Unz Review, 5 marzo 2021 (trad.ossin)
 
Sheldon Adelson, l'uomo che ha comprato Washington
Eric Margolis
 
La maggior parte dei miliardari spende i suoi soldi in ville, yacht, aeroplani e mogli molto più giovani. Ma non così il magnate dei casinò Sheldon Adelson, morto a Las Vegas l'11 gennaio, all'età di 87 anni
 
Sheldon Adelson e Donald Trump
 
Adelson era di umili origini. Ha usato i suoi 33 miliardi e più di dollari, accumulati col gioco d’azzardo, per comprare governi e soddisfare la sua passione per il sionismo. È diventato uno dei più importanti influencer politici, sia negli Stati Uniti che in Israele.
 
Attraverso i suoi comitati di azione politica e i suoi enti di beneficenza, Adelson ha messo l'enorme potere del suo denaro al servizio dell’obiettivo politico di espandere i confini di Israele, relegando i Palestinesi in ghetti sempre più ristretti, e assicurare allo Stato ebraico un sostegno militare, finanziario e politico quasi illimitato.
 
Negli ultimi anni, Adelson ha donato almeno 150 milioni di dollari a Donald Trump e al Partito Repubblicano. Sono un sacco di soldi per politici da quattro soldi. Adelson ha anche finanziato una pletora di comitati di azione politica, per lo più con fondi deducibili dalle tasse. Alcune fonti sono giunte a stimare in 11 miliardi di dollari l’ammontare delle sue donazioni politiche. I pochi deputati che non hanno voluto prostrarsi davanti ad Adelson o all'idea di un Israele più grande sono diventati il bersaglio della sua ira e dei suoi aspri attacchi politici. I senatori statunitensi Newt Gingrich e Marco Rubio sono stati tra i principali destinatari delle donazioni del kingmaker Adelson. Ma chi ha ricevuto più soldi di tutti, è stato Donald Trump.
 
Una parte importante del finanziamento politico di Trump proveniva dai casinò di Adelson e da una cerchia di miliardari ardentemente filo-israeliani. Molti erano legati al partito di destra israeliano Likud. In effetti, uno dei principali obiettivi politici di Trump è stato quello di sostenere l’intrensigente governo espansionista israeliano di Benjamin Netanyahu.
 
I critici hanno accusato Trump di essere un cavallo di Troia per l'estrema destra israeliana. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti è stato sbudellato da Trump e dal suo scagnozzo Mike Pompeo, presumibilmente perché ospitavano troppe mani del "vecchio Medio Oriente" che non erano sufficientemente sottomesse alle richieste di Israele. Anche altre agenzie governative sono state similmente epurate, tra esse la CIA e Voice of America. I commentatori dei media che non hanno rispettato la linea pro-Likud sono stati consegnati all'oscurità.
 
In Israele, Adelson è stato ancora più diretto. Ha fondato un giornale gratuito, "Israel Today", per sostenere le politiche di Benjamin Netanyahu e del suo partito Likud. Adelson ha svolto un ruolo importante nel mettere fuori gioco i partiti pacifisti israeliani che si opponevano a Netanyahu.
 
Dopo anni di finanziamenti sontuosi, alla fine Adelson ha impartito ordini di marcia sia a Trump che a Netanyahu. Con un colpo dei Parti, il Trump uscente ha costretto gli Stati arabi degli Emirati Arabi Uniti, Oman, Bahrain e Marocco ad uscire allo scoperto per riconoscere Israele e abbandonare i Palestinesi. Gli ordini di Washington non potevano essere ignorati da queste monarchie e autocrazie.
 
L'altro pilastro del consenso per Trump sono stati i fondamentalisti cristiani statunitensi. Come scrisse Upton Sinclair prima della Seconda Guerra mondiale, "quando il fascismo arriverà negli USA, sarà sotto il segno della croce". La folla di teppisti pro-Trump che ha preso d'assalto il Congresso degli Stati Uniti sventolava striscioni su cui era scritto “Gesù salva'', ma essi sono stati rapidamente cancellati dai successivi notiziari televisivi. Tuttavia, gli estremisti di destra cristiani rimangono una forza potente nella vita statunitense e un sostegno apparentemente illimitato per Israele. Sono anche il blocco di potere-chiave nel partito repubblicano.
 
Come ho scritto tre anni fa, il Partito Repubblicano è diventato una setta religiosa. Non ha niente in comune con il vecchio partito moderato di Lincoln o Eisenhower. I nuovi repubblicani si trovano in quella cintura biblica del sud e del Midwest che ha consegnato agli Stati Uniti il proibizionismo e la discriminazione razziale. Questa rinata cintura biblica è anti-intellettuale, xenofoba, anti-educativa e intrisa di teologia primitiva.
 
Donald Trump è stato abbastanza intelligente da ottenere il controllo di questa destra bifolca, presentandosi come una figura biblica quasi religiosa. Molte delle sue azioni apparentemente bizzarre erano una studiata sceneggiata politica rivolta ai fondamentalisti religiosi o a quel tipo di bifolchi che hanno preso d'assalto il Campidoglio degli Stati Uniti.
 
Nonostante questo mostruoso crimine politico, i repubblicani rimangono saldamente sotto la leadership di Trump e contano ancora molto. Le prossime elezioni di medio termine potrebbero riportarli al potere. Trump e i suoi alleati israeliani di destra contano i giorni.
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021