ProfileLe guerre dell'Impero in declino, 16 aprile 2022 - Voglio dire qualcosa sul disperato tentativo dell'Ucraina di inscenare attacchi orribili per fomentare l'odio occidentale nei confronti della Russia. È senz’altro la componente più “efficace” del tentativo fallito dell'Ucraina di combattere la Russia...  

 

A son of the New American Revolution, 11 aprile 2022 (trad.ossin)
 
Leggi i fondi psyops del caffè
Larry Johnson 
 
 
 
 
Se stai cercando una solida analisi militare della situazione sul campo in Ucraina, prenditi un’ora e guarda l'intervista di Gonzalo Lira a Scott Ritter. Scott ha la migliore conoscenza della strategia e delle tattiche militari in gioco nel Donbas
 
 
Voglio dire qualcosa sul disperato tentativo dell'Ucraina di inscenare attacchi orribili per fomentare l'odio occidentale nei confronti della Russia. È senz’altro la componente più “efficace” del tentativo fallito dell'Ucraina di combattere la Russia. Ma metto "efficace" tra virgolette perché la propaganda spinta su Bucha e l'attacco missilistico a Kramatorsk non sono riuscite ad ottenere l’intervento della NATO con forze di terra e aeree all'interno dell'Ucraina. Il grande spettacolo dell'invio di carri armati, sistemi di difesa aerea obsoleti e armi in Ucraina non sta cambiando la situazione tattica sul campo. Ci fa solo sentire meglio.
 
A meno che la NATO non adotti la tattica suicida di entrare in guerra, gli Stati Uniti e la NATO guarderanno impotenti nelle prossime settimane (e forse mesi) mentre la capacità militare ucraina si esaurisce. Allo stesso tempo, la situazione economica dell'Ucraina peggiorerà. Cosa voglio dire? Carburante scarso, cure ospedaliere limitate e scarsità di cibo. L'unica strada per le importazioni e le esportazioni è oltre il confine occidentale con la Polonia. Supponendo che alcune importazioni ed esportazioni possano trovare la loro strada oltre quel confine, esse rappresentano solo una frazione di ciò che l'Ucraina riusciva a commerciare attraverso i suoi porti meridionali sul Mar Nero. La vita normale in Ucraina è kaput.
 
Scott Ritter osserva correttamente che l'esercito ucraino bloccato a est (cioè il Donbas) è trincerato in bunker sotterranei. Sebbene ciò offra ai soldati ucraini una certa protezione, significa anche che questi soldati non sono mobili e mancano dell'armatura e di altri veicoli a motore per organizzare una controffensiva. In effetti, qualsiasi colonna di camion o carri armati sarebbe altamente vulnerabile agli attacchi degli aerei russi, dell'artiglieria e dei missili da crociera e sarebbe probabilmente rapidamente distrutta.
 
Mentre la classe politica a Washington è gonfia di desiderio di aumentare il sostegno all'Ucraina e intraprendere un'azione più forte, la maggior parte dell'opinione pubblica statunitense non chiede un intervento. Sì, c'è tristezza e rabbia per la sofferenza del popolo ucraino, ma il pubblico statunitense non si mette in fila per unirsi a una nuova guerra in un paese lontano. Le loro vere preoccupazioni sono, invece, l'inflazione, gli immigrati illegali che inondano il confine meridionale e l'aumento della criminalità nelle aree urbane. Insomma, la guerra di propaganda sta fallendo.
 
Sono allo stesso tempo divertito e disgustato dallo spettacolo dei generali esperti che popolano i canali di notizie via cavo. Offrono una critica aspra e delirante alla mancanza di progressi della Russia sul terreno in Ucraina senza ammettere i propri fallimenti nel pacificare l'Iraq e l'Afghanistan. Nonostante un budget per la difesa di 800 miliardi di dollari, l'esercito statunitense non è riuscito a sconfiggere i talebani e non è riuscito a proteggere l'Iraq. Spendere molti soldi non garantisce il successo militare. E il buon Dio sa che abbiamo speso un sacco. A che fine?
 
Mi auguro che la nostra nazione si impegni in una seria riflessione e ripensi le politiche fallite che abbiamo perseguito per quarant'anni. Ad esempio, le sanzioni non funzionano. Se le severe sanzioni economiche dovrebbero bastare a provocare un cambio di regime, ebbene Cuba, Corea del Nord, Iran, Iraq e Siria non lo hanno capito. L'imposizione di sanzioni può giocare bene politicamente negli Stati Uniti, ma non produce i rivolgimenti sperati dai politici statunitensi.
 
Le sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto alla Russia hanno messo in luce i limiti del potere statunitense. Il predominio del dollaro un tempo onnipotente nell'economia internazionale è ora in discussione. La Russia non si è raggomitolata in posizione fetale ed è morta. Sta stringendo nuovi legami economici con i due più grandi paesi del mondo: Cina e India. Non possiamo ignorare il nuovo ordine economico emergente che rischia di limitare gravemente la capacità degli Stati Uniti di avere un peso sulla scena mondiale.
 
È tempo che il popolo statunitense metta ordine nella propria casa. Piuttosto che inseguire oggetti luccicanti in terre straniere, dovremmo ricostruire le nostre infrastrutture, proteggere i nostri confini, riformare il nostro sistema giudiziario in modo che tutti gli statunitensi siano trattati in modo equo e chiedere che ai bambini che sono imprigionati nei centri urbani disfunzionali venga effettivamente offerta la possibilità di essere adeguatamente educati. Preoccuparsi per il benessere dell'Ucraina è pazzesco quando la nostra stessa dimora è in fiamme e marcisce per colpa di politici corrotti che vanno a Washington e diventano ricchi. Coloro che insistono sul fatto che siamo ancora il paese più libero del mondo dovrebbero chiedere ai prigionieri politici detenuti nelle carceri statunitensi per aver osato protestare contro un'elezione rubata cosa pensano.
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022