Unz Review, 16 maggio 2021 (trad.ossin)
 
Israele bombarda gli uffici stampa dell'Associated Press a Gaza
Andrew Anglin
 
 
Questa potrebbe essere la cosa più divertente di sempre
 
L'unico motivo per cui l'Associated Press ha uffici in Palestina è per dare una mano a Israele. Ma Israele va dritto per la sua strada e li bombarda, presumibilmente perché non stavano dando troppo una mano.
 
 
Questo ovviamente vuole essere un messaggio per tutti i giornalisti del mondo: strilla più forte a mio favore.
 
AP :
 
" Un attacco aereo israeliano sabato ha distrutto un grattacielo che ospitava l'ufficio dell'Associated Press nella Striscia di Gaza, nonostante le ripetute chiamate urgenti dell'agenzia di stampa ai militari per fermare l'attacco imminente. AP ha definito l’attacco "scioccante e orribile".
 
Dodici dipendenti e liberi professionisti dell'AP stavano lavorando e riposando nell'ufficio sabato pomeriggio, quando l'esercito israeliano li ha avvertiti per telefono, dando agli occupanti dell'edificio un'ora per evacuare. Tutti sono riusciti a scappare, afferrando alcuni effetti personali, prima che tre missili pesanti colpissero l'edificio di 12 piani, facendolo crollare in una gigantesca nuvola di polvere.
 
Sebbene nessuno sia rimasto ferito, l'attacco aereo ha demolito un ufficio che era come una seconda casa per i giornalisti dell'AP e ha segnato un nuovo capitolo nel già difficile rapporto tra l'esercito israeliano e i media internazionali. I gruppi per la libertà di stampa hanno condannato l'attacco. Hanno accusato i militari, che sostenevano che l'edificio ospitasse l'intelligence militare di Hamas, di aver tentato di censurare la copertura dell'inarrestabile offensiva di Israele contro i militanti di Hamas.
 
Prima dell’attacco, l'AP più volte telefonato all'esercito israeliano, al ministro degli esteri e all'ufficio del primo ministro, ma nessuno ha risposto o ha risposto per dire  che non c'era nulla da fare ".
 
 
Per 15 anni, l'ufficio all'ultimo piano dell'AP e la terrazza sul tetto sono stati un luogo privilegiato per coprire i conflitti di Israele con i governanti di Hamas a Gaza, ivi comprese le guerre del 2009, 2012 e 2014. Le telecamere dell'agenzia di stampa hanno effettuato riprese dal vivo 24 ore su 24, mentre i razzi dei militanti si alzavano verso Israele, o durante i martellanti attacchi aerei israeliani sulla città e l’area circostante di questa settimana.
 
Potete leggere l'intero articolo di AP sul bombardamento del loro edificio - in realtà prendono le parti di Israele perfino nell’articolo su come essi stessi sono stati appena bombardati!
 
Gary Pruitt, presidente e amministratore delegato dell'AP, ha rilasciato una dichiarazione.
 
Per qualche ragione aveva un cerotto sul naso quando ha rilasciato la dichiarazione (come se si fosse appena rifatto il naso).
 
 
L'edificio ospitava anche alcuni uffici di Al-Jazeera, motivo per cui l'hanno preso di mira.
 
Bibi ha risposto all'inchiesta internazionale sull'attentato dicendo, e cito: "Non era un edificio innocente".
 
 
Immagino che pensasse che ci potessero essere dei bambini terroristi.
 
Israele ha il diritto di proteggersi dai bambini terroristi.
 
 
E adesso, i media?
 
Abbiamo tutti visto i media impazzire per l'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, un membro della Fratellanza musulmana che aveva scritto articoli in inglese per il Washington Post. Khashoggi è stato ucciso dal principe saudita Muhammed bin Salman. Salman è un alleato di Israele, e quindi generalmente off-limits, ma almeno i media lo hanno processato. Potrebbe essere stato principalmente per attaccare Donald Trump - non lo sapremo mai. Sappiamo che Joe Biden ha detto che non avrebbe in alcun modo punito l’Arabia Saudita per l’omicidio di questo tizio (facendolo a pezzi), e i media hanno mugugnato, poi hanno passato la mano.
 
Quel che sono certo abbiamo appreso dalla saga Khashoggi è che i giornalisti sono persone sacre, a patto che non siano Julian Assange.
 
Penso che si possa tranquillamente dire che, anche se non è morto nessuno, in realtà far saltare in aria un edificio della stampa è un gesto più estremo dell’assassinio di un singolo giornalista, soprattutto dal momento che Khashoggi, come membro (almeno de facto) della Fratellanza musulmana, potrebbe essere considerato come un combattente nemico in un conflitto più ampio del suo ruolo di giornalista.
 
Il semplice fatto di aver fatto saltare in aria un ufficio dell'Associated Press è il più grave attacco contro i giornalisti, da parte di chiunque, che io abbia mai visto. E’ certamente qualcosa di molto più grave delle vaghe affermazioni che Vladimir Putin stia "uccidendo i giornalisti".
 
La domanda è: ci sarà qualche condanna di Israele per averlo fatto? Al di là delle lamentele iniziali, delle affermazioni che "questo è un male", i giornalisti insisteranno davvero sulla questione? È Freedom House porterà il caso alle Nazioni Unite?
 
 
No. No, non credo che Freedom House spingerà la questione molto lontano.
 
Ma anche se i cani da guardia non fanno i cani da guardia, qualcuno dovrà lamentarsi di questo crimine di guerra, giusto?
 
E gli stessi giornalisti? La principale testata giornalistica, New York Times, e la principale stazione televisiva, CNN, davvero usciranno con titoli indignati sui giornalisti bombardati?
 
 
No.
 
No, suppongo che non lo faranno.
 
Non credo neppure che cominceranno a coprire le massicce proteste anti-israeliane che si stanno svolgendo in ogni grande città.
 
 
 
Che cosa incredibile, il modo in cui la lobby ebraica si è impadronita di tutti i media. Hanno divulgato un programma davvero estremo "le persone di colore hanno sempre ragione e sono al di sopra di tutti", poi hanno iniziato a massacrare le persone di colore, a distruggere le loro città e farla franca.
 
L’essenziale di questo bombardamento contro AP è il seguente: se possono uccidere persone di colore e farla franca, possono praticamente fare qualsiasi cosa – compreso l'uso di bombe per zittire i giornalisti.
 
Questo sistema moderno esalta i giornalisti mainstream, certo. Ma non tanto quanto esalta le persone di colore.
 
Quello che il bombardamento di questo edificio dell'AP e il bombardamento della Palestina in generale dovrebbero insegnare alla gente è che l'intera dicotomia "sinistra contro destra" è falsa. L'intera storia del 21 ° secolo è in realtà "ebrei contro non ebrei".
 
Guardate:
 
- La destra non fa nulla per bloccare l'agenda transessuale. I governatori degli stati rossi stanno ponendo il veto sui progetti di legge per fermare i transessuali.
- La destra non fa nulla per fermare l'agenda nera. Brian Kemp ha appena abolito l'arresto.
- La sinistra non fa nulla per fermare i bombardamenti sulla Palestina.
- La sinistra non fa nulla per difendere i giornalisti che vengono bombardati.
 
Noi di Tranny Watch siamo costantemente dalla parte giusta.
 
Non sono di sinistra, non sono generalmente filo-musulmani o filo-neri. Eppure vi dico: non si può giustificare in alcun modo che Israele abbia massacrato tutti questi bambini, abbia distrutto le case di tutti e semplicemente stia attuando un piano genocida contro persone che tiene rinchiuse in una prigione a cielo aperto (Gaza).
 
Potete anche odiare i musulmani, ma questo tipo di guerra asimmetrica non può trovare giustificazioni. I Palestinesi non possono letteralmente difendersi e vengono semplicemente massacrati da queste bombe.
 
 
 
 
 
Eppure, come ben sappiamo, né l'establishment repubblicano né quello democratico odiano sempre i musulmani, dato che sostengono la guerra contro la Cina per salvare i "diritti umani" dei musulmani.
 
Sapete di cosa è accusata la Cina? E’ accusata di mandare terroristi musulmani nei campi di rieducazione e di far loro cantare canzoni sull'imperatore Xi.
 
Cosa preferireste che succedesse a voi: che la vostra città fosse interamente rasa al suolo e che i vostri bambini venissero fatti a pezzi, o essere costretti a cantare una canzone?
 
Nel frattempo, i musulmani uiguri in Cina sono in realtà dei terroristi e si affiliano in gran numero all'ISIS. Bombardando i combattenti di Hezbollah, Israele sta bombardando la lotta contro l'ISIS.
 
Inoltre: penso anche che i giornalisti dovrebbero essere trattati come la Croce Rossa. Non mi interessa se questo è un argomento di discussione a sinistra, è corretto: i giornalisti dovrebbero essere sempre protetti nelle zone di guerra. Occorre che questa sia la regola, se vogliamo essere informati di quello che succede in  guerra.
 
Ma ovviamente: non è davvero un programma di sinistra. Potrebbe essere un argomento di discussione a sinistra, ma come vediamo qui, non faranno mai nulla per proteggere effettivamente i giornalisti, e quando i giornalisti vengono bombardati, tutto quel che sanno fare è di dire "questo non va bene".
 
Ecco alcune delle ultime fotografie di ciò che Joe Biden (apparentemente senza ironia) ha definito "autodifesa israeliana". Notate che probabilmente non vedrete più tante foto così, adesso che Israele ha cominciato a prendere di mira esplicitamente i media.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021