli Stati Uniti e i loro alleati non hanno né l'opportunità né lo spirito di tentare di farlo in un confronto politico-militare aperto e onesto, si stanno compiendo tentativi subdoli per stabilire un “blocco” economico, informativo e umanitario».
 
Probabilmente l'apice dell'isteria occidentale è l'inizio di una Jihad neonazista del 2022: un esercito mercenario di 20.000 uomini assemblato in Polonia sotto la supervisione della CIA. La maggior parte proviene da compagnie militari private come Blackwater/Academi e DynCorp. La loro copertina: "ritorno degli ucraini della Legione straniera francese". Questo remix afgano arriva direttamente dall'unico playbook che la CIA conosce.
 
In realtà, i fatti sul campo alla fine porteranno intere economie in Occidente a diventare vittime della strada, con il caos nella sfera delle materie prime che porterà a costi energetici e alimentari alle stelle. Ad esempio, fino al 60% delle industrie manifatturiere tedesche e il 70% di quelle italiane potrebbero essere costrette a chiudere definitivamente, con conseguenze sociali catastrofiche.
 
La macchina europea non eletta e super-kafkiana di Bruxelles ha scelto di commettere un triplo harakiri presentandosi come abietti vassalli dell'Impero, distruggendo ogni residuo impulso di sovranità francese e tedesca e imponendo l'alienazione dalla Russia-Cina.
 
Intanto sarà la Russia a indicare la strada: solo l'autosufficienza garantisce l'indipendenza totale. E il quadro generale è stato ben compreso anche dal Sud del mondo: un giorno qualcuno si è dovuto alzare in piedi e dire “basta”. Con la massima potenza per sostenerlo.
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022